L’allenamento del 7 maggio

3
639
Salvatore Sirigu
Salvatore Sirigu

Sharing is caring!

Continua la preparazione del Torino, al Filadelfia, in vista della trasferta di domenica contro l’Hellas Verona (calcio d’inizio alle ore 15). Dopo l’analisi tattica a video, Davide Nicola ha dapprima fatto svolgere l’attivazione muscolare con torelli, poi ha diretto esercitazioni a tema e lavori sul possesso palla. Terapie per Milinkovic-Savic e Murru. Domani in calendario una sessione di allenamento. (torinofc.it)

3 Commenti

  1. Ci tenevo a dire che sto leggendo qua e là i nomi di possibili nuovi allenatori…..ma dico siamo nel momento cruciale della stagione e si pensa al nuovo allenatore? A parte il fatto che Nicola va riconfermato senza se e senza ma e che i giornali così facendo non fanno altro che destabilizzare.non so voi che ne pensate

  2. I gobbi erano gli unici tifosi che avevano una maggioranza a favore della Superlega. Dati alla mano erano 55% Juventus, 45 Real e 30 Barcellona per quasi tutte le altre era intorno al 10%. Inglesi escluse (tra il 3 e il 4%) che come al solito per quanto riguarda lo sport sono 100 passi davanti a tutti.

  3. Comunque riguardo alla Super lega mi piacerebbe aprire un mini dibattito, il futuro purtroppo va in quella direzione e siamo d’accordo. Ma ciò non vuole dire che non si possa trovare una formula meritocratica di accontentare tutti.
    IMPORTANTE PREMESSA, SE GIOCHI IN SUPERLEGA NON GIOCHI IN CAMPIONATO.
    Secondo me basterebbe fare una competizione a 24 squadre includendo però anche le federazioni minori (ovviamente in base al ranking) e inserire un sistema a retrocessioni.
    Faccio un esempio: 4 squadre dei 4 principali campionati, poi 2 squadre dai campionati francese olandese portoghese e russo (ho preso le federazioni in base al ranking).
    Dividi le squadre in 2 gironi da 12 e fai andata e ritorno. Alla fine le prime 6 di ogni girone si qualificano alla fase finale. Le prime due direttamente agli ottavi, le altre scontrandosi. Terza di uno con sesta dell’altro e così via (per limitare il numero di partite questa fase è in gara secca e per garantire lo spettacolo in caso di pareggio passa quella meglio classificata). Poi fai i tuoi classici ottavi quarti, semifinali e finale.
    Le squadre che a fine anno non si sono qualificate tra le prime 12 lasciano il posto alle vincitrici dei loro campionati e tornano in a giocare in patria. Ovviamente in caso di 2 o più squadre fuori dalle prime 12 si guarda quella che si è posizionata peggio. Esempio il Milan arriva 8 e la Juve 10 la Juve torna in seria A e la vincitrice del campionato prende il suo posto ( ma la Juve parteciperebbe ad una eventuale Coppa europea tipo Europa league ) Nel caso tutte le squadre della nazione siano tra le prime 12 invece non succede nulla.
    Le leghe minori (tipo quella belga) hanno una possibilità di guadagnarsi un posto tramite il piazzamento in Europa league (se le squadre belghe vincono per 2 volte l’europa league e le olandesi in Superlega prendono solo pesci in faccia il ranking cambia e la federazione olandese perde il posto a discapito di quella belga.) uguale per le altre ad esempio la Francia può arrivare ad avere 4 squadre e l’Italia solo 2 se le italiane fanno ridere.
    Credo che così sia l’unico modo per far sopravvivere un minimo la meritocrazia e comunque “tutelare” le big.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui