Le pagelle di Torino – Fiorentina 2-1

3
172

Sharing is caring!

TORINO (3-4-2-1):

SIRIGU 6,5: Inoperoso nel primo tempo, nel secondo tempo è chiamato ad un grande intervento su Chiesa, e a deviare in angolo il tiro dal limite di Sottil. Nel finale, è attento e preciso nelle uscite e blocca sulla linea un colpo di testa di Milenkovic, prima del gol di Caceres.

IZZO 6: Bene nel primo tempo, quando è il Toro a fare la partita e ha la possibilità anche di spingersi in avanti e impostare. Più in sofferenza nella ripresa, soprattutto nel finale quando Chiesa imperversa dalla sua parte.

NKOULOU 6,5: Bravo nel non subire fisicamente il gigante Vlahovic, dirige bene la difesa e chiude tutti i varchi. Nel finale va in sofferenza come tutta la squadra, ma è sempre ben piazzato e tempestivo negli interventi.

BREMER 6,5: Sente ancora l’adrenalina del gol vittoria di Marassi e il suo primo tempo è da incorniciare. Non va mai in affanno, continua a crescere in sicurezza e nel finale diventa protagonista con una chiusura provvidenziale su Pedro.

DE SILVESTRI: s.v.

12′ AINA 6: Entra a freddo e fatica ad entrare in partita, prendendo un’ammonizione che lo potrebbe condizionare. Cresce invece col passare dei minuti, è attento in difesa e da una sua giocata nasce il gol del raddoppio. Cala un po’ nel finale e si perde Chiesa sul gol viola.

BASELLI 6: Con la fascia di capitano, gioca una gara attenta e di grande sostanza. Poco appariscente, ma è bravo nel dare ordine alla manovra, nel fare filtro davanti alla difesa, e nel finale è sempre ben piazzato sulle linee di passaggio ospiti.

RINCON 6: Nel primo tempo vince tanti duelli, recupera tanti palloni, e aiuta la squadra ad essere corta e aggressiva. Nella ripresa cala leggermente, è meno dinamico, ma non tira mai indietro la gamba.

ANSALDI 7,5: Un assist e un gol per l’argentino, migliore in campo. Si beve Caceres prima di mettere sulla testa di Zaza un pallone da spingere in rete. Si inventa il 2-0 con un tiro nell’angolino basso dopo una cavalcata di 50 metri. Bravo e lucido in entrambe le fasi, nel finale sbriglia diverse situazioni complicate, prima di venire anticipato da Caceres sul gol della Fiorentina.

VERDI 6,5: Prestazione finalmente convincente dell’ex Napoli. Ispirato, finalmente tonico, perde molti meno palloni e tenta anche le giocate più complicate. Si muove molto, cerca di duettare con Zaza, ma non rinuncia a sacrificarsi per la squadra. Cala nella ripresa e viene sostituito da Mazzarri, con qualche mugugno.

76′ LAXALT: s.v.

BERENGUER 5: Giornata da dimenticare per lo spagnolo, che dovrebbe muoversi dietro Zaza, ma ne azzecca davvero poche. Sbaglia parecchi palloni, tra cui un cross che poteva mettere l’attaccante granata in condizioni di battere a rete, appare poco lucido e Mazzarri giustamente lo sostituisce.

58′ MEITE’ 6: Impatto positivo sulla gara: entra al posto di Berenguer, e ne prende anche la posizione in campo, pur se con compiti prettamente difensivi. Aiuta la squadra a recuperare palloni, anche se non sempre li gestisce al meglio.

ZAZA 6,5: Nel primo tempo, sorprende per il movimento e la pericolosità sotto porta: prima Dalbert, poi Dragowski gli negano la gioia del gol che arriva poco dopo con un colpo di testa di pura rabbia. Nella ripresa è più isolato, la squadra lo abbandona tra le maglie della difesa viola, e non ha più occasioni per essere determinante, ma non smette mai di rincorrere gli avversari.

ALL. MAZZARRI 6: Non è un Toro strepitoso, ma nel primo tempo la squadra granata dimostra più idee e più voglia di vincere. Nessuna occasione concessa, gol sfiorato più volte, fino al centro di Zaza, poi gestione senza patemi del risultato. Nella ripresa un Toro più lento, più stanco, con meno pazienza nel gestire la sfera, che lascia giocare la Fiorentina e rischia. Il raddoppio di Ansaldi pare più casuale che cercato, ma nel finale la squadra soffre e riesce a rimettere in discussione il risultato nel recupero. Seconda vittoria consecutiva, ma sul piano del gioco ancora pochi passi in avanti.

FIORENTINA (4-3-3):

Dragowski 5,5 – Caceres 6,5 – Ceccherini 5,5 – Milenkovic 6 – Dalbert 6 – Benassi 5,5 – Pulgar 5 – Castrovilli 6 – Ghezzal 5 (51′ Sottil 6) – Vlahovic 5,5 (78′ Pedro s.v.) – Chiesa 6,5 – ALL. Montella 5,5

ARBITRO, sig. GIACOMELLI 7: Partita non difficile da gestire, poichè corretta anche su un campo non perfetto. Non deve mai chiedere l’intervento del VAR e tiene in mano la partita con autorità. Gestisce bene i cartellini e dimostra sempre sicurezza, tanto che le proteste per le sue decisioni, sono minime.

3 Commenti

  1. Non sono mai stato d’accordo per delle “pagelle individuali” quanto si tratta di un gioco di squadra, come appunto il calcio: si gioca in squadra e DA SQUADRA si prendono lodi (quando sono meritate) ed eventualmente fischi (quando sono meritati), ed anche oggi la regola è questa, quindi:
    Toro sugli scudi in tutto il primo tempo, zero tiri in porta da parte della Viola la dicono lunga.. Nel 2° tempo legittimo aspettarsi un minimo di reazione Loro, peccato non averne approfittato con i contropiedi che inevitabilmente sarebbero arrivati ma bravi comunque a raddoppiare…Evidente anche il calo fisico, frutto di una preparazione che comincia a dare i suoi frutti dopo un’estate condizionata dal balletto dei preliminari di EL (si giocano, no li gioca la Roma perché il Milan non va in concordato con l’UEFA, no anzi si giocano, forse…)…
    Infine capitolo infortuni: anche oggi abbiamo pagato un prezzo alla sorte, con Lollo che ha dovuto abbandonare il campo in seguito ad uno scontro, e fa il paio con quello di Lyanco, anche Lui “azzoppato” da un avversario, che fa TRIS con Lukic, anche Lui infortunatosi in un contrasto in allenamento, e fa POKER col Gallo Belotti…. mentre invece ancora fuori Iago Falque che da quando ha rinnovato il contratto sembra subire una sorte di “maledizione”..

  2. Ingeneroso il 6 a baselli ….. il 7 all’arbitro mi sembra eccessivo …. piccole situazioni gestite con un diverso metro…. ad esempio benassi nel primo tempo andava ammonito….

  3. Condivido i voti tranne che per Zaza che meritava il 7.5 non solo per il gol e la qualità ma anche per l’abnegazione che ha messo nella ripresa. Zaza quando vuole è giocatore da Toro.
    Avrei dato di più a Baselli oggi positivo. Almeno 6,5
    Avrei dato 5 a Giacomelli che nella gestione dei cartellini non è stato equo
    Avrei dato 8 a Mazzarri perchè ha azzeccato tutto in una situazione di pura emergenza . Sarri e Conte si lamentano di 2 assenze. Mazzarri ne ha dall’inizio del campionato e prima di ieri ha avuto una ecatombe perdendo pure il Gallo oltre a Lukic , e dulcis in fundo anche De silvestri dopo pochi minuti
    E non si è lamentato . Altro che piangina, allora Conte e Sarri cosa sono?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui