Una debacle clamorosa

1
108

Sharing is caring!

37^ GIORNATA DEL CAMPIONATO 2018/2019

EMPOLI TORINO: 4 1​​​​DOMENICA 19 MAGGIO 2019, h. 15,00

EMPOLI (3-5-2): DRAGOWSKI; MAIETTA (dal 32° s.t. VESELI), SILVESTRE, DELL’ORCO; DI LORENZO, ACQUAH (dal 19° s.t. BRIGHI), BENNACER, TRAORE’ (dal 47° s.t. CAPEZZI), PAJAC; FARIAS, CAPUTO.ALLENATORE: ANDREAZZOLI.

TORINO (3-4-2-1): SIRIGU; IZZO, NKOULOU, MORETTI; DE SILVESTRI, MEITE’ (dal 23° s.t. ZAZA), RINCON, AINA (dall’8° s.t. IAGO FALQUE); BASELLI (dal 33° s.t. LUKIC), BERENGUER; BELOTTI. ALLENATORE: MAZZARRI.

MARCATORI: ACQUAH (E) al 27° p.t.; IAGO FALQUE (T) all’11°, BRIGHI (E) al 20°, DI LORENZO (E) al 25°, CAPUTO (E) al 44° s.t.

ESPULSI: NESSUNO

AMMONITI: FARIAS (E) per gioco scorretto; BERENGUER (T) per gioco scorretto.

ARBITRO: MAZZOLENI di Bergamo.

Nell’anticipo di sabato, la Roma aveva pareggiato per 0 – 0 sul campo del Sassuolo, e il Toro, se avesse sconfitto l’Empoli, avrebbe raggiunto i giallorossi a 63 punti in classifica. Invece i granata sono incappati in una giornata no, da cui è scaturita una pesante sconfitta per 1 – 4 da parte degli empolesi, che ha determinato, di fatto, l’esclusione dall’Europa League. Sin dalle prime battute, il Toro era apparso impreciso, lento, quasi svogliato, non in grado d’impensierire l’estremo difensore empolese, che non veniva mai chiamato in causa. L’ex Acquahaveva buon gioco a piazzare in rete una palla che aveva ricevuto grazie ad una disattenzione della difesa granata. Il Gallo Belottisfiorava la rete in due occasioni, ma la prima frazione di gioco terminava con l’Empoli in vantaggio per 1 – 0. Alla ripresa del gioco, il Toro sembrava più tonico e voglioso; all’ Mazzarriaveva sostituito un evanescente e molto approssimativo Aina con Iago Falque, che dava più respiro alla manovra e pareggiava i conti con un bel sinistro che colpiva il palo interno e finiva in rete. Da quel momento il Toro sembrava potesse ripetere la prova di una settimana prima, quando aveva ribaltato il risultato contro il Sassuolo. Ma un’altra disattenzione difensiva permetteva all’altro ex di giornata, Brighi, di depositare in rete una palla su cui nulla poteva il sempre bravo Sirigu. Da quel momento i granata non avevano più la forza di reagire, nonostante due buoni spunti del subentrato Zaza e del costante impegno del Gallo Belotti. L’Empoli aveva così buon gioco a realizzare altre due reti, determinando un passivo esagerato per il Toro.

Dopo questa sconfitta sono riapparse, sui social, le critiche che sembravano sopite, contro il Presidente Cairo, in particolare, e sui giocatori che, solo la settimana prima erano stati elogiati senza riserve. Non accetto questo atteggiamento di una parte della tifoseria granata, perché il Toro ha disputato un campionato senza dubbio positivo, il migliore da oltre vent’anni a questa parte, anche se non ha prodotto il risultato che tutti speravamo. Inoltre, mi auguro che Cairo rimanga ancora a lungo a fare il Presidente del Toro, perché, qualora decidesse di mollare, non saprei proprio chi gli potrebbe subentrare su questa piazza. Sono evidenti i meriti di questo imprenditore, ricco di iniziative e ambizioso al punto giusto da portare il Toro a competere e, perché no, a vincere qualcosa di veramente importante.

Domenica prossima i giocatori granata sono chiamati a disputare una partita gagliarda contro la Lazio, sia per chiudere in bellezza questo campionato, sia per farci dimenticare in fretta la scialba prova disputata contro l’Empoli.

Franco Venchi

1 commento

  1. Le ricordo che il miglior “campionato da oltre vent’anni a questa parte” e’ uno dei quattordici (14) dell’era Cairo. Concordo solo su una parte: i meriti di questo score sono evidenti….

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui