Toro e Chapacoense passato e futuro ci uniscono per sempre

0
97

Sharing is caring!

Toro e Chapacoense passato e futuro ci uniscono per sempre.

 

 

La serata afosa di Torino regala una bella partita per omaggiare la Chapecoense, e i suoi caduti in un incidente aereo troppo simile a quello del Grande Torino, per non farne una serata di rispetto e memoria. Jackson Follman portiere sopravissuto all’incidente e il suo giro di campo prima dell’incontro sono stati il momento più emozionante della serata. Tifoserie simili per calore e attaccamento alla propria storia, hanno reso poi ancora più memorabile la serata. Chapecoense dopo lo schianto è ripartita dai giovani, dal settore giovanile, come fece Ferruccio Novo dopo Superga. Per il resto partita al piccolo trotto, preparazione che si fa sentire, solo Berenguer nel primo tempo pare già in forma campionato. Bella partita di Meite che segna e fa valere la sua prestanza fisica. Lui e Bremer devono però capire che in Italia certi palloni persi con sufficienza in mezzo al campo sono lamate pericolosissime. Si è risparmiato un po’ il Gallo, contro una squadra che ha badato più che altro a difendersi. A metà campo manca qualità. Arriverà Krunic al posto di Acquah, l’ex empolese porterò più inserimenti. Certo il 17 di agosto si avvicina e bisogna chiudere almeno ancora un esterno e un uomo che dia alternative davanti. Laxalt e Zaza. Se ne parla ma vorrebbe dire da parte di Urbano un esborso ulteriore, visto che il Nizza tergiversa per Niang. I soldi ci sono, plusvalenza docet, la volontà? Io non stravedo per Zaza ma darebbe qualche soluzione diversa al Gallo, e potrebbe dare un senso ai traversoni che Berenguer sembrerebbe in vena di proporre quest’anno. Vinicius tutto solo davanti a Ichazo, che ci ripensa e sbaglia un gol fatto, deve far riflettere. Qualche amnesia delle ultime stagioni là dietro è rimasta. Parigini poi merita qualche ulteriore riflessione da parte di Mazzarri. Detto che Lollo continua a segnare, un gol e un gol quasi regolare nel secondo tempo, quando esce il capitano della Chape, sopravissuto allo schianto, coro a lui dedicato della Maratona. La vita riserva tragedie a volte incomprensibili, ma gli esseri umani sono molto meglio di come vengono descritti. Tanta gente granata al primo di agosto. Tifano Toro, si divertono, esultano e non vivono nell’incubo di Cr7. Io non posso fare il mercato del Toro, Urbano invece sì e ne ha il dovere morale verso questa gente.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui