Toro da ritrovare in una settimana di fuoco

3
241

Sharing is caring!

Dopo la sconfitta di Udine il Toro pareggia 1-1 contro il Cagliari e conferma che continua questo momento difficile per la squadra granata.
A fine partita fuori dallo stadio si respira tanta rabbia e delusione. I tifosi hanno visto una squadra non grintosa: appena il Cagliari ha messo in difficoltà il Toro i granata si sono impauriti, come ha detto mister Mazzarri a fine partita. I giocatori, dopo aver subito il primo goal in serie A di Nandez al 40’, hanno lasciato il campo tra i fischi.
Nella ripresa il Toro pareggia con il goal di Zaza e porta a casa un punto, contro un’ottima squadra che sta facendo molto bene.
A livello di gioco si è visto un Toro migliore rispetto a quello sceso in campo a Udine, ma ancora i granata non hanno un’ identità di gioco e ci sono troppe cose che non vanno.
Nei giorni scorsi si è sentito parlare molto sui giornali, e non solo, di una settimana ricca di colloqui tra Mazzarri e la squadra o con i singoli giocatori. Sicuramente il tecnico toscano dovrà continuare a lavorare sulla testa dei calciatori e apportare cambiamenti.
Hanno fatto piacere le parole di Moretti venerdì, a margine di un evento, quando ha detto che c’è voglia di andare incontro ai tifosi e aprire il Filadelfia al pubblico. Il popolo granata non vede l’ora di toccare con mano questa intenzione, perché oltre 109 giorni che il Fila non apre i cancelli sono davvero troppi! Soprattutto in questo momento difficile la squadra ha bisogno dei tifosi e i tifosi della squadra.
Adesso per Belotti e compagni ci sono due partite molto ostiche nel giro di 6 giorni: mercoledì contro la Lazio e sabato sera il derby.
Come ha detto Sirigu, autore anche ieri di una grande prestazione, bisogna essere più cattivi e caricarsi mentalmente per uscire da questa situazione che non appartiene al Toro. Come sottolineato anche da Mazzarri e dal presidente Cairo è necessario rimanere compatti e ripartire dal punto di ieri. Nulla è ancora compromesso.
Giovanni Goria

3 Commenti

  1. Nulla e’ ancora compromesso, è vero.
    Però è anche vero che non si vede la luce ancora in fondo al tunnel.
    Adesso speriamo di essere smentiti e che la squadra reagisca in queste due partite, altrimenti non so cosa possa succedere.

  2. Se si pensa di poter raccogliere più di un punto (e a Roma) nelle prossime 2 gare
    Con nessun tipo di principio di gioco manovrato… nessuno schema tattico acquisito ed una condizione atletica da bocciofila per over 65
    Si va oltre la dimensione onirica per sprofondare in quella patologica delirante
    L’unico risultato ottenibile sarebbe un ossimoro: perdere “bene” per incominciare subito dopo la complessa rincorsa alla salvezza

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui