Le pagelle di Torino – Atalanta 1-1

0
109

Sharing is caring!

TORINO (4-3-3)

SIRIGU 6: Per un tempo il suo avversario è soprattutto il gelo. E quando il Papu Gomez ne saggia il grado di attenzione dalla distanza risponde presente. Nella ripresa è molto più impegnato, anche se non deve compiere “miracoli” per salvare il risultato.

DE SILVESTRI 5: I primi 3 palloni toccati, sono tutti sbagliati. L’inizio di una serata difficile e decisamente negativa: va bene che aveva di fronte il Papu Gomez, ma poteva e doveva fare molto meglio.

N’KOULOU 7: Con Sirigu è l’unico mai sostituito da Mihajlovic in campionato. Stavolta, oltre a non far mai tirare in porta Petagna, si fa vedere anche in area avversaria ed incorna con ottimo tempismo il gol del vantaggio.

BURDISSO 6: Ormai diventato titolare per meriti sul campo, nel primo tempo corre pochi rischi e comanda con ordine la difesa. Nella ripresa appare più in difficoltà, come tutta la squadra, e deve sfoderare tutto il suo mestiere per salvare il risultato.

ANSALDI: s.v.

15’ pt BARRECA 5: Una gara incolore, evidenziata dall’errore che tiene in gioco Ilicic in occasione del pareggio bergamasco. Un giovane di belle speranze che in questi due anni con il tecnico serbo non è mai cresciuto, anzi, sembra decisamente peggiorato.

BASELLI 5: Dovrebbe essere l’uomo di maggior qualità del centrocampo granata, in realtà gira per il campo per 90 minuti senza mai uno spunto o una giocata determinante. Decisamente confusionario.

RINCON 5.5: Quando deve svolgere compiti di regia, mostra tutte le lacune tecniche che ha, perdendo spesso il pallone e sbagliando i tempi delle giocate. Quando invece deve difendere, paga l’inferiorità numerica in mezzo al campo, correndo spesso a vuoto.

OBI 6,5: Quando sta bene (raramente) dimostra di essere un ottima mezz’ala, trovando i tempi di inserimento e accompagnando con regolarità il trio offensivo. Nel primo tempo è l’unico ad impensierire Berisha con una bella incursione, nella ripresa è il più ordinato in mezzo al campo, ma cala alla distanza.

28′ st BOYE’: s.v.

IAGO FALQUE 5: L’impegno non manca mai, ma da solo non può risolvere le partite. Nel primo tempo appare lontano dal gioco e deve arretrare nella propria metacampo per giocare un pallone. Più vivo nella ripresa, quando in un paio di occasioni riesce a tagliare verso il centro, e serve uno splendido assist di tacco per Ljajic.

35′ st EDERA: s.v.

BELOTTI 5.5: Una partita non trascendentale, ma è quello che paga più di tutti il non-gioco della squadra. Primo tempo anonimo, in cui prende solo dei colpi da Caldara. Nella ripresa appare più nel vivo della manovra e giunge alla conclusione in un paio di situazioni.

LJAJIC 6: Gioca da esterno offensivo, ma spazia su tutto il fronte d’attacco. Ha la palla buona su punizione ma la palla finisce fuori di poco. Si inventa una serpentina in area che costringe Berisha alla parata, poi fornisce l’assist su corner per l’1-0 di N’Koulou. Nella ripresa ha la palla giusta ma sul colpo di tacco di Falque, “strozza” la conclusione che gli viene rimpallata.

ALL. MIHAJLOVIC 5: Un Toro sempre più depresso e deprimente, che non sa più vincere. Puoi cambiare gli uomini, ma se i tuoi unici schemi di gioco sono il lancio lungo per Belotti, o la palla ai due esterni offensivi “sperando” che creino qualcosa, i risultati saranno negativi. Non si vede gioco, non si vedono manovre: purtroppo nel secondo tempo, si è vista tutta la differenza tra una buona squadra mal allenata e una discreta squadra ottimamente allenata.

 
ATALANTA (3-4-1-2):

Berisha 5,5 – Toloi 5,5 – Caldara 6,5 – Masiello 6 – Hateboer 6 – Cristante 6 – Freuler 5,5 – Spinazzola 6 – Kurtic 5 (dal 1′ s.t. Ilicic 7,5) – Gomez 6 – Petagna 6 (dal 28′ s.t. Cornelius s.v.) – ALL. Gasperini 7

 

ARBITRO, sig. TAGLIAVENTO 7: Forse dovrebbe usare maggiore severità con Caldara nel primo tempo, quando compie 3 interventi fallosi consecutivi su Belotti. Per il resto una gara diretta bene, con la solita autorità e senza indecisioni. Sull’unico episodio dubbio, all’ultimo minuto, non sanziona il rigore di Sirigu su Gomez, poichè l’argentino è partito in fuorigioco: il VAR conferma.

 

1 commento

  1. …una buona squadra mal allenata contro una discreta squadra ottimamente allenata….
    Questa e’la fotografia drl Toro perfettamente azzeccata.

  2. Ripeto, da quello che ho visto in campo la differenza tra i 2 mister ieri sera è stata una sola……

    Il gobbo aveva Ilicic in panchina noi Boye…..!!!!!!!

    La differenza societaria la si è vista in agosto sul caso Spinazzola…..il “nostro” presidente lo avrebbe portato lui in macchina a Villar perosa

  3. Concordo con Fabry e quindi col giudizio di Giorgio. Si raffrontino le formazioni iniziali, sulla carta era vittoria facile facile. Gasperini, tacciato di essere gobbo, è un allenatore che fa la differenza, Sinisa purtroppo la fa al contrario. In campo c’era una squadra (l’Atalanta) che propone gioco sempre e comunque, nonostante il primo tempo anonimo. Non si può spiegare il tutto col solo Ilicic, noi dall’altra parte comunque avevamo Belotti, Ljajic, Falque, Baselli, Rincon, Obi, e a malapena si azzeccavano due passaggi di fila.

  4. Non capisco poi la confusione, i palloni sempre tenuti alti, ma li vogliamo abbassare sti palloni? Ilicic al Toro starebbe in tribuna, non vale nulla, in un club come il Toro; un elemento da sana provincia. Ma dove sono Berenguer e Niang? Pagati quattro volte Ilicic? Le pressioni sono diverse

  5. Ho un dilemma:

    A) Sinisa si spende e sbraita spiegando e disegnando schemi poi gli 11 che entrano in campo e se ne sbattono di mettere in atto quanto vorrebbe il tecnico

    B) Sinisa concepisce schemi di questa fattura e diligentemente i calciatori li eseguono

    Ai posteri l’ardua sentenza

     

     

  6. Infatti Corti è sicuramente colpa del mister se dei giocatori sbagliano i più elementari passaggi come hai scritto tu non si riusciva a fare 3 passaggi di fila…………certamente è colpa del modulo che invocavi del centrocampo a 3…..!!!! sul Gobbo dico solo che Genoa a parte in qualsiasi piazza sia andato è stato esonerato……vedi Inter vedi Palermo……..e anzi anche aL Genoa….dopo 3 stagioni alla quarta fu esonerato la prima volta….!!!!

  7. @ GTA io ho l’impressione che oramai ci sia lo spogliatoio diviso tra promister e quelli contro…………certo è solo una sensazione……

  8. Credo anch’io che il dialogo tra calaciatori e sinisa sia ormai chiuso, e credo che sinisa abbia già annunciato l’addio alla panchina per cui, conoscendo Cairo le cose si trascineranno sino a fine campionato (visto che il rischio serie B per fortuna è escluso) poi arriverà Guardiola……………a centrocampo!

  9. @mauro penso anch’io che lo spogliatoio sia rotto.

    @corti, i valori sulla carta restano sulla carta, la pratica è un altra cosa, abbiamo la squadra zeppa di nomi importanti delle panchine piu prestigiose, ma erano solo panche o ufficio collocamento.

  10. Il bello è che Gasperini nel 2015 è arrivato 6° con il Genoa, giocando un calcio spettacolare (a noi 5 a 1), in squadra aveva Rincon, Falque, Burdisso e Niang!!  Guarda un po’, con lui rendevano….

    Questa per Mauro e per Rolly.

  11. Mi auguro soltanto che il colloquio Cairo/Gasperini fosse assolutamente accademico perchè, ricordando proprio l’ultimo anno del mister a genova non vorrei si sedesse sulla panchina del Toro.

  12. Mi frega assai che ha allenato la primavera della Juve! Questo è uno che col solo Papu Gomez e un branco di ragazzini è arrivato QUARTO in serie A con l’Atalanta.

    L’anno dopo gli hanno venduto mezza squadra ed è in testa al girone di Europa League davanti a Lione ed Everton (8 gol in due partite) e domenica ci ha fatto vedere come si gioca a calcio.

    In parole povere un ALLENATORE come Cristo comanda. Magari lo prendono.

  13. Corti intorno a quei 4 che hai menzionato ruotano a turno desilvestri molinaro barreca berengher acquah mezzo liaic mezzo belotti moretti……

  14. Non sbavando per sinisa devo tuttavia ammettere che con quelli che si ritrova in squadra (tanto vecchia guardia che new entry) possa davvero fare ben poco, i valori passati e valori da scoprire si sono accomunati in un’unica grossa delusione per noi tifosi che non possiamo soffrire in silenzio e quindi spariamo (a salve) su società e calciatori.

  15. le unghie le mangio purtroppo corti, è un dato di fatto che fanno cagare se poi per te sono gli stessi del genoa si chiude il discorso nessun problema.

  16. vado controcorrente……gasperini era gobbo???? anche Ciro era gobbo, anche Bruno….io vorrei che arrivassero Quadrado, Marchisio, e persino Djbala e Higuain, io vorrei fare finalmente un minimo di salto di qualita’, e ho dato il benvenuto quest anno a Rincon (poi che fino a ora mi ha deluso e’ un altra faccenda) ,basta …….loro  non si farebbero scrupoli…se avessero avuto un problema centroavanti il gallo sarebbe gia’ con la maglia dei carcerati, io accetterei perfino Conte…..gasperini come mazzari hanno fatto alle volte bene e alle volte no, guidolin ha portato al preliminare l UDINESE….nessuno pio’ avere la certezza su questo o quell allenatore,secondo me sarebbe piu’ importante dotarsi di manager in gamba che gestiscano la societa’ e il calciomercato in maniera intelligente, abbiamo speso una gran fetta delle plusvalenze in operazioni assurde che  forse ci peseranno…. con 2 mil la viola ha preso thereau (per il prestito di Sadik abbiamo speso 1) con 15 o 18 zucche quanta gente in europa cera meglio di Niang?????  per quella cifra la roma ti dava Perotti..per esempio…con i 6 di Berenguer la Lazio ha preso un signor centrocampista…Luis Alberto…..Che Toro sarebbe con questi 3 a parita’ di spesa???

  17. e se oltre a questi 3 si fossero spesi almeno altri 25 dei 50 in cassa???????? no dobbiamo giocare con De Silvestri, Molinaro e il 38enne Burdisso…..Boije’…valdiffiori………………….ecc  ecc

  18. Poi Sinisa ha deluso perche’ comunque la rosa e’ molto meglio del 12 posto di un campionato mediocre, e sopratutto per un gioco inesistente, ora pero’ parlare in continuazione del suo avvicinamento potrebbe farci solo molto male, non siamo in pericolo e non lo saremo mai,,,, ma potremmo subire dolorose e vergognose mazzate qua e la’ per l italia se la squadra si sfalda del tutto

  19. Mah…

    Guarda, in linea di massima sarei anche d’accordo con te. Assurdo l’acquisto di Sadiq.

    Però il 38enne Burdisso (preso per fare il 5° centrale) per me non ha sbagliato una partita, anzi, forse al momento è il più affidabile di tutti, con Ansaldi, e pure più sicuro di N’koulou (che rimane buono). In ottica futuro prossimo poi c’è Lyanco, questo, per me, è il miglior investimento della stagione,.

  20. Dalla, il problema non è di accettare o meno gobbi, l’ho scritto nell’ articolo su Gasperini ( vai a vederlo), il problema è proprio Gasperini.
    Preferirei vedere in panchina 1000 volte Conte che Gasperini!!!
    Cosa c’entrano Bruno o Ciro? Gasperini, che pure è un ottimo allenatore, è l’equivalente fuori campo di quello che è stato Maresca in campo. Maresca! Non Bruno!!

  21. Allora, T71, esuliamo dal discorso tecnico-calcistico, e già la cosa mi sembra discutibile perché qui si parla di trovare un mister che faccia al caso del Toro,e per me Gasperini sarebbe buonissimo, comunque…esuliamo

    Io Maresca me lo ricordo cosa ha fatto, mi ha fatto venire il sangue al cervello, l’avrei squartato e tutt’ora se lo incontrassi per strada lo insulterei a morte, per quanto io non sia solito fare certe cose

    Di gasperini nei derby primavera non ho mai visto niente, diciamo che mi fido di ciò che anche tu ammetti di aver sentito dire da altri, diciamo che mi fido. Non so neanche che cosa abbia detto o fatto di preciso, probabilmente gesti di sfida o di scherno nei derby risalenti almeno ad una quindicina di anni fa. Derby primavera dove il rapporto di forza è molto più alla pari, dove l’agonismo è imperante, qualcosa di molto più simile ai tornei di periferia dove il pubblico entra in campo, l’arbitro chiama le guardie e la rissa è sempre dietro l’angolo. Io mi ricordo un Lazio-Perugia di serie A, Cosmi espulso, beccato furiosamente dal pubblico, entrando nel sottopassaggio urlò verso la tribuna -Forza Roma!- Quello che mi sorprese fu il commento benevolo del giorno dopo di un mio amico laziale sfegatato che disse: -E’ il bello del calcio, l’essenza stessa del calcio. E’ come nei nostri tornei a Cinecittà –

    Ora tu parli di arroganza, di strafottenza. A me sinceramente Gasperini nelle interviste ha dato sempre l’impressione di essere una persona pacata, persino simpatica, comunque un professionista serio, e non faccio fatica ad immaginare il clima da partitella di periferia di un derby primavera, la tensione emotiva dei ragazzi ed anche di un mister alle prime armi. Veramente non so cosa abbia detto o fatto di così imperdonabile, ma in questo caso ripenso alla frase su Cosmi del mio amico laziale.

     

  22. Io odio Gasperini! Accetterei Conte marchisio Lippi pure del Piero sulla panchina! Anzi con stima ma Gasperini lo odio proprio.. pure le sue parole quando ci mandò in B con il Genoa dicendo che il Toro doveva imparare. A perdere. Però come dice Corti forse a volte bisogna essere superiori e se Gasperini venisse con umiltà e palesando voglia e stima allora forse… non lo so ma magari davvero serve un allenatore così, e se per fare sto MALEDETTO salto di qualità occorre lui… forse bisogna saper andare avanti… ma molto dipende da come si proporrà… non So io rimetto il mio giudizio e mi astengo (con l’odio nel cuore per il CANCRO DEL CALCIO ITALIANO: la jumerdus )

  23. ripeto se al posto di Cairo in persona come DS, petrachi visto come si e’ svolto il caso Niang mi sembra un prestanome, mettessimo un vero DS  che capisca di calcio …allora chiunque dei 3 nomi sopra indicati potrebbe essere buono, altrimenti potremmo solo migliorare ma non di molto, resteremo li nel limbo ..ogni 4 / 5 anni una toccatina dal preliminare di EL per poi ripiegare verso l attuale 12 posto…..una corrente alternata

  24. poi Burdisso ha fatto benino perche’ ora siamo un po’ piu’ coperti, Moretti in questa fase non avrebbe fatto peggio…ma abbiamo ancora bisogno di 38 enni?????????????????

  25. Sembra così poco adatto? Scommettiamo che diventano tutti fenomeni? 4 di loro già li allenati e lanciati, (ri-lanciati nel caso di Burdisso) Per voi quello che fa Petagna, non potrebbe farlo pure meglio Belotti?  Scommettiamo che nella lontanissima ipotesi, Boyé con Gasperini diventa un fenomeno? e Edera? E Lyanco?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui