Le pagelle di Torino – Chievo 1-1

0
46

Sharing is caring!

TORINO (4-3-3):

SIRIGU 6: Non ha grandi responsabilità sui colpi di testa che aprono la partita (il palo di Castro e la rete di Hetemaj), per il resto compie solo la normale amministrazione.

DE SILVESTRI 5,5: Si fa battere in modo piuttosto ingenuo da Hetemaj in occasione del gol clivense. Nel resto della gara non sfigura, ma non trova mai spazio per gli inserimenti, eccetto la bella azione che porta Falque a colpire la traversa.

N’KOULOU 6: A metà primo tempo commette una “follia”, con un retropassaggio insensato verso Sirigu, che per fortuna non fa danni. Non è la prima volta che gli capita, in alcuni momenti sembra estraniarsi dalla partita. Peccato, perchè ha mezzi fisici e tecnici, per essere uno dei migliori difensori del campionato. Per il resto, una gara senza grosse difficoltà.

BURDISSO 6,5: Doveva essere un’alternativa, si conferma un difensore di grande affidamento. Dopo Icardi, annulla anche il pericolo Inglese, non facendogli mai arrivare un pallone, ed estromettendolo di fatto dalla partita. Sull’unico pallone giocabile in area granata dal centravanti ospite, si immola evitando un gol fatto.

ANSALDI 6,5: Non inizia benissimo, per tutto il primo tempo si vede poco, attento a chiudere gli spazi per gli inserimenti di Castro e Cacciatore. Dopo i primi 20 minuti,  comincia a spingere tantissimo lungo la fascia, risultando a volte l’unico granata in campo con le idee chiare su cosa fare. Col trascorrere dei minuti perde un po’ di lucidità e precisione, ma ancora una volta risulta tra i migliori.

RINCON 5,5: Protagonista a San Siro, quando doveva solo difendere, con il Chievo mostra tutti i suoi limiti tecnici e di lettura della gara. Non è un regista, non ha i tempi di gioco, non sa verticalizzare nè cambiare fronte di gioco. Tutte cose che sarebbero fondamentali contro squadre chiuse e ben organizzate ma non trascendentali, come il Chievo di oggi.

41′ st VALDIFIORI: s.v.

BASELLI 7: Contro l’ordinata e ben organizzata difesa gialloblù, è l’unico centrocampista in grado di sorprendere gli avversari con gli inserimenti centrali. Ci prova una prima volta, ma il tiro termina a lato, nella seconda fa centro. Uno dei migliori in campo, e uno dei pochi a fare sempre la scelta giusta.

OBI 6: Fino a quando le forze lo sorreggono, è uno dei migliori: pressa, attacca, si muove molto, non dando mai punti di riferimento agli avversari, che faticano a trovargli un marcatore fisso. Un po’ distratto sull’inserimento di Castro che colpisce il palo ad inizio gara, ha però il merito di servire l’assist per il gol a Baselli.

21′ st NIANG 5: Entra in campo con i braccialetti del Senegal, per ricordare la qualificazione della propria Nazionale ai mondiali di Russia. Si mette sull’esterno, prova a puntare Cacciatore, ma non lo salta mai e spesso finisce col perdere palla.

FALQUE 5,5: Meno brillante di altre volte, ben ingabbiato dalla difesa veneta, non trova lo spunto vincente, nè come finalizzatore, nè come assist-man. Ha una sola occasione da gol, peratro clamorosa, ma da pochi passi centra prima Sorrentino e poi la traversa. Un errore che pesa.

34′ st BERENGUER: s.v.

BELOTTI 4,5: Reduce dalla delusione mondiale con l’Italia, dimostra di essere ancora molto lontano dalla migliore fisica, e anche da quella mentale. Si impegna, ma è frenetico, pasticcione, impreciso. Quando gli capita il rigore decisivo nel finale, lo spreca malamente con un tiro fiacco e centrale. All’Olimpico si vede solo l’ombra del vero Gallo.

LJAJIC 5,5: Non trova mai lo spunto vincente, anche se l’impegno ce lo mette. Non è preciso nemmeno su punizione, e la sua prestazione è decisamente negativa, perchè da uno come lui ci si aspetta sempre che prenda in mano la squadra nei momenti complicati.

ALL. MIHAJLOVIC 5: La solita prestazione sconclusionata e affannosa: una squadra che non sa fare gioco, che patisce l’inferiorità numerica a centrocampo, che non ha uno spartito degno di questo nome. Basta un Chievo ordinato, che sa cosa fare, con un gioco ben definito, ed ecco riemergere tutte le difficoltà di questa squadra. Nel finale tenta per l’ennesima volta la carta offensiva, inserendo Niang al posto di un centrocampista, ma i risultati sono ancora una volta deludenti. Siamo a fine novembre, ma la sensazione è che gli obiettivi principali di questa stagione, siano seriamente compromessi, se non del tutto sfumati.

 

CHIEVO (4-3-1-2):

Sorrentino 7 – Cacciatore 6,5 – Cesar 6 – Tomovic 6 – Gobbi 5,5 – Radovanovic 5 – Hetemaj 7 – Castro 6 (28’pt  Bastien 6) – Birsa 6 (39′ st Pucciarelli s.v.) – Inglese 5 – Meggiorini 5,5 (30′ st Stepinski s.v.) – ALL. Maran 7
ARBITRO, sig. BANTI 5,5: Non sempre convincente nella gestione dei cartellini, ha più volte bisogno dell’intervento del VAR per prendere la decisione giusta. Non trasmette sicurezza, e non è sempre uniforme nella sanzione dei falli.

1 commento

  1. Un saluto a tutti i fratelli granata di questo sito. Erano 2 settimane che non scrivevo, la morte di mia mamma mi ha tenuto lontano dal Toro per un po’ ma vedo che non è cambiato nulla. Squadra senza un’idea di gioco evanescente con un Belotti in un preoccupante stato di involuzione. Mi è piaciuto Baselli ma anche Ansaldi e Burdisso sono stati all’altezza. Adem l’ho visto maluccio, impreciso ed avulso dal gioco idem Falque. L’allenatore ha le sue colpe ma il materiale umano a disposizione per i cambi è raccapricciante.

  2. Un abbraccio grande a Francesco

    Sulle pagelle credo che inserimenti e gol a parte (comunque molto bello il gol) anche Baselli oggi non abbia fornito una prestazione indimenticabile

  3. Tranquillo Francesco la mamma è una figura che non ti abbandona mai, è parte integrante di ogni figlio/a degno di questo nome quindi continuerai a sentirla dentro per sempre, io l’ho persa anni fa e non mi ha mai lasciato solo, ricordala soprattutto quando stai sorridendo, lei ne sarà felice.

  4. se sei d’accordo scambiamoci una email, che poi vogliamo parlarti in privato io ed altri fratelli che non frequentano piu questo forum.

  5. @francesco, preciso, a modo nostro mio di @vita e di @ater vogliamo farti un regalo, qui non dico nulla tanto sarebbe fiato sprecato con certe persone.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui