Il Toro ha fatto Harakiri

0
69

Sharing is caring!

Bologna – Torino: 2 – 2    del 21/10/2018

Se per Filippo Inzaghi il pareggio del suo Bologna equivale ad una vittoria, per il Toro il pareggio di ieri sa di sconfitta. I granata hanno chiuso il primo tempo in vantaggio di 1 – 0 grazie allo splendido gol di Iago Falque, di gran lunga il migliore in campo, giocatore dalla tecnica sopraffina, punto fermo di questo Toro. E dopo dieci minuti dall’inizio della ripresa, un validissimo Baselli, ben servito dal solito Iago Falque, portava i granata sul 2 – 0. Mancavano ancora tanti minuti al termine dell’incontro, ma la vittoria del Toro sembrava cosa fatta perché sino a quel momento i granata avevano dominato un Bologna brutto e impacciato. Sirigusembrava sulla strada giusta per uguagliare il record di Marchegiani di tre trasferte consecutive  senza subire gol: era il 1993 ed era il Toro di Mondonico. Invece, quattro minuti dopo il raddoppio di Baselli, è arrivato il gol di Santander che riapriva la partita, e al 32° un pasticciaccio di Sirigu e Berenguer con la complicità di Djidji, consentiva a Calabresi di realizzare il suo primo gol in Serie A e ai Felsinei di agguantare un pareggio, forse insperato; da non crederci.

Il Toro ha dimostrato ancora una volta di non saper gestire la partita, buttando via due punti che nell’economia della stagione potrebbero risultare determinanti. Intanto, con i tre punti, il Toro avrebbe occupato la 5^ posizione in classifica, in attesa del posticipo del lunedì tra Sampdoria e Sassuolo, un bel salto indubbiamente che avrebbe rafforzato l’autostima della squadra.

Quando si assiste a queste prestazioni, ottime per un’ora con l’ottenimento di un risultato che sembra praticamente acquisito, e poi ci si vede raggiungere per disattenzioni e/o errori marchiani, al rimpianto subentra la rabbia per aver sprecato un’occasione clamorosa. Non si vuole qui fare le pulci a Mister Mazzarri, ma vien da chiedersi perché non si sarebbe potuto iniziare la partita con in campo Belotti, Zaza e Iago Falque. Oppure “sacrificare” una volta il Gallo, tanto più che non sembrava in perfetta forma fisica. E’ evidente che Mazzarri si coccola Belotti, e fa bene, per cercare di riportarlo agli splendori di due stagioni fa quando comandava la classifica marcatori, ma forse un turno di riposo potrebbe servirgli per riacquistare la forma. Il “vero” Gallo non avrebbe sprecato quella palla clamorosa sotto porta, per uno stop difettoso. Anche Zaza avrebbe potuto segnare, ma entrare al 22° della ripresa non è il massimo per un calciatore che scalpita per essere della partita, e, di conseguenza, le sue prestazioni possono risentirne. E Soriano? Mi rendo conto che la mia è una critica gratuita, e senz’altro il Mister avrà avuto i suoi validi motivi per aver agito in quel modo, ma per un tifoso, vedere svanire una vittoria che sembrava cosa fatta, è irritante.

Franco Venchi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui