Lecce-Torino: le formazioni ufficiali

10
230
Le formazioni ufficiali
Le formazioni ufficiali

Sharing is caring!

LECCE: Falcone – Gendrey, Baschirotto, Umtiti, Gallo – Blin, Hjulmand, J. González – Strefezza, Ceesay, Di Francesco.

TORINO: Vanja – Gravillon, Schuurs, Buongiorno; Singo, Linetty, Ilic, R. Rodriguez – Miranchuk, Radonjic – Sanabria.


10 Commenti

  1. -Con una squadra continuamente rabberciata vi è ben poco d’essere ottimisti contro un avversario a mio giudizio temibile ,specialmente quando gioca in casa. Ci sarebbe piuttosto da toccarci qualora dalla panchina dovesse alzarsi (lentamente) il buon Pellegri.
    FVCG (ora e per sempre).

  2. gran bella partita, bravi fino ad ora, Rado si riscatta e sono molto contento per lui, assist meraviglioso (così come quello del russo), peccato per gli ammoniti, io toglierei Buongiorno perché un secondo giallo con Strefezza è un rischio grosso, certo anche loro hanno un paio di ammoniti…

  3. Lecce e’ sempre stato un campo maledetto e non ero molto ottimista. Invece andata bene, vinto in maniera netta e convincente, direi con una certa maturità questa volta. Bravi Rado, Sanabria e Gravillon, bene difesa e mediana in generale.

  4. oggi partita da squadra matura, uno due micidiale nel primo tempo e secondo tempo difeso benissimo, loro non hanno avuto praticamente nessuna occasione con Vanja che deve fare ordinaria amministrazione, partita sontuosa di Rado, oggi migliore in campo (messaggio per i tifosi che qualche settimana fa scrissero che era un giocatore da oratorio…) a parte l’assist al bacio nel primo tempo ne confeziona altri due molto belli nel secondo tempo e gioca finalmente anche per la squadra. Bravo Juric, bravi ragazzi, ora l’Europa non è + un miraggio, Ricci è entrato molto bene e anche buono l’esordio di Gravillon che, anche se è presto dirlo, mi sembra dia molta + sicurezza rispetto a Djiji (che entra e fa subito un mezzo pasticcio con Vanja in uscita…). Anche Sanabria continua uno stato di forma eccellente, gol a parte. Solo Ilic forse oggi un po’ in ombra rispetto alle precedenti uscite, ma rimane giocatore sontuoso.

  5. Post partita Juric in conferenza
    “Oggi abbiamo vinto ina grande partita contro una formazione molto più competitiva della nostra frutto di un progetto tecnico e di una proprietà veramente ambiziosa.
    Devo fare i complimenti ai ragazzi… che sono tutti delle pippe… ma si allenano sempre al meglio… nonostante questa società sia sull’orlo del fallimento con un progetto inesistente… un ds coglione e un presidente testa di cazzo.”
    Io voglio condividere… infatti Ilic lo pago per metà io…

  6. Radonic ha fatto un’ottima partita il suo apporto c’è stato a differenza delle ultime 2/3 partite dove è stato indisponente è da me criticato aspramente. Deve continuare così, la partita giocata bene da tutti finalmente senza lampi ma con equilibrio e concretezza.

  7. Gabry qui di dimentica spesso che un giocatore va valutato per d ed urlo che fa in campo e nelle ultime partite Tado non solo era stato inutile, ma con i gobbi finanche dannoso tanto è vero che Juric, uno che ne capisce poco, lo ha tolto dopo 15 minuti che lo aveva inserito; magari se consultate qualche almanacco scoprite che è un record. Oggi ha fatto bene, allora magari critiche e cazziatoni gli hanno fatto bene.

    • Rado è uno dei pochi giocatori in serie A, sicuramente l’unico nel nostro organico, che può saltare secco l’uomo, caratteristica importante. Poi in campo spesso gioca in modo anarchico. Juric fece bene ad imbufalisrsi con lui, quest’anno ha alternato bassi ad alti (che in alcuni casi, come oggi, ci fanno vincere le partite). Va anche detto che per il suo modo di giocare alcuni suoi errori sono + evidenti di altri. Quello che non capisco è stato l’attacco feroce che alcuni tifosi gli hanno rivolto.

  8. Biziog, Rado è 2 partite (dallo spezzone con il Bologna), non 10, che sembra avere capito che deve giocare per la squadra, fino ai gobbi ha sempre giocato per se stesso, con il mister arrivato a dire (certo per pungolarlo stile Balotelli) non sono riuscito a farne un giocatore; dunque fino a quel momento inutile, non perché fa qualche dribbling di troppo, ci sta che se rischi tu possa sbagliare più degli altri, ma perché è stato solo una vetrina di se stesso (credi in te stesso anche quando nessuno crede in te, citazione sua, non è una reazione normale alle parole del mister e all’atteggiamento tenuto in campo fino a quel momento), senza attenzione per le esigenze della squadra. Ora se Juric che lo vede tutti i giorni è arrivato a dire che non è un giocatore, può starci che sia stato criticato da chi invece tifa la maglia e la squadra non il singolo. Se in campo proseguirà il cammino degli ultimi 2 incontri per tutte le prossime partite sono certo che le critiche muteranno in Lodi, perché il campo è giudice unico e perché almeno io posso giustificare chi qualcosa ha già dato alla squadra, ma lui ad oggi ha dato poco o nulla rispetto a quello che potrebbe.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui