Mazzarri: “Attenti al Parma. E questo Belotti è fenomenale”

0
70

Sharing is caring!

Il tecnico alla partenza per l’Emilia: “Abbiamo già avuto una lezione da questa squadra all’andata, ora dimostriamo di avere continuità. De Silvestri? Valuteremo domani mattina”

Un paio d’ore dopo il pranzo il Torino è partito in pullman verso Parma. È cominciata la missione “fondamentale”, come da parole del presidente Urbano Cairo, nuova tappa verso l’Europa. Prima di prendere posto sul pullman parcheggiato sotto la tribuna dell’Olimpico Grande Torino, Walter Mazzarri ha fatto il punto della vigilia. Stavolta niente conferenza stampa, ma una lunga intervista al canale tematico Torino Channel. “Il Parma ha fatto molto bene fino a ora e ce lo ricordiamo bene anche noi – inizia così Mazzarri ricordando la sconfitta casalinga subita dal Parma per due a uno -, perché all’andata ci aveva messo parecchio in difficoltà. Noi dobbiamo stare attenti, perché, per quanto loro ora siano in una posizione tranquilla, avranno sicuramente voglia di fare bene e abbiamo già avuto una lezione da loro”. Il bel Toro di mercoledì notte con la Samp è atteso a una conferma lungo la via Emilia. “Ma non parliamo di esame di maturità – continua il tecnico -. Questa parola ultimamente viene anche un po’ abusata. Noi dobbiamo migliorare nella continuità di rendimento. Anche se devo dire che in questo girone di ritorno ci sta riuscendo bene e allora bisogna andare avanti in questa direzione”.

LA FORMAZIONE — Squadra che vince e convince non si cambia: con questo mantra il Toro di domani al Tardini sarà per larga parte lo stesso di mercoledì. Due i dubbi: in difesa ballottaggio Djidji-Moretti, e sulla destra tra De Silvestri e Parigini. Lollo ha preso una botta a una rotula ed è sotto osservazione: “De Silvestri ha recuperato, ma lo valuterò domani mattina – spiega Mazzarri -. Non so dire molto sulla formazione, non è per pre-tattica, ma perché ci sono talmente tante assenze (gli squalificati Aina e Lukic più l’infortunato Iago Falque, ndr) che domattina valuterò bene il da farsi”.
E L’EUROPA? — In piena corsa per l’Europa, Walter sposa in piena la linea-Cairo quando ripete come “la corsa la dobbiamo fare su noi stessi. Io non sbandiero o parlo di obiettivi, perché è inutile se poi perdi con il Parma. Non ha senso parlare, devono parlare i fatti perché la somma di ogni partita porta a una classifica importante. Sono contento del nostro girone di ritorno, ma non voglio fermarmi”.
SUPER GALLO — Le ultime considerazioni sono sul super Belotti di questo periodo, reduce da una doppietta alla Sampdoria. “E’ ragazzo eccezionale! Da quando sono arrivato lavora anche sulla parte tecnica mettendoci la voglia di un ragazzino. Io così in forma non l’ho mai visto e mi sta sorprendendo. L’unico consiglio che gli voglio dare, è di non staccare l’attenzione, perché così è un giocatore fenomenale”. (Gazzetta.it)

1 commento

  1. continuando su una tradizione scaramantica, non posso che affermare: ennesima conferenza stampa di Mazzarri incomprensibile …

    a parte gli scherzi, un’osservazione va fatta: siamo in effetti molto contati, se non in emergenza (a centrocampo l’unico cambio è Ansaldi adattato, ma che già gioca sulla fascia, dove abbiamo uno dei due titolare acciaccati, perché l’altro potenziale uomo di fascia gioca di fianco a Belotti, con il solo Zaza ad essere eventualmente un’alternativa…

    ecco la coperta se la tiri qualcosa scopri… siamo ad un passo dal calcio anni 70, dove le squadre erano formate da 16 giocatori

  2. Alla fine la rosa corta l’ha voluta lui, il Mr., con giubilo del nostro condottiero in capo !! Quindi dire: “talmente tanti assenti” quando sono fuori in 3 è un po’ una forzatura !!

    Comunque oggi prevedo una grande partita di Berenguer a sostegno del Gallo e la solita generosità di Izzo, N’koulou e Rincon, e le parate di Sirigu che ci faranno superare l’ostacolo … mi piacerebbe vedere Kone se servisse … ieri la Fiore ci ha fatto vedere un paio di giocatori pronti tra le loro fila … vediamo se riusciamo ad attingere alla nostra primavera con gli stessi risultati

    Buona partita !

  3. sui giovani il vero banco di prova e’ l impatto con la serie maggiore, presunti fenomeni che scompaiono e decenti che fioriscono….dei titolari della primavera campione di italia cosa resta??? per me l unico che ha veramente i numeri da predestinato e’ Millico, come fece la viola per Chiesa subito bisogna farlo giocare e attenderlo anche se nelle prime uscite dovesse fallire, anche il primo Gallo fece fatica all inizio……ma questo ha dei numeri incredibili e non parlo solo per i numeri dei gol ma per la loro fattura, spesso da giocate individuali, ha una potenza, una tecnica e una freddezza fuori dalla media, e che con Mazzarri la vedo dura ……avrebbe giocato subito titolare se fosse stato nella Roma un certo  Zaniolo ?

  4. Dalla mutta, concordo riguardo ai numeri di Millico, che purtroppo ha avuto la sfortuna di farsi male subito dopo l’esordio in serie A (allenatore Mazzarri). Secondo me ce n’è più di uno tra quelli della primavera che avrà un futuro da professionista, ma vedremo. Nel frattempo ti ricordo sempre che l’orco cattivo è l’unico che ha tenuto Parigini in maglia granata, nel momento chiave in cui si decideva se rimandarlo un’altra volta in giro per squadre minori, privarsene definitivamente o tenerlo.

    “Ringrazierò sempre Mazzarri”, parole sue. Non Sinisa, Maran, Baroni o De Zerbi.

    Mazzarri

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui