Il Toro per l’Europa non ha paura

Il Toro per L’Europa non ha paura.

Classica giornata che poteva portare tragedia in casa granata e che invece, come non sempre accade dalle nostre parti, porta alla vittoria. Sbagliamo un rigore, giusto, concesso dalla Var per una volta puntuale, per tocco di mano di Magnanelli. Prendiamo un gol da fuori, gran bel gol, e incassiamo l’espulsione generosa di Bourabia, reo di essersi alzato la maglietta. Nel secondo tempo gran pareggio granata e poi di nuovo cazzata difensiva, e in mezzo una decina di parate di Consigli, da applausi. A quel punto pareva finita, una delle troppe giornatacce granata. Invece no. Se ha una caratteristica il Toro di Mazzarri è la compattezza, sono saliti fino a là con i loro pregi e difetti e non hanno paura. Prima rovesciata del Gallo, miracolo di Consigli, seconda rovesciata del Gallo e apoteosi. In mezzo anche il gol di Zaza, che aveva regalato il pareggio. Fa caldo alla mezza e alla mezza giochiamo tanto, troppo. Si fa fatica, si soffre senza Rincon, che in allenamento in settimana ci ha regalato un siparietto con Sirigu che dimostra solo che questo gruppo c’è. Soffriamo un po’ dietro, come sempre quando affrontiamo le medie piccole, vedi Cagliari e Bologna. Ci specchiamo troppo e giochiamo senza cazzimma, che sia chiaro io considero ormai il reparto difensivo pronto per l’Europa. De Silvestri ha suonato la carica, Iago non ha condizione ma ci ha messo piede, Meite a volte lo prenderesti a sberle però ha lanciato bene Zaza per il pareggio. Volitivo Berenguer, hanno ballato Lukic e Baselli, certo lì in mezzo il Sassuolo corre tanto con qualità. L’avevo scritto che questa partita era fondamentale, perché il Sassuolo gioca a calcio, ha tecnica e giovani interessanti e una certa astrusità per i nostri colori innata, anche senza Berardi. Ma questo Toro non ha paura, tutto ribaltato. Belotti suona la carica, ora le altre due finali. A Empoli sarà una guerra, la Samp fino adesso, trentesimo del secondo tempo, ha calato le braghe, inguaiando noi e il Genoa… ai ciclisti abbassare i pantaloni piace, gli viene naturale. Va bene guardiamo oltre, abbiamo il destino nelle nostre mani, 6 punti per non avere recriminazioni. Con 60 punti in passato si andava dritti in Europa, ora non bastano. Ma va bene stiamo lì, compatti a rompere come sempre.

  • BERTU62 12 Maggio 2019 at 22:39

    Solo questo ci rimane Diego, rompere…. Però, onestamente, anche gli altri hanno “rotto”! E anche PARECCHIO! Perché calendari alla mano, rischiano di non bastare neanche 66 punti! Calendari alla mano sì ma anche squadre che calano le brache di fronte alla possibilità che in Europa ci vada il Toro….

  • Fabry C 12 Maggio 2019 at 22:47

    Ho visto la partita dei gobbi, irriconoscibili………….praticamente sparring partner.

  • Dario76 12 Maggio 2019 at 23:06

    I gobbi, al contrario di quello che hanno fatto contro il Toro, soprattutto nel secondo tempo, hanno lasciato tranquillamente vincere la Roma! A questo punto e’ inutile illudersi, Il Toro DEVE vincere ad Empoli, pareggiare o meglio ancora vincere contro la Lazio l’ultima e sperare che l’Atalanta vinca la Coppa Italia. Non ci sono altre possibilità, anche per parziali demeriti nostri, perché 15 pareggi sono un’enormità e partite come quelle contro Parma Bologna e Cagliari in casa non dovevano essere buttate alle ortiche. Purtroppo, nonostante un buonissimo finale di stagione, rischiamo di terminare fuori da tutto, come negli ultimi 14 anni, del resto.

  • Piero 12 Maggio 2019 at 23:11

    Le ricordate le parole del vecchio? “Noi dobbiamo fare la gara su Milan e Lazio perché le altre sono fuori portata.”  Qualcuno avrà pensato che non avevo considerato la Roma. No, no, ero certo che sarebbe andata così. Un, deux, trois: les jeux sont faits. Il biscotto è servito.

     

  • fabio stuppiello 12 Maggio 2019 at 23:11

    Il Torino ha fatto 60 punti, il resto sono balle

  • fabio stuppiello 12 Maggio 2019 at 23:13

    Poi possiamo prendere ancora tutti a metà maggio, credo sia un onore, da tempo dimenticato, avere Roma e Milan a un passo.

  • fabio stuppiello 12 Maggio 2019 at 23:13

    Abbiamo rinverdito anni 60 e 70

  • Piero 12 Maggio 2019 at 23:15

    Ora dobbiamo vincere le rimanenti due e sperare nell’ Atalanta.

  • Piero 12 Maggio 2019 at 23:21

    O madre dei dementi: Proprio a me doveva capitare costui?

  • BERTU62 12 Maggio 2019 at 23:28

    @stuppiello, in parte hai ragione: solo sul fatto che il Toro ha 60 punti però! Il resto invece NON SONO BALLE, ma è la pura realtà della classifica!

    Avere oggi 60 punti ed essere comunque 7° è evidente, sotto gli occhi di tutti coloro che guardano e capiscono la classifica…. Poi possiamo star qui a dire che i Gobbi si sono scansati, che i ciclisti si sono scansati, che pure Cagliari e Genoa ieri si sono scansate ma DI FATTO c’è che ANCHE NOI ci siamo AUTO-SCANSATI!

    Le partite che dovevamo e potevamo vincere le conosciamo tutti, è inutile star qui a ridirle un’altra volta, purtroppo anche se lo facciamo a mò di mantra il risultato resta quello…

    Piuttosto voglio cercare anche adesso di trovare un qualcosa di positivo, uno spunto in avanti che mi faccia dire che comunque finirà questa stagione non sarà una stagione buttata:………

    …………………………………………..

    ………………………………..

    ……………………..

    ……………..Boh, adesso mi verrà in mente 🙂 ……..

    ………………………………………

  • Dario76 12 Maggio 2019 at 23:28

    Stuppiello,
    Per ora abbiamo rinverdito un bel niente! Anzi, per meglio dire, la presidenza cairo non ha rinverdito nulla, ma proprio nulla! Si vada a rivedere i cicli di Giagnoni, Radice e Mondonico, con tanto di secondi e terzi posti, uno scudetto storico, un paio di Coppe Italia vinte, parecchie finali purtroppo perse ed una storica finale di Coppa Uefa persa solo per sfortuna!
    Questi sono i fatti, il suo azionista per ora non ha rinverdito nulla!!!!!!

  • BERTU62 12 Maggio 2019 at 23:29

    @piero, ehehehehehehe, lasa stè, laslu perde chiel lì, daje nen da ‘ment! Eheheheheh…..

  • mauro.re 12 Maggio 2019 at 23:33

    d’accordissimo con Dario………..e lo dico da un po………le nostre lacune nascono dai 15 pareggi…..secondi in classifica a quella voce in tutta la serie A…..

  • Toro71( IL MUSEO AL FILA!) 12 Maggio 2019 at 23:44

    Era una bella giornata, stasera la gobba poteva essere in vantaggio 2 o 3 a 0 dopo il primo tempo, a Ronaldo è stato giustamente annullato un gol per pochissimo, la Roma vinto alla fine la partita e la giornata è diventata ” drammatica”.
    Come ho scritto sotto l’altro articolo c’è il rischio concreto che 66 punti ed un girone di ritorno potenzialmente da 39 punti non bastino per andare in Europa, il che sarebbe il colmo ma sarebbe anche terribilmente granata.
    Adesso c’è la finale di Coppa Italia mercoledì. L’ Atalanta deve vincere a tutti i costi, così resteremo in corsa e l’Europa dipenderà solo da noi.
    Se penso ai tantissimi punti buttati nonostante il bottino fin qui realizzato, mi viene una crisi isterica, ma come Marco voglio assolutamente andare in Europa. Non andarci dopo questo assurdo Campionati, lo ripeto, sarebbe devastante. Incrociamo l’incrociabile, mercoledì alle 23, o alle 24, sapremo il nostro destino.

  • BERTU62 12 Maggio 2019 at 23:54

    Veramente vogliamo fare una breve lettura del campionato del Toro di quest’anno? Va bene, proviamo…

    Parliamo di partite giocate in casa: 18, di cui 11 vittorie, 2 pareggi, 5 sconfitte… Gol fatti:29, subiti:18… Se invece parliamo di fuori casa……..: 18, di cui 4 vittorie, 13 pareggi ed 1 sconfitta.Gol fatti:19, subiti: 14… Se parliamo di punti, 35 punti fatti in casa e 25 punti fatti fuori casa….Se parliamo di differenze fra girone d’andata e girone di ritorno è vero che siamo andati via via migliorando però prima o poi il campionato finisce e non rimane più tempo per “recuperare” eventuali partite sbagliate….. Perché di partite sbagliate ce ne sono state diverse anche nel girone di ritorno, sbagliate nell’approccio, nella mentalità, anche nella scelta dei titolari e nei tempi delle sostituzioni perché un allenatore non può far entrare giocatori il cui compito è cambiare la partita a 5′ dalla fine! Quei cambi li fai SOLO se devi/vuoi perdere tempo perché sennò NON HANNO SENSO, e la prova (provata 🙂 …) l’abbiamo avuta oggi (casomai ne avessimo avuto bisogno) col cambio di Zaza, fatto quando? All’inizio del 2° tempo….

    Una “lettura” vera e propria la farò alla fine di Maggio, alla fine del campionato, che comunque rimarrà il campionato del record dei punti, già adesso lo è, ma che rischia anche (cosa peggiore…) di essere il campionato dei rimpianti più grandi!….

    FV❤G!! SEMPRE!!! 

     

  • Marco Corti 13 Maggio 2019 at 0:18

    Eppure c’è sempre questo gusto irresistibile per il lamento. Questo è il commento top:

     “Purtroppo, nonostante un buonissimo finale di stagione, rischiamo di terminare fuori da tutto, come negli ultimi 14 anni, del resto.”

    Quel “purtroppo” iniziale è già tutto un programma, segue la gufata “fuori da tutto” per terminare con un’inesattezza “come negli ultimi 14  anni del resto” dimenticando Bilbao, ma senza farlo apposta, eh?

    Un Forza ragazzi!….per dire…un Grande Gallo! no, eh?

  • fabio stuppiello 13 Maggio 2019 at 8:26

    Campionato è in corso, vogliamo andare in Europa

  • fabio stuppiello 13 Maggio 2019 at 8:33

    Certo chi diceva che Samp e Fiorentina o Lazio erano più attrezzate del Toro? Sono distanti anche 20 punti

  • fabio stuppiello 13 Maggio 2019 at 8:45

    Abbiamo come obiettivo quello di prendere Roma, Milan e Atalanta.
    Chi dice dei pareggi, deve precisare che il Girone di andata è stato non positivo, nel ritorno viaggiamo veloci e anche molto veloci.

  • GrilloParlante 13 Maggio 2019 at 10:45

    si, viaggiare….

  • Dario76 13 Maggio 2019 at 11:12

    Commento al “Commento Top”….
    Il purtroppo l’ho scritto e lo ribadisco, per chi non vuole capire e attacca i commenti degli altri del tutto inutilmente, in quanto i fatti incontrovertibili sono questi: per l’Europa League, a cui tutti vorremmo arrivare, dobbiamo sperare nella vittoria dell’Atalanta in Coppa e non dobbiamo sbagliare le ultime due, peraltro difficili, come Empoli e Lazio. Ripeto, questo d’ un dato di fatto, non un lamento. Per l’altra definita gufata, a Bilbao ci siamo arrivati per le scorrettezze fiscali del Parma di allora, e non sul campo! Questo lo ricorda, l’utente che scrive solo per controbattere, senza fatti concreti e senza ragioni, i commenti degli altri??
    Il rischio di rimanere fuori da tutto esiste, sia perché non avremo mai aiuti da altri (vedasi gobbi ma anche viola) sia perché non tutto, purtroppo, dipende solo da noi……
    Lo dico in modo sincero e sono il primo a sperare che l Atalanta vinca mercoledì sera, sarebbe già un buon inizio…..

  • BERTU62 13 Maggio 2019 at 13:06

    @dario76, in parte condivido il tuo post ma c’è una cosa che mi disturba e NON POCO: non è la prima volta e temo che non sarà neppure l’ultima che sento/leggo che il 7° posto che ci valse l’EL non ce lo fummo meritati SUL CAMPO ma ci venne “donato” così, come se fosse piovuto dal cielo…. SONO BALLE!!! Quell’anno anzi a ben vedere già da almeno un paio di anni il Parma faceva DOPING! DOPING FINANZIARIO, ma sempre DOPING E’! E come tale andava punito e va punito, andrebbe SEMPRE punito! Per lo stesso motivo è stato punito il Cesena ed il Chievo con dei punti di penalizzazione…. Non dobbiamo dimenticarlo MAI, tantomeno per sminuire in qualche modo il Toro, non a discapito della regolarità…

  • PupiGol57#CairoVattene 13 Maggio 2019 at 14:29

    ma gufare non è tipo: ormai ci siamo è fatta per l’europa?

  • Marco Corti 13 Maggio 2019 at 17:14

    Ragazzi non so se ci avete fatto caso ma nello spazio di qualche mese siete passati da:

    “Le altre lottano per l’Europa, mentre noi affoghiamo nella mediocrità”

    a:

    “Purtroppo rischiamo di rimanere fuori da tutto”

    (come negli altri 14 anni, l’anno di Bilbao non conta, eravamo arrivati settimi a un punto dalla sesta, dai preliminari a Luglio fino allo Zenit ad Aprile, ma non conta, colpa del Parma e di Cairo e basta!)

    E se è per questo rischiamo pure di finire settimi o anche sesti, chissà….

    Un girone di ritorno da terza in classifica non è neanche preso in considerazione, solo e sempre negatività.

  • fabio stuppiello 13 Maggio 2019 at 21:03

    Si Corti, lottare e non andare in Europa è sintomo di anonimato, il Toro non lotta per nessun obiettivo, ha condotto un anno disonorevole con tante sconfitte, che pesano sulla nostra storia

Lascia un commento