Sognando una bevanda….

0
67

Sharing is caring!

E così siamo qui, ad inizio marzo, a certificare l’ennesima stagione fallimentare, l’ennesimo obiettivo mancato. Ora sarebbe troppo facile e presuntuoso, da parte mia, ricordare l’articolo del 31 agosto, nel quale prevedevo questa fine ingloriosa e per il quale mi presi una lunga serie di insulti. Ma non è questo quello che conta, quello che conta è dover raccontare una stagione che, di fatto, si era già conclusa al derby di andata; da allora una lunga serie di prestazioni anonime se non vergognose, Verona per tutte, con due unici squilli entrambi all’Olimpico di Roma. E dopo ogni partita la solita tiritera dei giocatori, “abbiamo sbagliato l’approccio, ma da domani testa alla prossima partita”; tanto che il motto della società dovrebbe essere: “oggi non si fa credito domani sì”, come si leggeva su dei cartelli che venivano esposti nei negozi di quartiere.

D’altra parte cosa aspettarsi da una società che nel mercato di gennaio ha ridotto l’organico senza inserire un solo rinforzo, inseguendo per un mese un solo giocatore, forse per spuntare qualche euro di sconto, per poi farsi mandare, giustamente, a stendere dal giocatore stesso l’ultimo giorno di trattative. Cosa aspettarsi da una società tanto fluida da ruotare solo ed esclusivamente intorno ad una sola figura, con gli altri scelti opportunamente per fare da comprimari. Cosa aspettarsi da una società che, in queste ore, sta facendo ricadere tutte le colpe sul precedente allenatore, scordandosi che in tutti questi anni di allenatori ne sono passati tanti ma, i risultati, sono sempre stati tra il mediocre e il pessimo. Non dimentichiamo che l’unico anno in Europa arrivò grazie alle disgrazie del Parma! Cosa aspettarsi da una società che, sempre in queste ore, sta iniziando a scaricare il proprio capitano: “Belotti deve tornare umile, quest’anno ha steccato troppe volte” vero Petrachi?, preparandone la cessione addebitando le cause al ragazzo.

Così siamo qui ad aspettare l’ennesima rivoluzione d’estate che sarà basata, come sempre, su scommesse e scarti da ricostruire, spacciati da fuoriclasse; lo so questo è un processo alle intenzioni ma, sinceramente, chi ha il coraggio di sperare in qualcosa di diverso?

Mi auguro solo che, questa volta, si abbia il buon gusto di tacere sugli obiettivi.

Come concludere amici di fede tradita e di sofferenza, che il futuro ci possa portare una bevanda che ci metta le aliiiii.

FVCG

Sandro Mellano

1 commento

  1. Apprezzo l’analisi, ma rimane sempre quel punto…….se non se ne VA questo presidente del NULLA noj ci sarà mai futuro……è oramai è storia, quello che capito nel 13/14 con una squadra che raggiunse non importa come la E.L e cosa fece smobilitò tutto quello di buono creato , lo stesso ha fatto lo scorso anno, si aveva un ottima base , una potenzialità offensiva che non vedevano da lustri era solo da far crescere e senza nemmeno investimenti enormi, inve ce…………..invece  come al solito….plusvalenze , ritorni economici, il tutto per le sue tasche senza la minima attenzione alla squadra…….e succederà anche quest’anno si arrivera come al solito nella mediocrità dellottavo, decimo posto….si farà piazza pulita dei migliori e di quelli che portano tanta cassa…..e a “fari spenti” si andra a cercare le future plusvalenze……..

    quello che posso augurargli è che andando sempre a fari spenti prima o poi un PLATANO lo trovi ..!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  2. Complimenti Mellano, molti qua dentro non hanno neanche un bricciolo di umilta’ per dire che forse chi lo contestava da anni questo presidente aveva ragione, forse avevano visto in prospettiva, no..macche entrano nel blog dopo un primo tempo decente dopo 1 mese di vergogna per poi fuggire nuovamente come sempre, ora da Sinisa la colpa passera’ a Mazzarri poi alla sfiga…alla var…agli infortuni e via GIRA LA RUOTA….dai che a Agosto finalmente arrivera’ Donsah, Hernandez e Cigarini….

  3. Altro ottimo ed onesto commento dalla famiglia Mellano, bravo Sandro a sottolineare la ridicolaggine di questa Società che si evidenzia dall’ intervista ridicola di Cairo a Radio Deejay per non parlare di mister fari spenti che, come sempre nullo in chiave mercato, trova modo di far ricordare la sua esistenza lanciando per la seconda volta messaggi allusivi tesi a screditare giocatori ed a salvaguardare Società e se stesso.

  4. Sono talmente deluso dell ennesimo inutile e vergognoso anno di Cairo, che non ho neanche voglia di risponderti a tono, pero’ visto che parli di sciacalli ….loro si nutrono di carcasse animali, la tua e’ talmente putrefatta che la scarto pure, tornando alla dirigenza….oltre noto che invece di continuare a cercarci di prendere ancora per il Kulo, come un politico in decadenza che non si accorge che il popolo lo sta abbandonando, scaricando le colpe…parlando ancora di europa…..non pensa minimamente di dare una svolta…per esempio a organizzare la societa’ con competenze tecniche di prima fascia, con uno staff importante per la parte atletica e medica, no continua a fare e disfare da solo sperperando piano piano le poche risorse che reinveste del bottino delle plusvalenze, il contratto faraonico per Mazzarri….per non parlare dei casi piu’ ecclatanti…..i 15 mil di Niang e 9 per rincon con tra l altro contratti pesanti, gente che non ha portato e non portera’ mai nessun tipo di valore aggiunto ….complimenti….il miglior toro degli ultimi 40 anni….faro’ di tutto per portare il toro nelle posizioni che si merita…..continua …..continua

  5. Una cosa mi balza all’occhio Mellano, qui dentro nessuno ha ionsultato mai le previsioni catastrofiche, a parte qui quo e qua. Sapevamo tutti la fine che avremmo fatto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui