Otto gradini da Toro

0
57

Sharing is caring!

Un risultato eclatante crea euforia, spesso nel Toro destinata a spegnersi nel giro di una settimana. Da anni si evoca il famoso salto di qualità, quel gradino in più, quel passo avanti necessario per raggiungere e scavalcare l’obiettivo quasi raggiunto. Puntualmente, sul più bello, tra sogni, speranze ed illusioni, fino a ieri quel passo si è sempre trasformato in “gambero”. Non può durare. Per carità non esistono certezze, nessuno è in grado di prevedere cosa sarà domani, figuriamoci tra una settimana, un mese o per i sette mesi necessari alla fine del campionato. Ed è per questo che scrivo oggi 5 Novembre 2018 per iniziare con una PRIMA verifica: (il primo gradino) di una scala composta da otto che andrà a compimento il 29 Dicembre a Roma con la Lazio ed è quella di sabato prossimo in casa contro il Parma. Seguiranno altri sette gradini: Cagliari (fuori) – Genoa (casa) Milan (fuori) – Derby (casa) – Sassuolo (fuori) – Empoli (casa) e appunto Lazio (fuori). Al raggiungimento del pianerottolo dopo aver raggiunto e valicato l’ottavo gradino cosa vorrei trovare? La speranza c’è ed è legittima ma a nulla serve parlare d’altro che non sia, campo, calcio giocato, maglia sudata. E pongo a me stesso l’obiettivo di non arenarmi in inutili e sterili discussioni che non siano rivolte al risultato sportivo in se. Non voglio crearmi alibi, desidero tornare a svolgere il ruolo che mi compete, torno a fare il tifoso. Tifo Toro e ho visto a Genova, seppur dalla TV tanti fratelli Granata gioire su gli spalti e sulla banchina in stazione aspettando il treno. Questo mi ha emozionato, mi ha fatto riflettere, per un giorno mi ha reso felice. Perché non dovrebbe continuare? Perché sempre negativo? Perchè non dovrei tornare a dare il mio contributo e perché me lo sto domandando? Forse perché ho perso di vista qualcosa, oppure mi sono fermato prima di iniziare a salire quella scala pensando per primo che tanto non sarei mai riuscito ad arrivare in cima? Può darsi. Però, adesso mi prenderò sottobraccio il Toro e con lui, un gradino alla volta, cercherò di raggiungere e fare il tanto atteso salto di qualità. Buon Toro a chi come me vorrà raggiungerlo a partire da Sabato 10 Novembre ore 17,30 quando al termine della partita la prima verifica nel bene o nel male sarà un obbligo. Forza Toro!

CT

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui