Torino, serve una scossa: il Milan per rialzarsi

0
31

Sharing is caring!

Un brusco stop nelle ultime giornate, soprattutto il ko interno contro il Lecce aveva sorpreso negativamente Mazzarri e l’intero ambiente granata. Da quel momento il Toro non si è più ripreso, cadendo anche a Genova, contro una Sampdoria che non solo non aveva ancora vinto nelle prime giornate di Serie A, ma che nemmeno aveva realizzato un gol su azione.

Per il Torino il posticipo odierno contro il Milan rappresenta la migliore occasione di riscatto possibile, contro una grande squadra ma in difficoltà, reduce dalle mille incertezze scaturite dal derby nettamente perso contro l’Inter: per mister Mazzarri il giorno ideale in cui risollevare le ambizioni stagionali e di classifica dei granata.

Perché è inutile negarlo, quello con il Milan ha il sapore di una partita che vale l’Europa, quasi fosse uno scontro diretto: lo dice la storia recente e la passata stagione, che ha visto i granata tentare l’accesso ai giorni di Europa League proprio in virtù dell’esclusione dall’Europa del Milan: purtroppo un tentativo fallito, con un sorteggio sfavorevole che accomunava il Torino ai Wolves. Eppure, i granata bene avevano reagito a quell’eliminazione, battendo in trasferta un Atalanta poi capace di vincere in casa della Roma.

Mazzarri affronterà il match contro il Milan consapevole dell’importanza di un successo, tanto per la classifica quanto per il morale: andare a 9 punti vorrebbe dire agganciare il Napoli e mettersi dentro la zona Europa, sopravanzando Roma e Lazio. Insomma, un gran bel balzo che passa però da una prestazione del Toro ben diversa da quelle palesate nelle ultime due uscite di campionato, soprattutto quella di Genova.

Se coi salentini, corsari anche a Ferrara con la Spal, le occasioni non erano mancate, in casa dei blucerchiati era andata in scena la peggior copia stagionale del Torino. Le novità di formazioni non dovrebbero essere enormi, il vero cambiamento deve arrivare da quel cuore toro decisamente sbiadito nelle ultime apparizioni in campo.

Le quote bwin vedono i granata leggermente favoriti: un successo casalingo è dato a 2.45, il pareggio presenta un’interessante quota a 3.10, infine il successo degli ospiti guidati da Gianpaolo viene dato alla stessa identica quota del pareggio.

Restando a casa Milan, qualche novità in più negli uomini scelti dal tecnico abruzzese dovrebbero esserci. A partire dalla difesa, col ritorno da titolare di Calabria, dopo la squalifica nel derby e di Theo Hernandez, alla prima da titolare al posto del deludente Ricardo Rodriguez. Posto in cabina di regia per Bennacer, acclamato dai tifosi e pronto a sostituire il criticato Biglia: qualcosa potrebbe cambiare anche sulle mezze ali, scalpita Bonaventura dopo il lungo infortunio ma occhio al possibile debutto di Krunic. Sulla trequarti e dietro Piatek ci sarà Suso, salvo sorprese, con Paqueta o Leao pronti a vincere il ballottaggio con Castillejo e Rebic, altro nuovo arrivato ma dallo scarso minutaggio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui