UFFICIALE: Hart al Toro

Il Torino Football Club è lieto di annunciare di aver acquisito dal Manchester City, a titolo temporaneo, il diritto alle prestazioni sportive del calciatore Joe Hart.

Charles Joseph John Hart, meglio conosciuto come Joe Hart, è nato in Inghilterra, a Shrewsbury, il 19 aprile 1987. Portiere titolare della Nazionale inglese, approda al Torino dal Manchester City dove ha giocato dal 2010 vincendo 2 campionati, 1 Coppa d’Inghilterra, 2 Coppe di Lega inglese e 1 Charity Shield. Nel suo palmares c’è anche il record di presenze, 62, in competizioni europee con i Citizens. Estremo difensore dotato di un’imponente struttura fisica (un metro e 96 centimetri di statura per 91 kg di peso), in carriera ha già al suo attivo più di 450 partite nelle squadre di club in cui ha militato, alle quali vanno aggiunte le 63 presenze maturate con la Nazionale.

Il benvenuto del Presidente Urbano Cairo: “Joe Hart è un portiere di livello internazionale, con un’esperienza notevole maturata sia con il Manchester City, sia con la Nazionale inglese in cui tra l’altro ha esordito giovanissimo, a 21 anni. Essere riusciti a ingaggiarlo è per tutti noi motivo di grande soddisfazione e testimonia le nostre ambizioni di voler costruire una squadra sempre più forte e competitiva. Come sempre sarà il campo a stabilirlo, certamente non abbiamo indugiato un solo secondo quando abbiamo colto l’opportunità di poter intavolare una trattativa con il Manchester City. Hart, oltre al talento, porta in dote l’umiltà dei forti, l’entusiasmo di chi sa mettersi quotidianamente in discussione per meritarsi uno spazio da protagonista: sono gli stessi stimoli che spronano tutti i suoi compagni, perciò anche per questo e a nome di tutta la Società sono lieto di accogliere Joe Hart con il più cordiale benvenuto. Benvenuto a Torino, e Sempre Forza Toro!

Le prime parole in granata di Hart: “All’improvviso la mia carriera ha subìto una svolta, l’ho interpretato come un segno del destino. E così anche io dovevo fare qualcosa… L’offerta del Torino è arrivata al momento giusto, con il modo giusto. Sono molto felice di potermi confrontare in un campionato bello e difficile come la Serie A. La vostra scuola dei portieri è riconosciuta in tutto il mondo, perciò sono convinto di poter imparare ancora molto qui nel Toro: anche per questo ho accettato subito con grandissimo entusiasmo la proposta del Presidente Cairo. Dello staff conosco già Lombardo, con Attilio abbiamo lavorato a Manchester e abbiamo anche vinto: speriamo di rivivere tante belle emozioni insieme. Ho letto alcune interviste sul Toro, l’allenatore vuole che i calciatori siano umili ma ambiziosi: anche questo mi piace molto, è così che io voglio essere”. (torinofc.it)

ABOUT THE AUTHOR: La Redazione

La Redazione di CuoreToro.it
  • Maurizio Scarampi 31 Agosto 2016 at 13:30

    Voglio essere il primo:

     
    CIAO JOE, BENVENUTO !!!

  • Pupi57 31 Agosto 2016 at 14:38

    MAURI QUESTO SARà UN ALTRA METEORA?

     

  • dalla mutta 31 Agosto 2016 at 16:02

    Gia’ sostituire Padelli ero felice , se poi , anche se per solo 1 anno, con il portiere della nazionale Inglese, be allora sono stracontento, lo stopper serbo pero’ mi sa’ che salta, troppo tempo per l esito delle analisi…..Bovo titolare tutto l’anno nooooo, speriamo che siano andate bene dai video sarebbe un bel mastino

  • Pupi57 31 Agosto 2016 at 17:11

    Meglio che niente peccato però solo per un anno

  • Toro71 31 Agosto 2016 at 18:03

    *BENVENUTO JOE*

  • Maurizio Scarampi 31 Agosto 2016 at 19:39

    Pupi57, scusa il ritardo ma sono in vendemmia. Bah, che dire…..il contratto parla chiaro: prestito secco per un anno. Certo forte è forte. Magari facciamo un’annata super, lui s’innamora del Toro e Cairo apre i cordoni della borsa……

  • Giulio56 31 Agosto 2016 at 19:57

    A rocchetta Palafea si vendemmia il moscato?  Buona vendemmia.

    Situazione portieri:

    Ichazo al Bari;  Gomis al Bologna;

    rimangono Hart e Padelli.

  • Toro71 31 Agosto 2016 at 20:48

    E chi ce lo prende il citofono… Ma perché Gomis non è rimasto ad imparare da Hart? Speriamo che giochi a Bologna e superi le sue paure, la sua esagerata sicurezza o quello che cavolo ha…

Lascia un commento