CALENDARIO – «Prima o poi una prima in classifica bisogna affrontarla. Adesso è il Milan primo e non mi preoccupa affrontare i rossoneri. Mi disturba come è combinato il calendario. Il Torino è l’unica squadra che gioca in maniera così ravvicinata nel tempo: 5 partite in 13 giorni. Tutte le altre hanno mediamente un giorno in più di recupero, alcune anche due. Non è il Milan che mi disturba, sono quindi gli impegni ravvicinati». 

MILAN – «Il Milan ha dimostrato anche con le assenze di essere una squadra forte. Quando tu riesci a conseguire un filotto di risultati senza mai perdere significa che hai creato consapevolezza e autostima. È riuscito ad andare avanti senza molti titolari. Anche nell’ultima partita ha giocato molto bene. Le assenze fanno parte dei momenti di una stagione». 

KRUNIC – «Innanzitutto auguri di pronta guarigione dal Covid. È un calciatore che ho allenato all’Empoli, poi l’ho ritrovato al Milan ma non l’ho mai allenato di fatto perché era reduce da infortuni. E’ migliorato perché le esperienze ti fanno migliorare e quando approdi in una grande squadra accresci il tuo livello di autostima. È forte, con qualità, ma non verrà a giocare al Torino». (calcionews24.com)


💬 Commenti

Cuoretoro.it è un portale web creato e gestito da tifosi granata. I nostri contenuti (articoli e foto) sono riproducibili citando la fonte www.cuoretoro.it

Powered by Slyvi