Il presidente del Torino, Urbano Cairo ricorda Sinisa Mihajlovic alla Gazzetta dello Sport: "Impossibile non volergli bene. Era un grande combattente dal carattere forte e deciso, ma con un cuore buono e generoso come pochi. Ero in contatto con alcune persone vicine alla famiglia e da poco, purtroppo, avevo saputo che le cose stavano peggiorando... Dopo il suo esonero dal Bologna ci eravamo sentiti subito: era come sempre tonico, voglioso di stare meglio per riprendere la sua vita a 360 gradi. Era rimasto sempre lo stesso, vitale, entusiasta. Qualche giorno fa, poco prima di sapere del peggioramento delle sue condizioni, avevo proprio pensato a lui. Mi dicevo: “Chissà come starà adesso Sinisa perché è un po’ che non lo sento...”. E invece poi, giusto nell’ultima settimana, si è aggravato". 

"Ricordo dov’ero quando arrivò la notizia: era luglio 2019, andavo al mare dalla mia famiglia. Gli mandai un semplice messaggio per dirgli che, se potevo essere d’aiuto, sarei stato a sua totale disposizione. Mi aveva subito chiamato e da lì siamo rimasti in contatto durante tutto quel periodo di cure. Vederlo riprendersi è stato un sollievo. Tra l’altro, quel ritiro del Bologna che aveva guidato quasi “da remoto” aveva anticipato ciò che sarebbe poi stato per tutti il periodo della pandemia. Ma lui aveva superato quella difficoltà con efficacia perché sapeva motivare tutti, gli bastava una parola per spingere a dare il meglio. Soprattutto sapeva ispirare i giovani, era bravissimo con loro: ha lanciato Donnarumma al Milan e da noi ha fatto esplodere Lukic e fatto fare una grande stagione a Ljajic".  

"Un uomo di grande coraggio, forza, che non sopportava l’idea di arrendersi o mollare. Era davvero indomito: lo è stato, e molto, nella malattia, ma anche nella vita. Non si preoccupava inutilmente, affrontava tutto a petto in fuori, senza timori. Come tecnico, poi, sapeva come riunire attorno a sé i calciatori, andando sempre all’attacco: il suo calcio era offensivo, arrembante. E poi affascinava anche per la sua carriera da calciatore: rivedere le sue punizioni era sempre un piacere. Voleva dare coraggio così: l’essersi mostrato come effettivamente era davanti alla leucemia è stato di conforto a tanti che si sono riconosciuti in lui. Nella sua bellissima autobiografia si è messo a nudo anche da questo punto di vista. È stato bello conoscerti, mister. E grazie, grazie di tutto".

(fonte calciomercato.com)


💬 Commenti

Cuoretoro.it è un portale web creato e gestito da tifosi granata. I nostri contenuti (articoli e foto) sono riproducibili citando la fonte www.cuoretoro.it

Powered by Slyvi