Una sconfitta immeritata

0
20

Sharing is caring!

La 1^ giornata del campionato di calcio 2018-2019 si concluderà lunedì sera con il posticipo Atalanta – Frosinone, ma all’appello mancheranno ancora le partite tra Sampdoria – Fiorentina e Milan – Genoa rinviate, rispettivamente, al 19 settembre e al 31 ottobre, dopo i tragici fatti di Genova. L’intera giornata di campionato avrebbe dovuto essere rinviata per rispetto di tutti quei morti innocenti, ma il calcio-business si è limitato al consueto canovaccio, uniformandosi ai soliti ipocriti parolai, che con i loro sproloqui di circostanza ci hanno stufato.

Il Toro è uscito sconfitto, immeritatamente, e infatti ha dimostrato di saper tenere testa ad una Roma che annovera tra le sue fila dei campioni, quale il gioiellino e figlio d’arte Kluivert, e Dzeko, autore del gol vittoria di pregevole fattura. Bene hanno impressionato, tra i granata, i nuovi acquisti Meitè, dotato di gran fisico e personalità, nonché di una buona visione di gioco, e Aina, mentre Iago Falque si è confermato. E’ questo un giocatore di classe, che può fare la differenza; sarebbe un peccato privarsene. Meglio sacrificare Ljajic e cedere Niang per sfoltire una rosa troppo ampia, come predica Mazzarri, allontanato dall’arbitro Di Bello da Brindisi, dopo le accese proteste seguite allo spintone subìto da Iago in area di rigore della Roma. I soliti due pesi e due misure; il VAR è stato attivato dopo il bel gol realizzato proprio da Iago, a causa di un fuorigioco millimetrico di Aina, mentre il VAR non è stato interpellato per verificare se lo spintone subìto da Iago fosse punibile con il penalty. Il nostro fatal Massa da Imperia, arbitro internazionale “comandato” al VAR dal designatore Rizzoli, non si è smentito, come suo solito quando si tratta del Toro.

Ma il Toro di ieri è sceso in campo privo di due nuovi acquisti di livello, Soriano, che ha giocato una manciata di minuti per rilevare un affaticato Rincon, e Zaza, arrivato nell’ultimo giorno di mercato. Quest’anno il Presidente Cairo e Petrachi hanno veramente costruito una squadra di ottimo livello: Chapeau. Fanno ridere quei tifosi (ma saranno veramente tali?) che criticano l’arrivo di Zaza, a causa dei suoi trascorsi juventini. Zaza ha rifiutato la Samp all’ultimo minuto per venire al Toro. Le loro elucubrazioni, o meglio i loro vaneggiamenti, non meritano attenzione.

Un impegno non mi ha consentito di vedere la partita dall’inizio, ma solo dal 15° del primo tempo. Ebbene, ho dovuto seguire l’incontro alla radio per quel quarto d’ora, dove i due radiocronisti di Radio 1 andrebbero quanto meno richiamati dai vertici Rai per la loro smaccata partigianeria per la Roma; mancava solo che descrivessero anche le mutande indossate dai calciatori giallorossi. E in un’occasione hanno anche avuto il coraggio di dire che il colore delle maglie del Torino era rosso! 

La prossima partita vedrà il Toro impegnato a San Siro contro l’Inter, che ha steccato clamorosamente la prima sul campo del Sassuolo, che sta diventando la bestia nera dei nerazzurri.

Occorrerà una bella prova dei granata, sperando di vedere in campo sia Soriano, sia Zaza al fianco di Belotti. Il Gallo deve tornare a cantare e Zaza farà vedere, ne sono certo, le sue doti di attaccante e goleador. 

Franco Venchi

1 commento

  1. Comunque 1 buona notizia (…) sul fronte squalifiche: Mazzarri è stato solo diffidato, quindi sarà presente sulla nostra panchina per la trasferta di Domenica prossimo contro una Sua ex-squadra, l’Inter… Almeno Lui, c’è!

  2. Caro Franco ho trovato il tuo articolo ben fatto e ben orchestrato fino alla fatidica frase ” ma saranno veramente tali” , mi sembra di avertelo già detto in passato ma ti ripropongo il concetto , trovo stucchevole e arrogante ergersi a tifosi di Livello superiore e additare quelli che non si uniformino al TUO o vostro pensiero come tifosi si secondo grado o nemmeno tali .
    Si io sono uno di quelli che avrebbe fatto a meno di ZAZA ,Si vero per il suo passato e non per aspetti tecnici ,Si vero forse sono ottuso ma fiero di esserlo ,ma detto questo ora che ha la nostra maglia ad un suo gol sarò lì sicuramente ad esultare ma per me rimane il GOBBO x eccellenza .
    Scusami ma volte l arroganza intellettiva la trovo più irritante che un arroganza caratteriale .
    Un saluto Mauro

  3. Alla luce delle innumerevoli soluzioni di qualità, a Mazzarri si chiedono non le sconfitte per 0-1, ma una serie di vittorie di prestigio; non è mai ammissibile rivedere un primo tempo vergognoso come quello di Domenica arroccati e senza qualità.

  4. Caro Mauro, Fratello Granata,
    rispetto assolutamente il tuo punto di vista, e accetto il principio che, in primis, debba essere considerato il valore dell”uomo, rispetto al talento del giocatore. E infatti c’è qualche società, e una in particolare che non transige assolutamente su comportamenti giudicati negativi o non consoni da parte di suoi tesserati; alla fine della stagione li scarica. Tornando a Zaza, la sua “colpa” consiste nell’aver indossato la maglia dell’ “altra” squadra e aver “sentito” eccessivamente un Derby, ma qui, lasciami dire, caro Mauro, che sono i Direttori di gara i principali imputati, vedi Massa, che non sopporto più. Io auspico che Zaza mi faccia esultare come te, presto e sovente, ricostruendo con il Gallo Belotti, una nuova coppia di gemelli del gol come furono gli indimenticabili Puliciclone e Ciccio Graziani. Un caro saluto.
    Franco Venchi

  5. Ciao Franco
    Io comunque mi riferivo alla tua ironia sull’ essere tifosi ( ma saranno veramente tali) …….e non sui giocatori .
    Sul ex GOBBO hai risposto nel merito !!!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui