Toro in grande spolvero

6^ GIORNATA DEL CAMPIONATO 2018 – 2019

TORINO – ATALANTA: 2 – 0 SABATO 23 FEBBRAIO 2019 h. 15,00

MARCATORI: IZZO (T) al 42° – IAGO FALQUE (T) al 46°.

ESPULSI: NESSUNO

AMMONITI: NKOULOU e BERENGUER (T) per g.s. – CASTAGNE (A) per g.s.

ARBITRO: ORSATO di Schio.

Vittoria netta sull’Atalanta, che proietta il Toro in Europa, quinta partita consecutiva senza subire reti, eguagliando il record del 1985, Sirigu che vanta 493 minuti d’imbattibilità, esordio in Serie A del giovane della Primavera Vincenzo Millico, e conferma del “veterano”, ma sempre straordinario Emiliano Moretti, che ha trovato nel Toro la sua seconda giovinezza. Sono tutti elementi che, oltre a far felici i granata e i loro sostenitori, sembrano essere tutti validi ingredienti per costruire qualcosa di veramente importante e duraturo per il Toro.

La vittoria ai calci di rigore della Supercoppa, da parte della Primavera contro l’Inter, arricchisce il palmares della Società e riporta il settore giovanile granata in auge, facendo ritornare alla mente il periodo in cui il vivaio granata era fucina di nuovi talenti e il primo in assoluto a livello nazionale.

Ma ci sono anche altri aspetti positivi, che fanno ben sperare per il futuro prossimo di questa squadra, e che confermano la bontà delle scelte attuate dalla Dirigenza, nonostante il perdurare di critiche nei suoi confronti da parte di una schiera, per niente ristretta, di sostenitori.

Izzo, oltre ad essere goleador, sono tre le reti sin qui messe a segno dall’ex Genoa, è diventato un difensore insuperabile, che merita senz’altro la Nazionale. Il ragazzo di Scampia, Nkoulou e Sirigu, altro elemento da Nazionale perché attualmente è il miglior portiere del campionato, costituiscono un baluardo che fa della difesa del Toro la 4^ del campionato. Di Moretti si è detto, ma quando per l’Emiliano arriverà il momento di attaccare gli scarpini al chiodo, il Toro dovrà preparargli o una scrivania da Dirigente o una squadra di giovani da allenare e istruire, considerato il livello di professionalità e serietà che stanno sempre più valorizzando la sua carriera. Iago Falque è tornato al gol, Lukic è una vera sorpresa; contro l’Atalanta ha annullato Freuler ed è riuscito anche a costruire belle trame di gioco. Ma anche tutti gli altri granata scesi in campo hanno dimostrato d’essere pronti per ambire a qualcosa di più accattivante. Le prossime tre gare, solo sulla carta non estremamente difficili, saranno invece partite da affrontare con il piglio giusto perché queste avversarie sono alla disperata ricerca di punti salvezza. Servirà tutta l’abilità di Mister Mazzarri per caricare opportunamente i giocatori, che si dimostreranno veramente all’altezza e desiderosi d’uscire dall’anonimato, se riusciranno ad affrontare le avversarie con la stesa voglia e grinta evidenziate contro l’Atalanta.

Franco Venchi

ABOUT THE AUTHOR: La Redazione

La Redazione di CuoreToro.it

Lascia un commento