UN DERBY NEL NOME DEL GRANDE GIGI

Anche Gigi se n’è andato , il più Grande di tutti dopo le Leggende di Superga. O forse al pari delle leggende, credo che Gigi avesse poco da invidiare a Erbstein se non il fatto che il buon Egri  aveva naturalmente una squadra ancora più forte.

Gigi aveva si una squadra fortissima ma umana, non una squadra leggendaria. Anzi due squadre visto che è tornato da noi nell’84. Avrebbe potuto vincere come minimo 3 scudetti se non ci fosse stata di mezzo la solita Società a striscie ruba scudetti e compra arbitri nel 77. E se nell’84-85 non ci fosse stata di mezzo la sfortuna , con uno scudetto schiantatosi sui legni in quel Toro-Verona al Comunale.

Ma a parte gli scudetti sfiorati , una cosa che Gigi sapeva fare bene era caricare i suoi giocatori. I faccia a faccia con Pupi erano all’ordine del giorno, ma lo stesso lui caricava anche gli altri componenti della Rosa. E questa carica lui sapeva trasmetterla soprattutto in una partita: il Derby

Ecco se c’è una cosa che vorrei che Gigi facesse da lassù, sarebbe quella di insegnare al buon Walterone Mazzarri come si fa a caricare la squadra prima di un Derby. Perchè Walter di grinta ce ne mette, di rabbia ne tira fuori, ma forse non lo fa sempre nel modo corretto.

Finora Walterone ha giocato da tecnico granata  un solo Derby torinese, lo scorso anno con un pietoso 0-1 a favore dei gobbi, perso praticamente senza giocare. Io confido molto in Gigi, spero che da quando ha raggiunto le Leggende, la Farfalla , il Capitano e gli altri andati lassù da poco come Eugenio, Emiliano, Sauro e Gustavo, lui si sia dato come compito quello di entrare nell’anima di Walter.

Spero che Gigi gli abbia parlato in sogno e gli abbia spiegato come caricare il Gallo o Iago oppure Zaza  magari guardandoli negli occhi e dicendo loro: ” Loro sono forti  ma non sono il Toro. Il Toro siamo noi , facciamoli a pezzi”

Si ho nominato anche Zaza, ci sarà bisogno di tutti contro i gobbi.

Stessa cosa con Aina, Ansaldi, Nkoulu , Djidji o Baselli, il quale sarebbe bello che tirasse finalmente fuori la cattiveria.

Non credo invece abbia bisogno di caricare Rincon, Sirigu, Meitè, De Silvestri o Izzo…questi sono già carichi per conto loro. Ma la carica non basterà essendo questa squadra molto meno forte delle squadre dirette da Gigi, sia quella degli anni 70 che quella degli anni 80. E purtroppo questa Juve al contrario sembra più forte rispetto a quelle Juve di quegli anni, specie nell 84-85 dove non fu in grado nemmeno di arrivare seconda…Per battere questa Juve o almeno per metterla in difficoltà devi pressarli 95 minuti a tutto campo, puntare sul ritmo non farli respirare ma mantenere lucidità e freddezza.

Gigi e quindi Walter sa che ti concederanno poche occasioni forse  un paio  in tutta la partita ma quelle vanno sfruttate, altrimenti si rischia una brutta fine essendo loro in grado di segnare in qualsiasi momento.

Il gap è ancora enorme ma la palla è rotonda e alla fine si gioca 11 contro 11….( pardon 11 contro 15 arbitro, guardalinee e VAR inclusi…) quindi ….si deve lottare

Nel nome , in onore e per conto del Grande Gigi , l’uomo dallo sguardo di ghiaccio ma dal cuore caldo.

Grazie di tutto Gigi e se vinciamo il Derby giuro che verrò a trovarti e portati dei bei fiori a Monza

Forza  Toro

 

ABOUT THE AUTHOR: Djordy64#Forza Ragazzi vogliamo l'Europa#

Sono granata dal 1972

Lascia un commento