Un Toro travolgente

0
9

Sharing is caring!

Un Toro travolgente.

Torna a segnare il Gallo, di testa e su rigore, ma soprattutto gioca e domina il Toro di Mazzarri sul campo dei blucerchiari come raramente ci si ricordava. Primo tempo senza storia, doppietta di Belotti, gol di Iago, gioco sulle fasce sospinti da un Lollo preciso nel traversone e un Aina dall’altra parte davvero inesauribile. Se il ragazzo avrà voglia di seguire gli insegnamenti di Mazzarri ne vedremo delle belle. Non è passata da nessuna parte la Samp, nemmeno nel fraseggio centrale che tanto piace a Giampaolo, si sono trovati davanti a una diga composta da Rincon e Meite invalicabile. Meite continua a fare passi da gigante ora anche nell’impostazione. Il Toro sta bene e l’ha dimostrato, la Samp è invece in involuzione e si vede, raramente è riuscita a essere lucida nei passaggi a metà campo. Mazzarri si è preso il suo tempo e ha dato al Toro quell’equilibrio necessario per poter centrare obiettivi importanti. Ora deve lavorare sulla testa di tutti, soprattutto dei più giovani, non bisogna mai addormentarsi o credersi troppo bravi. Oggi non c’era verso che la Samp tornasse in partita ma quel rigore regalato si poteva evitare, con una squadra più in palla fisicamente poi si soffriva per davvero. Ecco Baselli in queste trappole non deve più cadere. Però oggi solo cose belle, considerando poi che dalla panchina sono entrati strada facendo Berenguer, Zaza e Soriano. Lusso vero e non posso credere che non si troverà un posto a Zaza. Quagliarella ha tirato giusto il rigore, parato in un primo tempo da Sirigu, ma poi non ha toccato palla tra N’Koulou, sua maestà N’Kouolou, e il suo scudiero venuto d’oltrealpe Dijdij. E io aspetto sempre Lyanco vicino a questi e non dimentico Moretti. Ottimo anche Izzo che ha pure trovato il gol della sicurezza. Inizia a sorriderci la classifica, abbiamo da recriminare su almeno un paio di vittorie, ma abbiamo anche perso poco. Ora però testa al Parma, ha ragione Mazzarri questa squadra non deve avere il tempo di fermarsi a riflettere. I ducali dopo una partenza esplosiva ora stentano, oggi il Frosinone di Longo li ha bloccati in casa. Bisogna vincere e puntare l’obiettivo. Facce da Marassi, Ferrero imbaccuccato e sconsolato, Frustalupi soddisfatto che in panca porta bene, e il nostro spicchio di Maratona che canta sempre canta ovunque, con la pioggia o col sole. Tutti a casa daiiiiiii.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui