ESCLUSIVA CUORETORO: Belotti-West Ham, la situazione

6
94

Sharing is caring!

Pioggia di conferme in giornata e in serata dopo la nostra anticipazione del 18 gennaio (ore 14, minuto più, minuto meno): il West Ham è interessato ad Andrea Belotti. E la notizia potrebbe essere tutta qui, almeno per il momento, perché gli Hammers non hanno ancora definito la cessione di Marko Arnautovic, nonostante la ferma intenzione del giocatore di volersene andare (destinazione Cina). I motivi sono due: il primo è l’inserimento del Guanghzou Evergrande di Fabio Cannavaro, disposto a versare una somma più alta rispetto allo Shanghai SIPG, club con il quale Arnautovic aveva già trovato un’intesa nei giorni scorsi; il secondo, e forse quello più importante, è la ricerca del sostituto, tutt’altro che semplice nel mercato di gennaio, anche per società con ottime disponibilità economiche (come, appunto, i club inglesi), perché generalmente chi possiede giocatori di livello (soprattutto attaccanti) tende a tenerseli e chi li vuole a gennaio finisce per strapagarli (e qui torniamo all’aspetto economico e all’importanza dell’offerta cinese).

La lista stilata da Manuel Pellegrini, tecnico degli Hammers, per il dopo-Arnautovic, comprende almeno altri tre giocatori: Maximiliano Gomez, per il quale è già stato fatto un tentativo (ma per ora c’è il muro del Celta Vigo), Callum Wilson del Bournemouth (piace, nonostante le smentite, ma il Bournemouth ha chiesto una cifra considerata eccessiva) e Krzysztof Piątek, che ormai è a un passo dal Milan (trattativa con il Genoa in dirittura d’arrivo). Proprio per queste ragioni rischia di scaldarsi la pista Belotti, stimato e seguito dal tecnico cileno sin dai tempi del Manchester City. Gli Hammers sarebbero disposti a formulare un’offerta di circa 50 milioni di euro e poi cercherebbero di convincere il giocatore garantendogli un lauto aumento di stipendio (poco meno del doppio di quanto percepisce ora in granata). Un’offerta di questa portata non dovrebbe far barcollare Cairo ma, quantomeno, potrebbe indurre ad una riflessione o all’apertura di una trattativa con il club londinese. Due anni fa il Toro rifiutò un’offerta più alta da parte dell’Atletico Madrid (60 milioni) ma erano anche altri tempi, soprattutto per il gallo, reduce da un campionato memorabile e corteggiatissimo da tanti club, italiani e stranieri.

Va chiarito che non è nelle intenzioni del Torino privarsi di Belotti, Cairo ha ribadito più volte che il capitano non è in vendita, soprattutto adesso, a stagione in corso, e con la squadra in piena lotta per l’Europa (4°posto a soli 5 punti, zona Europa League a -3). Ma sappiamo bene che le vie del mercato sono infinite e che la favola dei giocatori incedibili non esiste più, lo dimostrano anche club con ben altre potenzialità economiche (vedi Cristiano Ronaldo, ceduto dal Real alla Juve, giusto per citarne uno a caso), dunque crediamo sia doveroso monitorare la situazione ed aggiornare. Cuore Toro cercherà di farlo, come sempre, poi arriveranno anche gli altri. Qualcuno cita, qualcuno no, ma tant’è… Noi ci siamo.

6 Commenti

  1. Va chiarito che non è nelle intenzioni del Torino privarsi di Belotti, Cairo ha ribadito più volte che il capitano non è in vendita, soprattutto adesso, a stagione in corso, e con la squadra in piena lotta per l’Europa

    ahahahahahahahahahahah

    voglio proprio vedere se offrono 75 milioni se non lo spediscono a londra.

    col ritorno di niang (cairo: si sta pure riprendendo non dimentichiamolo)

  2. Mazzarri sarebbe contento, più ha la rosa corta, più è felice, così potremmo sempre avere titolare Zazzà e nel caso non fosse disponibile gustarci il campione moldavo damascato

     

  3. Non esageriamo connle minkiate ragazzi . Secproprio cessione sara e x luglio . Cairo non e piciu come Preziosi ma e un imprendiyore
    Cedere Belotti adesso significa danno di immagine e il guadagno immediato si ritorcerebbe in perdita a media scadenza
    Se cedesse Belotti ora dovrebbe trovare un bomber analogo subito che non costerebbe meno anzi
    Ergo cessione senza senso a gennaio
    A giugno e diverso puo cedere meglio e con piu calma a bocce ferme se c e offerta giusta non inferire ai 50 milioni e cercando un bomber in alternativa piu giovane del Gallo o piu prolifico da mettere con Millico e Iago .
    Sto prnsando a Milik Oppure a uno piu vecchio come Zapata . O a Simeone . Gente che non costerebbe piu del Gallo come cartellino e come ingaggio
    Mi sarebbe piaciuto Cutrone ma x lui e tardi ormai ……
    All estero il mercato francese mi pare ottimo x noi
    Vedremo ma a gennaio non se ne parla altrimenti davvero dovrebbe fare le valigie lui e vendere il Toro al miglior offerente

  4. Dj,

    la Redazione dovrebbe aggiornare il tasto “NEWS” in alto nello schermo perché lo storico degli articoli e quindi dei commenti si ferma al 30-12-2018….. manca “Archivio 2019”.

    Puoi informarLi ? Grazie e scusa per il disturbo.

  5. il sostituto si chiama simone zaza (quello che si mette le mani nella zucca pelata e vuota quando iago o belotti sbagliano un gol).

    come riserva tornerà niang.

    parliamo di cose serie: che ne dite di tassarci e comprare degli striscioni da esporre sui balconi di via filadelfia e via spano su cui scrivere CAIROVATTENE?

    tassiamoci facciamo qualcosa, il danno d’immagine per lui sarebbe terrificante, va contestato in modo molto duro.

    è l’unico modo per  mandarlo viia.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui