Izzo debutta in Nazionale: ‘Come nei sogni più belli’

0
83

Sharing is caring!

Italia-Liechtenstein 6-0 è una partita che in molti potrebbero dimenticare fra un po’ di tempo, ma c’è anche chi la ricorderà per sempre come Armando Izzo. Il difensore del Torino, infatti, allo stadio Ennio Tardini ha esordito con la maglia della Nazionale entrando in campo al 79′ al posto di Leonardo Bonucci.

Al termine della partita Izzo, su Instagram, ha manifestato la propria gioia per il debutto in Azzurro: “​Come nei sogni più belli di un bambino..come nelle favole…! Una serata magica che non dimenticherò mai!”.

(fonte calciomercato.com)

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Come nei sogni più belli di un bambino..come nelle favole…! Una serata magica che non dimenticherò mai!💙🇮🇹💪🏻💪🏻💪🏻

Un post condiviso da ArmandoIzzoreal🇮🇹 (@armandoizzoreal) in data:

1 commento

  1. muaaaaahhahahahahahaha il rapporto è 1 a 20, mauro io son sicuro che a lui piace sentirsi chiamare per nome come hai fatto adesso sia con la C che con la K.

    ma che ce fregaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa ma che c’emportaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa a maggicaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!!!!!!!!!!!ahahahahahahahahahahahah!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  2. Una volta all’anno c’è un giullare in questo sito, quest’anno hai vinto tu corti ai punti con stuppo come la Mitropa Cup;  un ragazzino riversa e sfoga le proprie frustrazioni dietro un pc, tu probabilmente hai appeso il chitarrino al chiodo e ti sei dato a questo sito scagazzando a squaqquera a tempo pieno, ma tant’è mi sta bene almeno lo tieni movimentato questo è il tuo ruolo quest’anno. Quando ti capiterà di trombare un pochino vedrai che sarai molto piu rilassato perchè ti farai meno pippe, ci sono passato anch’io a 13 anni. Fatti una risata ogni tanto anche un muahahahahahah!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Ti farebbe bene a quello spirito basso di patata che ti ritrovi.

  3. Nessun peperoncino Corti, totale indifferenza alla quale comunque rispondo in merito visto che hai precisamente fatto il mio nome……..ma non cambia la sostanza della mia descrizione di te…!!!

  4. Giusto, Piero. La mia è un’italianizzazione della parola francese. Mi sfuggono ancora tuttavia le argomentazioni calcistiche nel vostro discorso. Quella che tu consideri un’insopportabile polemica (Segna Mauro), che tra l’altro non mi pare contenga offese personali di alcun tipo, dice semplicemente:

    Armando Izzo è stato acquistato su precise disposizioni di Walter Mazzarri che lo aveva apprezzato quale giocatore della primavera nel Napoli. Il ragazzo si è ben ambientato mostrando subito le sue qualità, affermandosi come uno dei migliori difensori del campionato, segnando già 4 gol ufficiali e guadagnandosi la prima convocazione in Nazionale.

    Io spero che riusciate a sopportare una provocazione tanto terribile come questa.

  5. Non è detto che la provocazione debba essere offensiva, anzi, i ” migliori” provocatori ti fanno venire la bava alla bocca senza usare mai una parola offensiva.

    “io spero che riusciate a sopportare una provocazione tanto terribile come questa.”

    Questa, ad esempio, non è male, Tiri in ballo la nostra intelligenza con sussiego, alla Salvini, per capirci. Sono lieto di farti sapere che la tua speranza è ben riposta. Tranquillo, sopportiamo senza sforzo le tue         ” facezie”. Non fanno ridere, ma siccome vengono da te le sopportiamo.   🙂

     

     

  6. Guarda Marco che io non sono prevenuto “a prescindere”. A suo tempo ho criticato Sua Presidenza per certi errori e altre volte ne ho apprezzato le scelte. Non condivido il modo con il quale Mazzarri gestisce la squadra, ma non ho mai scritto su di lui una parola sopra le righe. Lo stesso vale per te. Non condivido il modo con cui affronti i temi della discussione, ma questo non dice che io non sia d’accordo con te sempre. A volte condivido i tuoi argomenti, a volte no. Tutto qui. A me piacerebbe leggere critiche, considerazioni, suggerimenti, insomma argomenti appassionanti scritti da persone che stimano il lettore e non da anonimi che approfittando del loro paravento, sparano alla cieca “penate su penate” senza rendersi conto che ciò non li rende importanti, li rende ridicoli. Forza ragazzi! Scriviamo come dio comanda e tolleriamoci a vicenda un poco di più.

    Piero. Granata dal 1941.

     

  7. Piero, innanzi tutto dimentichi che qui sono il meno anonimo di tutti, visto che mi firmo con nome e cognome e la mia identità è facilmente verificabile attraverso il link musicale che ho reso pubblico.

    Poi ribadisco che “Segna Mauro!” non offende proprio nessuno. I toni delle risposte parlano da soli, mi fa un po’ specie, caro Piero, dovermi rivolgere a te accomunandoti a quel tristo figuro di Pupi. Penso che tu abbia altro spessore, ma de gustibus….

  8. Koglione….e lo dico di cuore ……
    Cosa centra Segna Mauro come primo post sotto l articolo ?? Ma sei dopato ??? Chi ha mai scritto nulla sull argomento ???

  9. Bene, anche oggi si è parlato amabilmente di calcio tra gentiluomini.

    Tra chapeau con ingoio (specialità nocerina), sgrullate e pugnette si è toccato tutti i temi che verranno riproposti alla Domenica sportiva. Grazie ancora, Pupi, manina d’oro, per il tuo irrinunciabile contributo al giornalismo sportivo.

  10. Marco ( Corti), dai, fai il bravo. Lo sappiamo come fai: attizzi la polemica con la provocazione rivolta ai brontoloni mai contento del meraviglioso presente…questi ci cascano ogni volta come pere, poi fai finta di piangere perché non si parla di calcio giocato. Ti credevo più fantasioso, cambia tecnica, sei più scontato dei saldi estivi. 🙂

  11. Toro 71

    E’ inutile che ti rifaccio lo schemino circa il fatto che “segna Mauro” a proposito dei terribili danni provocati da tecnico e società, è ancora parlare di calcio, l’ultimo accenno al tema sportivo. Tutto ciò che viene dopo è altro. Devo darvi atto a voi del gruppetto chapeau che appena se ne nomina uno, uscite fuori tutti insieme, con in testa lo sgrullatore nocerino.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui