Un Toro senza gambe, senza testa, senza cuore, senza alibi

4
279

Sharing is caring!

Un Toro senza gambe, senza testa, senza cuore, senza alibi.

Un Toro soprattutto nel primo tempo inguardabile. Un Toro che prende gol su errore di posizione dei suoi migliori difensori, Izzo e N’Koulou. Una squadra che non fa un tiro in tutto il primo tempo, che mette Lukic ad accendere la luce e non serve, mette Iago e serve ancora meno. Perchè nessuno si muove senza palla e Iago va ai due all’ora. Ha ragione Mazzarri troppi giocatori sono fuori condizione, io non posso vedere Rincon con la lingua a penzoloni, incapace anche solo di reagire. Oggi male anche i nazionali Izzo e Belotti, il Gallo ha toccato pochi palloni sbagliandone troppi, anche se poi è sempre il più pericoloso, vedi rovesciata parata da Musso. Ma che si arrivi costantemente secondi sulla palla è un dato di fatto. E notate quando la squadra prova a buttare il cuore oltre l’ostacolo, come nel secondo tempo, in mezzo al campo si crea una voragine. Se la cava Ansaldi, che però dovrebbe mettere qualche palla decente in mezzo all’area, invece di fare sempre Rivellino. Troppi gli errori tecnici, troppa imprecisione nei passaggi. Diciamo che non stiamo bene fisicamente e che qualcuno si è però anche ficcato nella testa di essere più forte di quello che è. Un mix pericolosissimo in serie A, che può portare a catastrofi. Mazzarri inizia a traballare, Cairo è infuriato e ha bloccato tutti i rinnovi. Voci milanesi, riportate da Sky, dicono che Rino Gattuso abbia riufiutato il Genoa non per il Milan, ma aspettando Urbano. Non succederà nulla nei prossimi dieci giorni, tre partite ravvicinate, avversari tosti. Ma Mazzarri doveva gestire con la sua esperienza gli straordinari di Europa League dal punto di vista fisico, ed è stata una follia giocarsi le sue carte tutte su Verdi, un ragazzo discontinuo di suo, che ha giocato molto poco nell’ultimo anno, e che forse stava bene sulla panchina partenopea. Mazzarri l’ha voluto a tutti i costi, ma non mi sembra abbia molto chiaro come utilizzarlo. Vero è che oggi in questo immobilismo è naufragato pure Laxalt, che gamba pare averne. Ma il calcio è ancora un gioco di squadra. Oltre a non correre sta squadra a volte gioca con una sufficienza davvero urticante. Non si è visto un anticipo che è uno, spesso è stato troppo facile per i centrocampisti friulani puntare Sirigu. Questione fisica e di testa. Molto veloci sono invece i nostri ragazzi sui social, se dribblassero come selfano saremmo primi. Siamo la squadra più tatuata del mondo. Ripeto a squadra, staff e dirigenza, il bonus è terminato. La qualificazione in Europa un ricordo. La condizione atletica si può anche recuperare, con il cuore e la testa. Basta leggerezze fuori e dentro il campo. A Mazzarri dieci giorni per cambiare il destino. Cagliari, Lazio e Juve. Partiamo in tutte le occasioni da sfavoriti. Sì anche col Cagliari domenica, lo dice la classifica e fino adesso pure i valori in campo.

4 Commenti

  1. Nulla purtroppo che non abbia detto ad Agosto.
    Tra cui le incompetenze societarie nel volere a tutti i costi un giocatore mediocre come Verdi e che il Cagliari, con quel centrocampo, poteva arrivare prima di noi.
    Siamo all’inizio ma la realtà è questa!

  2. Semplicemente un articolo perfetto
    Grazie Diego per aver restituito onore e dignità alla verità
    Gattuso? magari
    Però non capisco perché aspettare di prendere 4 sberle dal Cagliari… altrettante dalla Lazio e far fare ai gobbi una passerella all’Olimpico
    Ormai è tutto chiaro, limpido e solare
    O meglio… tetro

  3. Sono contento che finalmente qualcuno ha notato i difetti che già avevo visto e denunciato qualche settimana fa e qualcuno non voleva vedere o faceva finta di non vedere. Che si aprisse una voragine a centrocampo quando subivi i contrattacchi era visibile da tutti già dalla partita di andata con il Wolveramphton

  4. Giustissima una critica in particolare.
    Giocano con una sufficienza che farebbe imbestialire chiunque, tranne quello che purtroppo continua a scaldare la panchina.
    Gattuso? Magari! Ma subito, aspettare cosa? Altre tre scoppole? L’azionista si muova, e subito! Se non fosse Gattuso, ci sono Spalletti, Guidolin, Prandelli, sicuramente anche altri…

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui