Basta Toro: devi essere grande

0
32

Sharing is caring!

È da domenica che campeggia nello stato d’ animo dei tifosi granata solo tanta rabbia e delusione. Questi due sentimenti vengono sfogati da tanti, attraverso i vari social. Si leggono post di tutti i tipi: chi attribuisce la colpa alla società, chi al direttore sportivo, chi alla squadra, chi persino a Mazzarri, arrivato da soli due mesi. C’è anche chi rivorrebbe Mihajlovic e infine in tanti contestano Cairo.
Una cosa è sicura: i tifosi del Toro ed una squadra come il Toro, per la storia, per la piazza e per la città, meritano di meglio.
Il Toro non dovrebbe essere paragonato ad una piantina di plastica che, se è vero che non appassisce e non si rovina, è anche vero che non cresce mai.
Ed è la società che dovrebbe intervenire, per fare in modo che questo paragone non venga più fatto. Di sicuro non compare nessuno nel mercato di gennaio, anzi! Trattare un solo giocatore e arrivare alla fine del mercato senza essere riusciti a comprare nemmeno quell’ unico giocatore, non solo non fa svanire questo paragone ma lo alimenta.
Il popolo granata si merita tanto di più: si merita il Filadelfia completamente finito e di poter stare a contatto con la squadra più di un giorno alla settimana.
Il tifoso granata è un tifoso passionale, che vuole vivere il Toro sempre. Quindi, perchè a fine allenamento, a porte aperte o chiuse che sia, non far passare qualche giocare (se proprio non si riesce o non si vuole tutti) a fare foto, autografi ai bambini e a scambiare due parole? Uno scambio ed un confronto che possano arricchire sia il giocatore che il tifoso. Forse questo è chiedere troppo di questi tempi…

È veramente brutto vedere al Filadelfia i giocatori andarsene velocemente, fare 2 foto e 2 autografi e poi essere costretti ad allontanarsi il prima possibile perchè intanto hanno bloccato la strada.
Per quanto riguarda il campo è inutile ripetersi: dal campo bisogna uscire con la maglia sudata, avendo dato tutto per se stessi, per la squadra, per i tifosi e per quella maglia GRANATA che ha una storia unica.
L’ ultimo segnale, che la pazienza è finita, è arrivato ieri al Filadelfia con qualche coro contro i giocatori e qualche mugugno dalla tribuna. Questa non può essere un’altra stagione buttata via e solo la società e i giocatori possono fare qualcosa per rimediare. Quindi si sbrighino perché la stagione è quasi al termine.
Speriamo che quella di Verona sia l’ultima figuraccia, per convincere la società a far sparire finalmente il paragone con la piantina di plastica e a far tornare un volta per tutte il Toro grande!

Giovanni Goria

1 commento

  1. Bravo Giovanni, e’ imbarazzante in questo momento il silenzio della società, sembra una squadra abbandonata al proprio destino, almeno una spronata a gente strapagata che cammina in campo…anzi carezze dopo un derby dove si sono scostati

  2. E una costante di questo UOMO farsi leggere e sentire dopo una vittoria e sparire dopo ogni delusione o sconfitta ,lo fa da sempre …..un altro chiaro esempio di totale mancanza di dignità !!! Nulla da stupirsi, ma da indignarsi ……mi associo !

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui