La firma di Petrungaro e Isacco sulla Supercoppa Primavera

Mercoledì sera è arrivata la stupenda vittoria della Primavera granata della Supercoppa contro l’Inter a Sesto San Giovanni. 

Tanti ieri gli elogi da parte di tifosi, addetti ai lavori e giornalisti alla società granata per aver messo in bacheca un trofeo importante. 

Una vittoria firmata anche da Simone Isacco e Luca Petrungaro.

L’agente Paolo Paloni, dopo la partita, ha pubblicato come storia sul suo profilo Instagram una bellissima foto dei tre granata che assiste (Paloni gestisce anche Ben Lhassine Kone, che non ha potuto giocare la finale per squalifica ma era presente in tribuna vicino ai tifosi granata per supportare i suoi compagni) con la Supercoppa e una scritta significativa: “Mi avete reso orgoglioso di rappresentarvi. Grazie ragazzi!!” taggando i profili dei tre torelli. 

 

E se Kone non è sceso in campo, gli altri due calciatori della stessa scuderia hanno fatto un’ottima figura. Sono arrivati entrambi quest’estate: Isacco mediano classe 2000 dall’Atlanta e Petrungaro attaccante,anche lui classe 2000, dalla Roma. 

Decisivo Petrungaro che tira dalla distanza e poi, sulla respinta del portiere nerazzurro, arriva Rauti bravissimo a realizzare il goal che al 4’ minuto del primo tempo supplementare porta in vantaggio il Toro per 1 a 2. Petrungaro è stato anche molto bravo a realizzare il rigore decisivo dopo l’errore di Millico dal dischetto e portate nella bacheca granata la seconda Supercoppa Primavera. 

Per quanto riguarda Isacco entra nel secondo tempo supplementare dando equilibrio e fisicità alla squadra e si prende la responsabilità del primo rigore spiazzando il portiere dell’Inter Dekic con un potente destro: palla da una parte, portiere dall’altra. 

E qui c’è ancora una volta da sottolineare la bravura del Toro di Bava e di Coppitelli andati a prendere due grandi talenti da due squadre molto importanti a livello giovanile. 

Kone non ha giocato ma  tanti tifosi del Toro conoscono già le sue grandi qualità, fisicità e carattere su tutte. Non a caso a gennaio la società del presidente Cairo gli ha rinnovato il contratto fino al 2023. 

Ma bravi tutti i giocatori di Coppitelli, vittoria sofferta e meritata. 

Sorride Bava, che si gode il percorso di crescita di questi tre “gioielli” granata che il Torino dovrà a breve blindare (Isacco e Petrungaro). Sorridono i tifosi del Toro che si godono la vittoria di questo trofeo, meritata anche per loro perché allo Stadio Breda sembrava di giocare a Torino. 

Adesso si aspetta e ci si augura di vedere questi tre ragazzi arrivare a lavorare con Belotti e compagni e fare l’esordio in seria A… i presupposti ci sono tutti. 

Giovanni Goria

Lascia un commento