Le pagelle del campionato. L’allenatore.

2
658
Le Pagelle
Le Pagelle - di Sandro Mellano

Sharing is caring!

Juric: ha ereditato una squadra allo sbando reduce da due stagioni da incubo, e solo ad agosto si è reso conto che la società, come noi ben sappiamo, non aveva fatto nulla per metterlo nelle condizioni di cambiare il corso delle cose. A quel punto ha deciso di alzare la voce dichiarando che le promesse fatte non erano state mantenute, manco nel liberarsi delle zavorre che lui aveva subito individuato. Si è così cercato di correre ai ripari prendendo in prestito giocatori di buon livello come Brekalo e Praet. Con i reduci delle stagioni incubo e qualche innesto è riuscito a trasformare l’Armata Brancaleone in una squadra con gli attributi  e con un gran bel gioco, rilanciando giocatori che sembravano solo dei normali pedatori, su tutti Lukic, Rodriguez e Djidji, e lasciando da parte chi non poteva o voleva far parte del nuovo corso. Ad un certo punto della stagione abbiamo anche sperato di raggiungere la qualificazione all’Europa ma, un calo nei mesi di febbraio e marzo, ha ridotto le ambizioni e alla fine si è chiuso il campionato con cinquanta punti. Ora viene, per lui, il difficile perché si è reso conto della piazza nella quale è arrivato e delle sue ambizioni e volendole soddisfare ha il timore che la società non possa o non voglia assecondarlo e lo stesso timore lo nutriamo noi. A lui un grande ringraziamento per il lavoro fatto e per aver riportato un po’ di entusiasmo in una piazza che aveva perso tutta la voglia di tifare. 

Ivan uno di noi! (8) 

Sandro Mellano

2 Commenti

  1. -Articolo da condividere in pieno. A mio avviso lui e Nicola i più apprezzati negli ultimi anni dai vecchi e giovani cuori granata.
    FVCG (ora e per sempre).

  2. Disamina condivisibile. Manca un passaggio che è risultato evidente. I cambi. Forse può migliorare in questo. E non intacca il 10 che si merita.
    Senza di lui non credo avremmo fatto nulla.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui