Il Toro di WM c’è

0
103

Sharing is caring!

24^ di campionato e quinta partita diretta da Walter Mazzarri il cui score, da quando è diventato allenatore del Toro, è di tutto rispetto: tre vittorie in casa su tre, con otto gol realizzati e zero subìti, due pareggi in trasferta, rispettivamente contro il Sassuolo e la Sampdoria, quest’ultimo che sta molto stretto ai granata; quindi, complessivamente, la gestione Mazzarri ha portato 11 punti su 15 disponibili, con 10 gol segnati e solo due subìti. Il cambio di allenatore si sta dimostrando una mossa azzeccata. Il Toro è ancora in grado di raggiungere l’obiettivo d’inizio stagione, cioè la qualificazione in Europa League, e peccato per la sfilza di pareggi ottenuti, molti dei quali avrebbero potuto essere vittorie con ben altro riflesso sulla classifica.

Contro l’Udinese, sconfitta con il classico punteggio di 2 – 0, hanno molto ben impressionato, N’Koulou, autore della prima rete, il Gallo Belotti, tornato al gol, e che gol!, dopo un digiuno che durava dal 16 dicembre 2017, e il sempre più intraprendente Iago Falque, a mio parere il migliore in campo. Quest’ultimo si conferma giocatore eclettico, che sa stare sulla fascia destra, sulla fascia sinistra e, all’occorrenza, dietro le punte, macinando chilometri. N’Koulou è fondamentale nel reparto difensivo del Toro; è un calciatore da non lasciarsi assolutamente sfuggire per come interpreta il suo ruolo di centrale, e non solo. Se la difesa dei granata è diventata così solida, il merito è per gran parte suo e di Burdisso che, nonostante non sia più giovanissimo, ha dalla sua un bagaglio d’esperienza notevole. Il Gallo Belotti ha realizzato un gol dei suoi, partendo dalla sua metà campo, superando in velocità e resistendo alla carica dei difensori friulani Nuytinck e Samir, facendo poi partire un diagonale su cui Bizzarri nulla ha potuto.

L’Udinese ha dato qualche grattacapo al Toro sino alla rete di N’Koulou, realizzata al 32° del primo tempo. Infatti i friulani erano andati in gol con Barak, ma il VAR ha decretato l’annullamento del gol, a causa dell’off-side di Maxi Lopez, accolto con grande simpatia dalla Maratona. Nella seconda frazione di gioco, l’Udinese è parsa abbastanza confusionaria e poco efficace, nonostante i cambiamenti di sistemi attuati dal suo tecnico Oddo. Per contro, Walter Mazzarri, sul punteggio di 1 – 0 per il Toro, ha sostituito un bravo Obi, con Moretti, passando alla difesa a tre, e al 26° del secondo tempo, cinque minuti dopo il raddoppio di Belotti, ha mandato in campo Ansaldi al posto di un attivo Niang, sceso in campo nonostante la diffida che avrebbe potuto pregiudicarne la presenza nel Derby di domenica prossima, qualora fosse stato ammonito. Ansaldi ha giocato da mezzala, ruolo che gli ha cucito addosso Mazzarri, e che sembra andare a genio all’argentino. Ljajic è rimasto ancora una volta in panchina e, a questo punto, vien da pensare che il serbo non rientri nei piani dell’allenatore granata. E’ un peccato che un giocatore di talento qual è Ljajic, non sia riuscito a farsi apprezzare, mettendo a frutto le sue capacità, e quindi non abbia dato al Toro quel valore aggiunto che tutti si aspettavano. A meno di clamorosi ripensamenti, Ljajic è destinato a cambiare casacca; quello che i tifosi granata si aspettano è che il giocatore sia adeguatamente sostituito, sempre nell’ottica di far più forte il Toro.

Domenica prossima ci attende un appuntamento che personalmente non mi attira più di tanto in questo momento, per i seguenti motivi: è inutile negare che la Juventus è più forte del Toro come parco giocatori. Se poi si aggiunge che la squadra bianconera ha sempre dalla sua la “fortuna”, il gioco è fatto. Certo sarebbe entusiasmante se il pronostico, una volta tanto, fosse smentito. Chissà che Mazzarri non riesca a trovare la quadra, come si suol dire, “inventando” qualcosa che possa imbrigliare la manovra dei bianconeri. Sperare è lecito, incrociando le dita.

Franco Venchi

1 commento

  1. Prevedo una formazione tipo Samp, con tre centrocampisti e Baselli in marcatura su Pjanic o chi per lui in regia. In alternativa un 3-5-2 con Ansaldi sulla fascia. Ma credo piu´al 4-3-2-1. Sicuramente Mazzarri non giochera´in maniera speculare alla Juve cosi´come fece Mihajlovic. Un 4-3-3 che ci porto´al collasso. Probabile in caso di svantaggio l´entrata di Niang per recuperare il risultato. Sono ottimista. Lotteremo fino alla fine. Potremo anche perdere ma non regaleremo nulla. Forza Mazzarri e sempre FVCG.

  2. Come spesso capita Sig Venchi sono in disaccordo con le sue analisi (meglio cosi se no sarebbe sempre noia)ma questa volta devo ammettere che non è stato un aspetto tecnico o sportivo a lasciarmi perplesso ma la parte finale del suo articolo , quando afferma che la partita di domenica non la attira, ecco secondo questo è un punto fondamentale di questa gestione societaria, abituarci al mediocre o all’accontentarsi e penso che Lei , per sua stessa ammissione “ammiratore” di questa società e di questo presidente ne sia stato inficiato.

    Non sono certo qui a ergermi a tifoso migliore o attaccamento maggiore sarebbe un atteggiamento arrogante e superfciale………. ma per me quella di domenica non una “partita ” è la PARTITA……QUELLA CHE ALMENO 2 VOLTE ASPETTIAMO ….e che in passato anche con distacchi maggiori e squadre meno attrezzate di oggi abbiamo fatto piangere i Gobbi….non vedo come si possa dire….o gioire per una vittoria contro l’udinese o contro il Bologna e rendere il DERBY come se fosse un fastidio da superare in fretta, mi sembra che lei è come se avesse oramai una sudditanza assuefatta stile sassuolo stile atalanta che quando vanno allo Stadium come dice la “mer.da” Buffon si scansano e questo atteggiamento penso sia frutto di tanta mediocrità e atteggiamento che il TORO sta subendo da 13 anni..!!!

    FVCG………

  3. Beh, io questa partita la aspetto sempre col coltello tra i denti, e voglio che questa squadra sprigioni cattiveria da tutti i pori all’ennesima potenza, a costo di azzopparli tutti. Basta manfrine!

  4. Anch’io Marco. Pagherei per poter giocare 10 minuti per regolare i conti con qualche gobbo, lo svizzero in primis…….. alla maniera Pasquale Bruno……

    MA QUANTO LI ODIO ?????? GOBBI DI M LADRI MAFIOSI  !!!!!!!!!!!!

  5. Con asfissianti marcature a uomo su Pjanic, Costa e Higuain i gobbi sono nessuno e andrebbero in tilt. So che è contrario al nuovo stile del calcio (che ci ha portato ai mondiali 2018…….) ma avrebbe un effetto letale per gli asinizebrati.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui