Venticinquesima giornata

Per commentare questa venticinquesima giornata niente di migliore è la critica al VAR. Allora carissimi signori della Lega, diteci una cosa: questa VAR serve a qualcosa oppure serve solo come soprammobile? Serve solo come “addobbo” alle vostre carriere? Alla vostra facciata? Ma secondo voi un campionato del genere è credibile? Se la risposta è affermativa allora, dopo la partita Fiorentina – Inter (3-3), cambia l’anatomia del corpo umano: signori e signori, la VAR ha deciso: il petto è braccio. Guardate le immagine nella sintesi in calce all’ articolo e commentate voi. Farsa è quella che va in scena tra Sampdoria e Cagliari: vincono i blucerchiati grazie al rigore (regalato) e realizzato da Fabio Quagliarella. La sensazione è che questa Sampdoria, pur con un ottima rosa, senza aiutini e senza il “Quaglia” sia davvero poca roba. Tanta, tanta, tantissima “roba” è il Toro di Walter Mazzarri che, nell’ anticipo delle 15 del Sabato, annichilisce l’Atalanta 2-0 grazie alle reti di Izzo (sempre più vero cuore granata) e Iago Falque abile a sfruttare un assist magico di Meitè (con tanto di gioco di suola). Importanti i 3 punti dei granata, che permettono al Toro di raggiungere in classifica proprio la Dea di Gasperini. Tra le squadre più in forma di questa fase di torneo, non si può non menzionare il Milan: altro giro altra vittoria; 3-0 secco quello che i rossoneri rifilano al povero Empoli. Volete che vi dica uno dei marcatori? Non faccio nomi e cognomi, anzi vi rivelo il cognome: Piatek: si commenta da sola la stagione del “Pistolero”. In zona Champions importante, anche se sofferto, il successo con il quale la Roma di Di Francesco supera il Frosinone 3-2. Ottima la prestazione dei ciociari che si devono arrendere al cuore di un ritrovato cigno di Sarajevo: Edin Dzeko. Frena, nuovamente, il Sassuolo che non riesce a espugnare il Mazza di Ferrara: 1-1 il punteggio tra Spal e Sassuolo: punto che muove la classifica per entrambe le squadre e che, in fin dei conti, va bene sia a estensi e sia ai neroverdi. Lassù, in un campionato quasi a parte, vincono Napoli e Juventus: netta la vittoria dei ragazzi di Ancelotti (4-0 al Parma); di misura, e di fatica, l’1-0 con il quale la Vecchia Signora supera il Bologna. Ragazzi, vi parlo come appassionato di calcio italiano, la Juventus di Bologna non ha alcuna chance di rimontare l’Atletico Madrid, nessuna; senza carattere e senza voglia la squadra di Allegri (che intanto cancella ogni suo profilo social). Se una Torino è apparentemente senza carattere, l’altra invece lo dimostra eccome: non lo dimostrano invece i tifosi granata ad eccezione dei 20 mila e poco più che riempiono lo Stadio Olimpico Grande Torino. Faccio un appello a tutti i supporter granata: parlate di meno e dimostrate di più; parliamo di meno e dimostriamo di più. Fa male al cuore leggere certi commenti dopo una prestazione come quella messa in campo contro l’Atalanta (anzi, dopo le ultime gare); io non concepisco come sia possibile criticare, ancora. Aspettiamo la fine del campionato, e poi tireremo le somme. Forza ragazzi!

Torino – Atalanta 2-0 (42’ Izzo, 46’ Falque [T]) migliore in campo: Izzo[T]

Sassuolo – Spal 1-1 (43’ Peluso [S]; 68’ rig. Petagna [S]) migliore in campo: Petagna [S]

Chievo – Genoa 0-0 migliore in campo: Sorrentino [C]

Fiorentina – Inter 3-3 (1’ aut. De Vrij, 6’ Vecino, 40’ Politano, 52’ rig. Perisic [I]; 74’ Muriel, 90+11’ rig. Veretout [F])                            migliore in campo: VAR [F]

Bologna – Juventus 0-1 (67’ Dybala [J]) migliore in campo: Dybala [J]

Frosinone – Roma 2-3 (5’ Ciano [F]; 30’ Dzeko, 31’ Pellegrini [R]; 80’ Pinamonti [F]; 90+5’ Dzeko [R]) migliore in campo: Dzeko [R]

Milan – Empoli 3-0 (49’ Piatek, 51’ Kessie, 67’ Castillejo [M]) migliore in campo: Romagnoli [M]

Sampdoria – Cagliari 1-0 (68’ rig. Quagliarella [S]) migliore in campo: Quagliarella [S]

Parma – Napoli 0-4 (19’ Zielinski, 36, 73’ Milik, 82’ Ounas [N]) migliore in campo: Milik [N]

Lascia un commento