2 Commenti

  1. Non è più tempo di piangersi addosso ogni volta che un arbitro sbaglia nel giudicare un fallo, ne sulla sfiga che, secondo taluni di noi, ci perseguita sui campi di gioco. Oggi è tempo di riconoscere che la sfiga ce la produciamo noi con le nostre sterili rassegnazioni. C’è la procuriamo noi giustificando gli errori di un mister che questi errori non sa correggere e se la procura Sua Presidenza che ama contornarsi di jesmen anziché di persone capaci. E’ vero: ci ha recuperato dalla serie B, ha miracolato il bilancio, ma ciò non gli ha conferito la patente di fasotutomi. La squadra ora c’è. È dunque tempo di affidarla a persone competenti che sappiano dirigerla come la nostra tradizione merita. A giorni ( il 17 ottobre) compio 90 anni: Riuscirò ancora a vedere un Toro che gioca in bel calcio?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui