Le pagelle di Torino – Inter 1-0

TORINO (3-4-1-2):

SIRIGU 6,5: Sollecitato ad inizio gara da D’Ambrosio e Icardi, trascorre una serata tutto sommato tranquilla, senza grandi interventi. Come al solito sicuro tra i pali, non è sempre preciso nei rinvii con i piedi.

IZZO 7,5: Annulla Icardi, segna il gol vittoria, chiude ogni varco e non disdegna di portare palla per dare il via all’azione. Non sbaglia nulla, è la sua serata.

N’KOULOU 7: Se la difesa del Toro non concede praticamente nulla ad uno degli attacchi più temuti del torneo, è grazie alla guida del franco-senegalese che non sbaglia mai una lettura. Guida i compagni di reparto dall’alto della sua esperienza, è perfetto nelle chiusure.

DJIDJI 6,5: Una piccola sbavatura iniziale, poi una gara di grande attenzione. Non sbaglia mai nulla, è sempre nella posizione giusta, e fa tutto con una calma disarmante.

DE SILVESTRI 6: Corre sempre tanto, non si risparmia mai, ma questa volta la sua prestazione è prettamente difensiva. Si propone in avanti solo ad inizio gara, poi tiene la posizione, cercando di non lasciare varchi. Nonostante un colpo nel secondo tempo, stringe i denti ed è sempre nel posto giusto.

ANSALDI 6,5: Nel primo tempo è il miglior granata in campo, confermando di non patire affatto il cambio di posizione. Da centrale è nel vivo del gioco, e col suo piede riesce a ribaltare l’azione molto velocemente. Bravo anche sui calci piazzati, è lui a fornire l’assist per il gol di Izzo. Cala nel finale, ma la sua è una prova decisamente positiva.

36′ st BERENGUER: s.v.

RINCON 7: Altra prestazione da applausi per il venezuelano, che domina il centrocampo. Pur in una mediana raffazzonata come quella granata, non si tira mai indietro, vince il duello con Brozovic, strappa una marea di palloni, li difende, ribalta l’azione. Nel finale perde un pochino di lucidità, gestendo non benissimo alcuni palloni, ma sono solo dettagli.

LUKIC 6,5: Gara di grande lucidità per il giovane serbo. È attento a chiudere le verticalizzazioni nerazzurre, bravo nel mantenere la posizione centrale, vince il duello con Vecino e tira fuori una prova di grande spirito di sacrificio. Non fa grandi cose, ma le fa sempre con molto raziocinio.

33′ st BASELLI: s.v.

AINA 6: Parte male, e non è la prima volta. Per tutto il primo tempo fatica a trovare la posizione, ma cresce notevolmente nella ripresa. Vince il duello con D’Ambrosio, è pericoloso quando arriva sul fondo, e concede pochissimo in difesa. Unico neo l’ammonizione per un fallo ormai inutile su Politano.

ZAZA 6: Lotta e si sbatte tantissimo, ma combina sempre poco. Rispetto ad altre gare è più presente in campo, fa tante cose utili per i compagni, ma in avanti non conclude mai verso la porta nerazzurra.

44′ st FALQUE: s.v.

BELOTTI 6: Benissimo quando ripiega e recupera palloni, ma da lui ci si attende soprattutto il gol. Quando ha la palla buona, spara altissimo dal limite dell’area. Guadagna falli, fa ammonire gli avversari, si fa ammonire cercando di far espellere De Vrij: una prova da leader, da vero capitano. Ma a questo Toro continua a mancare il bomber…

ALL. MAZZARRI 6,5: Un Toro tutta grinta, organizzazione e concentrazione. Una squadra attenta, brava come sempre a far giocar male (o a non far giocar proprio) gli avversari, e pronta a colpire ogni qualvolta ci sia la possibilità. Bene nella scelta degli uomini (un volitivo Zaza al posto di un Falque poco brillante) e intelligente nei cambi. Tre punti importanti, che devono trovare seguito domenica prossima a Ferrara.

 

 

INTER (3-5-2):

Handanovic 5,5 – Skriniar 6,5 – De Vrij 6 – Miranda 5,5 (9′ st Nainggolan 5) – D’Ambrosio 6 – Vecino 5,5 (38′ st Candreva s.v.) – Brozovic 5 – Dalbert 6 – Joao Mario 5,5 (26′ st Politano 5) – Icardi 5 – Martinez 5,5 – ALL. Spalletti 5

 

ARBITRO, sig. MARESCA 7: Sempre vicino all’azione, sempre preciso negli interventi, riesce a condurre bene una gara non facile. Vede bene tutti gli episodi chiave e non deve mai ricorrere al VAR. Ben coadiuvato dagli assistenti, giusto nella gestione dei cartellini, espelle Politano nel finale per una frase irriguardosa.

  • Maurizio Scarampi 28 Gennaio 2019 at 12:35

    non sono per niente d’accordo sul voto ad Aina…. per me da 4,5/5: 4 nel primo tempo totalmente assente e fortuna che d’ambrosio non ha spinto. 5 nel secondo dove ha fatto solo un paio di accelerazioni.

Lascia un commento