Intervista a Daniele Costelli

0
32

Sharing is caring!

Questa mattina, a poche ore dalla partita Atalanta-Toro pubblico la mia intervista a Daniele Costelli, pioniere granata e addetto stampa del Toro Club “I Civich”. Colgo l’occazione per ringraziare il mio amico Daniele per la disponibilità e la simpatia.

      

Buongiorno Daniele, ci racconti un po’ lo strepitoso e interessante lavoro che lei e Marco Morelli Di Popolo avete fatto e fate per ricordare i primi anni di vita del Torino F.C. 

La storia del nostro Toro nasce nel 1906 ed il nostro impegno e desiderio, e’ quello di far conoscere a tuti i tifosi quale sia stato il processo evolutivo della storia dei colori granata che,a mio giudizio ed anche di Marco Morelli, e’ stata poco considerata ed a volte interpretata in maniera non corretta, non andando a cercare personaggi che furono i paladini della nascita della societa’.Il nostro obiettivo e’ quello di portare”all’onor del mondo” tutte queste figure ormai dimenticate e mai considerate, quindi ci rivolgiamo ad una platea di persone che hanno a casa ,in qualche cassetto foto, ricordi di avi, nonni  che sono stati ,oltre che calciatori, soci ed attivisti dell’epoca del nostro Toro. Le nostre mostre intendono mostrare le vere origini del Toro a 360° gradi, con tutti i problemi che hanno comunque tutte le societa’ calcistiche, e chi vive le realta’ di trovare un campo di gioco e tutto quello che ne consegue.

Qual è la soddisfazione più grande che provate nel portare in giro per l’Italia la mostra dei Pionieri Granata? 

Quello che ci rende orgogliosi del nostro lavoro,è la curiosita’ che riusciamo a destare tra i presenti, e non nascondo che siamo entrati in contatto con persone che nei loro bauli in soffitta, ci hanno volentieri manifestato i loro ricordi familiari di persone di famiglia che hanno costruito, in un modo o nell altro le basi del nostro Toro. Per questo motivo giriamo l’Italia per cercare tracce che sono in polverose soffitte o in cassetti quasi mai aperti. 

Quale progetto avete intenzione di realizzare per la mostra che farete a Lecce? 

E’ questa una notizia  di poche ore fa, Silvano,il nostro contatto da sempre nel Salento ci riferisce della volonta’ di far nascere una nuova realta “a tinte granata” nella bellissima terra di Puglia, l’impegno è grande da parte loro, ma il colore granata non ha confini e supera qualsiasi ostacolo, non vedo perché anche loro non debbano sapere tutto del nostro Toro sin dai primi momenti e quindi io e Marco saremo ben lieti di trascorrere con loro qualche giorno con la nostra mostra itinerante.

Quali occasioni di solidarietà e di condivisione vi hanno dato gli eventi da voi organizzati? 

Diverse sono state le mostre che abbiamo posto in essere io e Marco e ci stano dando molte soddisfazioni, la gente incomincia a capire quale sia il nostro obiettivo, portare all’onor del mondo la vera storia del Toro con personaggi che, nonostante il loro impegno anche economico e la dedizione, comunque sono stati dimenticati. Anche se puo’ sembrare fantastico, un sogno, il nostro sogno, puo’ e deve trasformarsi in una realta’, una realta’ a tinte granata.

Quali sono i tuoi ricordi più belli legati al Toro Club “I Civich” di cui sei addetto stampa? 

Sono tutti bellissimi i ricordi legati al mio Toro Club e sono soprattutto legati alla sua storia. Inoltre ci tengo molto a mandarti alcune foto.

    

Che ricordi ti lasciano le persone che incontri durante le mostre itineranti e grazie al tuo Toro Club? 

Posso dire con assoluta certezza che sono sempre stati dei bei ricordi, dimostrazioni di simpatia e curiosità verso argomenti che molti, forse troppi non conoscono.

Questa sera il Toro affronterà l’Atalanta, cosa ne pensi di questa squadra? 

È una compagine ben strutturata, guidata da un ottimo allenatore che ha sollevato in passato le ire della tifoseria granata nel qualcaso fosse venuto al Toro, accusato di essere un gobbo, con un progetto societario ben delineato, dotata di ottimi elementi. Lasciamo parlare la classifica, siamo a pari punti, la Dea ha fatto 9 gol e ne ha subiti 8, il Toro ha fatto 5 goal e ne ha subiti 7 .. dando ascolto ai numeri non ci vede avvantaggiati e Bergamo è sempre stato un campo ostico anche per grandi compagini, ma se lasciamo parlare il nostro cuore….

Giovanni Goria

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui