Rinnovo Ansaldi vicino: l’argentino può entrare nella storia granata

26
1523
Cristian Ansaldi

Sharing is caring!

Il Torino e Ansaldi proseguiranno insieme anche nella prossima stagione. Il rinnovo è a un passo e l’argentino ora può entrare nella storia granata

Il Torino Cristian Ansaldi proseguiranno insieme anche nella prossima stagione. Nessun intoppo nelle trattative per il rinnovo che, come riportato da La Gazzetta dello Sport, sarà annunciato a breve. Nel contratto dell’esterno c’era anche una clausola che permetteva al club di rinnovare unilateralmente l’accordo, ma la società ha preferito la via del dialogo per rispettare anche le volontà del calciatore,

Cristian Ansaldi, difensore argentino del TorinoFc
Cristian Ansaldi, difensore argentino del TorinoFc, durante il ritiro di Bormio

Un rinnovo che permetterà ad Ansaldi anche di entrare nella storia del club e di far parte di quella Hall of Fame granata dei cento calciatori più presenti di sempre con la maglia del Torino. L’argentino è ora a 115 presenze, ma con una manciata di partite raggiungerà Bresciani al centesimo posto a quota 129. (calcionews24.com)

26 Commenti

  1. Oh, meno male…Ansaldi davvero è uno dei pochissimi a cui sono affezionato in questa squadra. E’ vero, in mezzo a quegli scarponi incostanti la sua figura risalta per tecnica, capacità di saltare l’uomo e distribuire assist. Sono 3 anni che dite che è vecchio e risulta sempre uno dei più affidabili e piacevoli da guardare.

  2. Contento per Ansaldi, ancora uno dei migliori in quella banda di scarponi. Comunque siamo messi molto male, e’ evidente, al di là di un mercato COVID in cui tutti più o meno faticano, noi boccheggiamo, se non vende qualcuno non compra, questo mi pare più che evidente. Che strazio infinito.

  3. Ansaldi ha tutto il mio rispetto e ammirazione ( e spero proprio che faccia carriera come da dirigente da noi appena appenda le scarpe al chiodo)
    Uno dei pochi veramente attaccato alla maglia
    Magari averne altri 7/8 in squadra come lui!!!(ovviamente discretamente dotati tecnicamente)

  4. Bene pet Ansaldi, che merita per tecnica, impegno e anche attaccamento, ma purtroppo ha i suoi anni e diversi acciacchi.
    Per il resto, nessuna meraviglia per il mercato di cairo e quell’altro incapace, con l’unico dubbio riguardo Juric….accettera’ tutto anche lui o li mandera’ affankulo come meritano??

    • Ma magari si avverasse ciò che dici
      Stiamo a vedere cosa succede sono proprio curioso di vedere l’ennesimo ridicolo teatro del duo Gianni & Pinotto
      Che tristezza di società….
      Che schifo di gente….

  5. Ancora non è successo nulla tra l’altro.
    Gli hanno solo bloccato la crescita.
    Poi verrà il tempo in cui i cattivoni gli porteranno via tutto, come i voleurs con le vecchine al mercato.

  6. Ansaldi. oltre ad essere uno dei pochi giocatori di livello di questa squadra (1 gol e 6 assist), è anche un esempio per i compagni e uomo spogliatoio fondamentale, basti pensare al rapporto che si creò immediatamente con Nicola (l’unico dopo il 7 a 0 subito col Milan ad andare col mister per il consueto cerchio) e all’atteggiamento sempre positivo. Poi certo ha i suoi anni, ma non dimentichiamo che lo scorso campionato ha saltato poche partite per infortunio e Nicola era riuscito a dosarlo perfettamente, sempre titolare, tranne nelle partite ravvicinate, dove è entrato a gara in corsa, riuscendo a preservare i suoi muscoli fragili.
    Detto questo, mancano 10 giorni al ritiro e non c’è stato ancora alcun movimento né in entrata, né in uscita

  7. Ragazzi non mi fraintendete, massima stima per Ansaldi, di gran lunga il miglior giocatore che abbiamo per distacco.
    Ma età e acciacchi non gli consentono di reggere una stagione intera.
    Con questa società, siamo alla frutta. Il presinulla non ha il becco di un quattrino e rovagnati dimostra di essere un incapace non solo a comprare, ma soprattutto a vendere.

  8. “Ezio Rossi conosce talmente bene l’ambiente Toro e la gestione Cairo da non essere ottimista per la prossima stagione: “Sarà il solito tran tran cairese, questa è l’impressione. La speranza, da tifoso del vecchio Toro, è che Juric riesca ad imporre le sue idee. Non ha richieste onerose e mi auguro che la società lo segua. Non so se questo potrà succedere, se cioè Juric avrà la forza di imporsi. Juric comunque è il miglior tecnico che potesse venire a Torino e poteva essere l’allenatore giusto anche per il Toro di vent’anni fa che aveva altre prospettive e ambizioni. Mi auguro che possa trasformare questo torello in un Toro”, ha detto a Tuttomercatoweb.com

    Poi su Belotti: “Non credo resterà ma ha identificato quello che noi nostalgici abbiamo in mente. Il calcio è cambiato però Belotti ha lo spirito Toro. Forse è rimasto anche troppo in un club che non ha ambizioni. Ora in questo Torino si è perso lo spirito, c’è una società che non esiste se non Cairo, con una sede a Milano e che non vive il territorio. Purtroppo oggi, stando così le cose, ci sono anche sempre meno bambini che tifano per il Toro…”. Quindo la contestazione ci sta: “Ognuno è libero di manifestare finché resta nel contesto della civiltà. E la protesta di ieri è anche simpatica. Chi ha vissuto il Toro precedente nota l’estraneità di questa società al mondo Toro, e la gente non è soddisfatta. Credo che Cairo sappia che l’80% non è per niente contento, ma non gli importa più di tanto”.“ quotato da TMW.

  9. Guarda un po’ mi tocca pure difendere la città di Torino…
    I tempi stanno finalmente migliorando, s’intravede la fine del tunnel, verranno momenti migliori per tutti, anche per la città e per l’unica vera squadra di Torino.
    La negatività in questo sito si taglia col coltello, non se ne può più, e sul trapasso di cairo non è che esagera un po’, è da minimo due anni che insiste continuamente con toni da psicopatico,
    “Lo vedrò freddo”
    Ma chi sei? Hannibal Lecter?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui