Lavoro personalizzato per Izzo

14
553
Armando Izzo
Armando Izzo, difensore del TorinoFc

Sharing is caring!

Ripresa della preparazione per il Torino al Filadelfia con un allenamento pomeridiano. Marco Giampaolo ha suddiviso l’organico in due gruppi: i calciatori impegnati ieri nella partita contro il Cagliari hanno seguito un programma defaticante, mentre tutti gli altri elementi a disposizione hanno svolto una sessione tecnica. Lavoro personalizzato per Armando Izzo, per un risentimento muscolare ai flessori della coscia sinistra.

Tutti i tamponi eseguiti sul gruppo squadra hanno dato responso negativo: pertanto, nel rispetto del protocollo, il Torino resta in isolamento fiduciario. Belotti e compagni torneranno in campo domani: in calendario una sessione tecnico-tattica in preparazione alla partita di venerdì 23 ottobre, a Reggio Emilia, contro il Sassuolo. (torinofc.it)

14 Commenti

  1. Una delle poche forze di questa rosa è la duttilità, abbiamo giocatori per poter fare più moduli facendoli ruotare, 433, 352,3421, 442,4231 fossilizzarsi su una sola idea fra l’altro quando ti mancano due giocatori chiave per attuarla non è essere integralisti ma semplicemente autolesionisti, già al Milan voleva a tutti i costi far giocare Suso dietro le punte con risultati pietosi.
    Li poi si erano imposti Maldini e boban obbligandolo a passare al 433 (già alla seconda giornata ).

  2. Concordo per una volta con l’analisi tecnica di Tuttosport: “ E poi, vivaddio: Rincon è un mediano del Terzo millennio più alla Giacomo Ferri che alla Fusi, lo si sapeva bene e lo si continua a vedere. Non è un regista, per favore. Non è un regista. Ci mette cuore e palle: chapeau. Ma si provi piuttosto il giovane (formato) Segre o Lukic, al suo posto: loro sì con attitudini da registi adattabili. Si tenti, accidenti! Con gente affamata, non con i dormienti discontinui pure nei sogni (Meité) o con gli irritanti inconcludenti (Verdi, Zaza). Per dire: scopriamo anche questo Gojak al più presto, che a Zagabria faceva le uova da mezzala con gli attributi quadrati, ma volendo anche da trequartista di scorta. I Vojvoda e i Singo hanno mostrato bagliori: si coltivi pure l’ordinato ma non banale Segre e il nazionale bosniaco, ora”.

  3. Giacomo Ferri non era un mediano, era un difensore, e, in realtà, Rincon è molto simile del gioco a Fusi, entrambi mediani di rottura di grande corsa e grinta…
    detto questo sarei d’accordo nel provare Lukic come regista, meglio anche di Segre che regista non è
    e Singo in questa squadra deve giocare titolare sempre
    il problema è anche che degli acquisti fino ad ora, l’unico che sembra a suo agio (perché poi non è detto che siano brocchi, ma la resa in campo l’abbiamo vista tutti, a cominciare da Linetty, uno di quelli su cui c’è maggiore aspettativa…) è Vojvoda, cioè l’unico che non aveva esperienza col campionato italiano…

    • non scherziamo fusi era un fuoriclasse, aveva piedi da signor centrcampista, mica due ferri da stiro come tomas.
      io me lo ricordo fusi, che saliva cravero e lui stava dietro a fare il libero.

  4. 13 punti in 22 partite con 3 allenatori diversi.
    Non vi sembra che ci sia qualcosa che vada oltre i temi tecnici, considerato che la rosa é si assai mediocre ma complessivamente non proprio pessima ?

  5. dai, però nn possiamo alterare la realtà, Fusi era un bel giocatore, un mediano bravo a difendere, grande corsa, sapiente nel mantenere posizione ed equilibri, ma in quella squadra non era certo lui ad impostare il gioco e ad avere i piedi migliori, in quella squadra c’erano Scifo e Martin Vazquez…

  6. eh vabbè era un fenomeno dal 90 al 92 non ha sbagliato un intervento, una partita, avrebbe dovuto avere almeno un premio come milgior giocatore del campionato.
    cravero poteva salire perchè il FENOMENO rimaneva dietro a difendere (altro che baresi detto il vigile pensionato col braccio perennemente alzato).
    FUSI era intelligentissimo, poi chiaro avendo scifo e martin vazquez era in ombra.
    ma era un super-campione.

  7. sei ostinato eh? in quella squadra i campioni erano Scifo e Vazquez, lo sarebbe stato anche Lentini non si fosse rovinato la carriera da solo, ma Fusi un campione non lo è mai stato, poi che fosse intelligente siamo d’accordo

  8. Fusi era un signor centrocampista, una caratteristica oltre la tenacia era quella di non sbagliare un passaggio, impostava anche oltre a Scifo e M.Vasquez era un rifinitore…..comunque era una squadra di campioni.
    E’ stato forse sottovalutato.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui