Una brutta partita, un Toro deludente e un arbitraggio pessimo

4
153

Sharing is caring!

 

Il pareggio di ieri pomeriggio al Tardini tra Parma e Torino, regala ai granata un punto che lascia scorie di rabbia e delusione per come è arrivato e perché a livello di classifica è un po’ inutile se non del tutto.

Ma prima di sottolineare e analizzare le note negative c’è né una che ancora una volta va sottolineata e cioè un settore ospiti stranieri colmo, bello da vedere, colorato di granata e che si fa sentire anche da chi segue la partita da casa. Il popolo granata si merita di più. 

Adesso parliamo della partita, come scritto nel titolo, un Toro deludente che non approfitta del fatto che il Parma aveva  4 giocatori per la squadra crociata fondamentali che furi, ovviamente si parla di Gervinho, Inglese,  Biabiany e Bruno Alves. 

Riguardo all’arbitraggio veramente penoso, non all’altezza e io sono il primo a dire che non ci si deve attaccare a scuse come queste, ma ieri veramente “Doveri dov’eri? “come recitava un vecchio striscione. 

Il Parma picchia tutta la partita, noi ci facciamo picchiare e quando il Toro fa fallo i giocatori di D’Aversa matematicamente cadevano e con Doveri che faceva fioccare gialli, però quando era il contrario no. 

Però ripeto non attacchiamoci a queste cose, se non si è vinto la colpa è nostra, abbiamo fatto il loro gioco, partita noiosa, gioco lento e spezzato e i granata che sbagliavano sempre l’ultimo passaggio. 

Un’altra pessima partita da parte di Zaza, che (purtroppo per me) non è più difendibile e Meité da troppo tempo fuori forma. 

Spero che la delusione di ieri e le critiche che sono arrivate in seguito, vadano a pungere l’orgoglio dei ragazzi e gli facciano tirare fuori la grinta, la voglia e la determinazione per le ultime 7 finali.

Per fortuna nulla è perduto, crediamoci e lottiamo per l’ Europa. Testa al Cagliari, con un Gallo che non ci sarà chissà chi segnerà? 

Giovanni Goria 

4 Commenti

  1. Sono parzialmente d’accordo su alcune cose e totalmente in disaccordo su altre, come mi è capitato spesso nella vita 🙂 ….

    Innanzi tutto, perché il settore ospiti “stranieri”? Non mi risulta che ce ne sia uno per gli stranieri ed uno per i Nazionali…Evitiamo per favore, già così c’è più che abbondanza di gente che alimenta odio e diversità! Poi la questione degli infortuni di alcuni giocatori del Parma che sarebbero stati “fondamentali” per Loro: beh, trovatemi dei giocatori che non sono importanti per nessuna squadra! Forse solo quelli di proprietà ma dati in prestito ad altre, ecco, questi SI’! Per il resto anche noi avevamo un paio di giocatori “fondamentali” fuori come Falque e Millico (e la Primavera ne sa parecchio in proposito..), Loro avevano solo un difensore fuori, Bruno Alves, però sai com’è, a 37anni “magari” qualche acciacco Te lo puoi anche aspettare! Quindi non diamo “alibi” a chi non ne ha bisogno, Loro hanno fatto la partita che avevano pensato di fare e che VOLEVANO fare, chiusura totale e sperare di non prenderle e poi, magari, farci pure un gollonzo….

    D’accordo invece sulla gestione arbitrale dell’incontro, veramente penosa, altro che 6,5 in pagella del nostro @Giorgio! (a proposito, @giorgio: MA VERAMENTE? E non perché siamo di parte, solo perché siamo obiettivi! 2 pesi e 4 misure direi!!). ANCHE la conduzione arbitrale di Doveri è stata intenzionalmente volta a “colpirci” in un modo così subdolo che per alcuni versi mi riporta (purtroppo) alla memoria la vecchia calciopoli, il modo in cui Moggi l’aveva concepita: troppo evidente influenzare direttamente le decisioni arbitrali nelle partite della Juve (oggi invece non se ne curano neanche più, vedi ieri sera, SCANDALOSO non assegnare il rigore sul CHIARISSIMO tocco di mano, che aumenta il volume del corpo oltretutto visto che era staccato, e QUESTO E’ PREOCCUPANTE!!!), molto meglio farlo PRIMA, andando ad ammonire quei giocatori “chiave” degli avversari, facendoli entrare in diffida,  in modo che poi quando si ci saranno gli scontri diretti quei giocatori saranno fuori per somma di ammonizioni! Anche ieri abbiamo visto come ammonire Rincon dopo 3′ lo abbia posto sotto una spada di Damocle fino a che è rimasto in campo, e che dire di Belotti, gonfiato IMPUNEMENTE come una zampogna come d’altra parte TUTTE LE DOMENICHE? Salvo poi ammonirlo al primo suo fallo…. Unico episodio da ammonizione nostra su cui concordo è quello di Zaza, su cui però c’è da scrivere un trattato di psicologia, e chi mi fermo…

    C’è da dire, a parziale scusante nostra, che quella di ieri era la 3° partita in una settimana, più facile quindi “difendersi” come ha fatto il Parma che “attaccare” con lucidità come (purtroppo) abbiamo fatto noi, a maggior ragione se oltretutto carenti di giocatori di fantasia che ti risolvono una partita così con una “genialata”….

  2. Doveri è stato pessimo, ma i giocatori scudo-crociati addirittura osceni :  ogni volta crollavano a terra e ci rimanevano a lungo. Anche i nostri l’hanno fatto in misura minore, ciò che fa pensare che tanta voglia di giocare al calcio non ci fosse sabato scorso. Se nella ripresa ci sono stati 12 minuti di calcio giocato è tanto. Per stroncare questo comportamento bisogna adottare recuperi-fiume:  al 90′  metti fuori la lavagna luminosa con 15 minuti di recupero:  voglio vedere se la prossima volta fanno ancor i furbi. Non sono riuscito a leggere un articolo che stigmatizzasse, biasimasse, mettesse alla berlina il comportamento anti-calcio del Parma:  se giocassero tutti in quel modo l’industria-business che ben conosciamo si svuoterebbe in un attimo. Altro che curva “ospiti” (che in italiano indica sia chi accoglie sia chi viene accolto, quindi è giusto precisare) piena e colorata, per quello schifo di partita sarebbero stati troppi i tifosi del Sassuolo in trasferta. Poi Mazzarri inciucca le quote, come spesso gli capita:  Ansaldi non girava come contro la Doria, ovvio, ma aveva ancora fiato ed è l’unico che inventi la giocata. Se voleva Parigini in campo, poteva togliere Lollo, assai moscio.  Giocatori granata tutti molto egoisti, la loro molto eventuale segnatura personale sempre anteposta al bene della squadra. Anche questo indica un limite del Mister. Pareggi come quello di Firenze (messi sotto) o del Tardini chiariscono la dimensione complessiva :  per migliorare occorre di più dai giocatori, oltre che giocatori di maggior qualità. WM  ha ancora 7 partite per farci cambiare opinione su di lui.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui