Bologna-Torino: le formazioni ufficiali

8
414
Andrea Belotti
Andrea Belotti

Sharing is caring!

BOLOGNA (4-2-3-1)Skorupski; Mbaye, Danilo, Medel, Denswil; Svanberg, Schouten; Juwara, Soriano, Barrow; Palacio. All. Mihajlovic

TORINO (3-4-1-2): Rosati; Izzo, Bremer, Djidji; Berenguer, Lukic, Rincon, Ansaldi; Verdi; Belotti, Zaza. All Longo  

8 Commenti

  1. -Difesa a zona da incubo ,soliti lanci lunghi inconcludenti, attacco fantasma ,supremazia totale dell’avversario….non male direi…

  2. Grande gioco con interpreti che sembrano fuoriclasse……altro che Vagnati come Ds dovevano prendere Klaus Barbie!! Che schifo di societa’!!!

    • -Speriamo che almeno possa servire come pedina di scambio. Lewandowsky ? ( lasciate sognare un vecchio cuore granata).
      FVCG( ora e per sempre).

    • Moreno Longo è intervenuto ai microfoni di Torino Channel per commentare l’ultima gara di campionato: “Bilancio molto positivo. La situazione non era complicata ma complicatissima. Forse c’è chi non si è reso conto del pericolo che abbiamo corso; dall’interno abbiamo percepito grande preoccupazione per il raggiungimento di un obiettivo che non era certo scontato. Non posso non valorizzare questo risultato che è la salvezza raggiunta, un risultato che permette a questa società di poter riprogrammare il futuro dalla Serie A”.

      Ancora Longo a Torino Channel: “Sicuramente quando sono arrivato qui, l’Europa era nella mia testa e di tutto lo staff. Poi abbiamo preso atto della situazione e di quel che c’era da fare, abbiamo preso atto del fatto che l’obiettivo non poteva che essere la salvezza. Che si raggiunge facendo punti in modo sporco, con pragmatismo e cattiveria, vincendo gli scontri diretti, facendo bene sulle palle inattive. La rosa non era certo abbondante quindi abbiamo scelto appositamente di rinunciare a giocatori importanti in match di cartello per centellinare le forze e puntare sulle partite che non potevamo non vincere. Forse, non ci fosse stato il lockdown, anche solo con una settimana di lavoro in più avremmo potuto fare meglio, dal punto di vista del lavoro, ma così non è stato e, visto il format, abbiamo dovuto concentrarci più che altro sul lavoro mentale da fare con una squadra che aveva smesso di combattere“.

      E’ esattamente così, con non vuol sentire o capire non sentirà né capirà mai…Per me la chiudo qui, con tutti quelli che nonn hanno meglio da fare che “dissare” me e quanti la pensano come me su Longo e sul trattamento a Lui riservato, dalla Società e da una parte dei Suoi stessi “tifosi”….

      E’ morto il RE, viva il nuovo RE, viva Marco Giampaolo!
      P.S. TeneteVi pronti però perché non è detto che resti molto più “a longo” di Longo ??????

      • -Non mi stupirei che al prossimo esonero di Giampaolo (c’è da augurarsi non troppo presto),per risparmiare il nostro” Conducator” sappia già chi mettere ( o meglio chi rimettere…).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui