Batte forte il grande Cuore Toro

34^ GIORNATA DEL CAMPIONATO DI CALCIO 2018/2019

TORINO – MILAN: 2 – 0 DOMENICA 28 APRILE 2019, h. 20,30

TORINO (3-4-1-2): SIRIGU; IZZO, NKOULOU, MORETTI; DE SILVESTRI, RINCON (42° s.t. AINA), MEITE’, ANSALDI; LUKIC; BELOTTI, BERENGUER (28° s.t. PARIGINI, 50° s.t. BREMER).

MILAN (4-3-3): DONNARUMMA; CONTI (25° s.t. CASTILLEJO), MUSACCHIO, ROMAGNOLI, RODRIGUEZ; KESSIE, BAKAYOKO, PAQUETA’ (17° s.t. PIATEK); SUSO (17° s.t. BORINI), CUTRONE, CALHANOGLU.

MARCATORI: BELOTTI (T), su rigore al 13°, BERENGUER (T) al 24° s.t.

ESPULSI: MAZZARRI (T) all’8° s.t. per proteste. ROMAGNOLI (M) al 36° s.t. per applauso all’arbitro.

AMMONITI: MORETTI E PARIGINI (T) per g.f. SUSO, CONTI, PAQUETA’, ROMAGNOLI E KESSIE (M) per g.f. – DONNARUMMA (M) per proteste.

ARBITRO: GUIDA di Torre Annunziata.

Un grande Toro si è aggiudicato con pieno merito la sfida che lancia la volata per un posto in Europa. Con questa vittoria, i granata hanno raggiunto il Milan a 56 punti, e sono a due e tre punti, rispettivamente, dalla Roma e dall’Atalanta. Le prime due in classifica, cioè Juventus e Napoli sono in Champions, mentre l’Inter, terza con 62 punti, sopravanza di sole tre lunghezze un’Atalanta davvero spettacolare, che peraltro il Toro ha sconfitto in casa per 2 – 0 e che ha fermato sullo 0-0 a Bergamo. Di fronte a questi numeri, aumenta il rammarico per i troppi pareggi ottenuti, e per gli errori arbitrali, alcuni marchiani, che hanno ostacolato in modo sostanziale il cammino del Toro. In ogni caso, questo campionato dev’essere ricordato in maniera speciale, perché ha rappresentato la svolta, cioè quel cambiamento che da tanto tempo si aspettava. Dopo 18 anni, il Toro ha sconfitto il Milan grazie ad una prestazione superba di tutto il collettivo. Il Toro, finalmente, ha un’anima e può contare su un gruppo di calciatori di spessore. Sirigu merita la Nazionale, e l’ha dimostrato anche domenica sera contro i rossoneri, quando ha sfoderato un paio di parate, specialmente sul colpo di testa di Bakayoko, equiparabili ad un gol realizzato. Izzo, NKoulou e l’avvincente Moretti costituiscono una barriera molto solida, e peccato per l’ammonizione subìta dall’Emiliano, che non potrà disputare l’imminente Derby della Mole. Meité sta tornando a quello apprezzato di inizio campionato, e senz’altro il suo scambio con il pur bravo Barreca, ha giovato al Toro. Rincon e Belotti sono gl’intramontabili guerrieri e il giovane Berenguer, con lo splendido gol realizzato, non ha fatto rimpiangere Iago Falque, e ha confermato d’essere giovane di prospettiva. Senza poi dimenticare Ansaldi, calciatore di classe e d’esperienza, che sa adattarsi in diversi ruoli, e senza dimenticare tutti gli altri, De Silvestri, Aina, Lukic, ecc. Questa è la squadra che hanno formato Cairo e Petrachi, due persone spesso bistrattate da una parte, neanche troppo piccola, della tifoseria. Peccato che ora, i rumors sulla partenza di Petrachi verso l’Urbe, sponda romanista, lascino l’amaro in bocca,

e che risulta fuori luogo accanirsi con i vari “Cairo vattene”, di cui una folta schiera di cosiddetti tifosi granata ha fatto ampio uso nel passato, anche recente.

L’obiettivo non è ancora stato ottenuto, ma anche se anche quest’anno esso non venisse conquistato, perché il calendario del Toro è tutt’altro che facile, questa squadra e questa Società meritano il nostro plauso, sottolineando anche i meriti di Walter Mazzarri, il cui spirito battagliero viene spesso frainteso dagli arbitri.

Franco Venchi

ABOUT THE AUTHOR: La Redazione

La Redazione di CuoreToro.it
  • Marco Corti 30 Aprile 2019 at 18:42

    4 punti con il Milan, 4 punti con l’Inter, 4 con l’ Atalanta, 6 con la Samp, pari a Napoli, pari a casa della Lazio. Terza difesa del campionato, al momento solo i gobbi hanno perso meno partite di noi.

    A 4 giornate dalla fine siamo sesti a 3 punti dalla champions.

    Io direi che Mazzarri qualche merito ce l’ha eccome!

  • PupiGol57#CairoVattene 30 Aprile 2019 at 19:59

    in base ai risultati, come darti torto?

  • mauro.re 30 Aprile 2019 at 20:09

    Tutto vero Corti , la differenza infatti la fanno i 14 pareggi , secondi dietro solo Viola…….la Dea ha perso 3 partite in più, ma ha 3 punti in più perché siamo nell era dei punti…….ti ripeto puoi osannarti di rimanere inbattuto 6 partite e fare 6 punti …..invece ne puoi 9 vincendone solo la meta………

  • mauro.re 30 Aprile 2019 at 20:10

    Tre punti

  • dalla mutta 30 Aprile 2019 at 21:00

    Siamo sempre in bilico per rovinare tutto ma poi ci rialziamo o per volare ma poi freniamo, siamo tosti ….rognosi….non belli ma vogliosi, siamo dove onestamente non credevo fosse possibile arrivare , malgrado la poca qualita’ tecniche, malgrado qualche torto arbitrale, malgrado aver completamente cannato l acquisto piu’ importante, malgrado le occasioni perse….siamo li a sognare di commemorare gli immensi con una classifica ancora migliore,  non so se devo ricredermi su Mazzarri non ci sono controprove, chissa’ Sinisa con questa difesa….magari meglio o magari peggio…l importante essere qui ancora a combattere…e per questo grazie a tutti….dai miei idoli a quelli che spesso ho criticato……FORZA RAGAZZI FORZA TORO

  • oldstyle 30 Aprile 2019 at 21:48

    Ciao a tutti, non scrivo da Agosto ma ora sentivo il dovere di fare i complimenti al mister!
    Non sarà bellissimo da vedere, ma di certo questo fa più punti di quanto la squadra vale.
    Siamo davanti o alla pari con rose decisamente superiori, sia negli 11 di partenza, ma soprattutto nelle alternative.
    Non so dove arriverà questa squadra, ma sicuro ha fatto il massimo, a mio avviso anche più di quanto vale.
    Un saluto particolare a DJ se si collega ancora.

  • Marco Corti 1 Maggio 2019 at 1:00

    Nel girone di ritorno solo gobbi e Atalanta hanno fatto meglio di noi fino ad ora, 8 vinte, 2 perse e 5 pareggi. La cosa incredibile è che ha pagato la scelta (da tutti giudicata sconsiderata) di ridurre la rosa. Cioè quando a tutti pareva che ci fossimo indeboliti rispetto a squadre tipo la Viola che prendeva Muriel, o tipo il Milan che si svenava con Piatek e Paqueta, noi che a Gennaio abbiamo solo ceduto giocatori, cominciavamo invece a risalire la classifica. La Fiorentina oggi è dietro 16 (sedici) punti, la Samp 8. Nel girone di ritorno siamo terzi, e caro Mauro, rispetto all’Atalanta abbiamo solo un pareggio in più.

    E’ ancora presto per cantare vittoria, ma ciò che è stato fatto da Gennaio ad oggi ha del miracoloso, Mazzarri meriterebbe molte scuse e molti più riconoscimenti.

  • fabio stuppiello 1 Maggio 2019 at 16:45

    Non si possono confrontare il Torino e squadre inferiori come Atalanta, Sampdoria e Fiorentina.
    Il Torino ha 6 o 7 elementi di livello assoluto; ma mi sapete dire chi dispone di valori eccellenti come Sirigu, Belotti, Nkoulou e Ansaldi?
    Appena sotto Baselli, Meitè, Rincon, Falque, Izzo etc…
    Ma come si fa a non capire che il segreto sta nella stoffa di questi giocatori.

  • mauro.re 1 Maggio 2019 at 20:04

    Corti ti invito a guardare bene la classifica………..loro 8 pareggi noi 14 forse ti sei perso qualcosa…..

    e ti ripeto la differenza sta che loro ne hanno perse 9 noi solo 6 ma ne hanno vinte 3 di più di Noi……se fai un sunto la differenza la fano i pareggi….!!!

  • Marco Corti 1 Maggio 2019 at 21:45

    Mauro, ho parlato del girone di ritorno, da Gennaio ad oggi. Ci sono due punti di differenza tra loro e noi, ovvero loro una vittoria in più e noi un pareggio. E’ negli ultimi 4 mesi che la squadra ha messo una marcia in più.

Lascia un commento