Ora serve un pareggio col Benevento, per questo Toro è un’impresa.

3
1107

Sharing is caring!

Dando per scontato che Inzaghi batterà in casa il Crotone e che il Toro andrà a farsi una passeggiata a Roma martedì. Si deciderà tutto nell’ultimo turno di campionato. Il Toro in casa e con due risultati su tre da giocarsi. Il Benevento costretto a vincere, ma più su di morale, con meno paure e meno da perdere. E tutta una settimana per prepararla, noi saremo costretti pure ad andare a Roma. Ennesima beffa di questa stagione maledetta. Insomma partita aperta, salvezza cinquanta e cinquanta. Non ci sono favoriti. Oggi è stato un disastro. Male tutti, chiare ed evidenti le scorie dei sette gol milanisti. Malissimo dietro dove N’Koulou, Izzo e Bremer ne hanno combinate di ogni colore. Saponara e Nzola sembravano Maradona e Careca nel primo tempo. A proposito ha fatto più Saponara oggi che Verdi in due anni da noi. Ancora una volta, l’ennesima, non pervenuto Sanabria. Vero che giocare con i soli lanci lunghi, e spesso sbilenchi, non è facile. Ma il movimento di Tony è pari a zero. Un po’ meglio nella ripresa Belotti, certo che anche il vero Gallo era un’altra cosa. Male tutti a metà campo, loro andavano il doppio, anche Mandragora ormai è naufragato senza speranza. Rincon fa pena. Vojvoda ha causato un rigore ingenuo, dopo un inizio di partita tutto sbagliato. Solo Ansaldi nel primo tempo ci ha provato. Verona fu fatale a Mazzarri, ricorderete la famosa rimonta da 3 a 0 a 3-3 che spazzò via la terza stagione del tecnico toscano. E anche Nicola sembra aver perso il Toro proprio dopo quel gol di Dimarco una settimana fa, in terra scaligera. Aver giocato con tanta leggerezza quella col Milan è stato uno sbaglio. Segno che anche Nicola è andato in confusione. Ora ci aspetta lo scontro finale col Benevento, aver pareggiato oggi non sarebbe servito a nulla. Il Benevento sta meglio di noi e gioca a calcio. Con la Lazio dentro le seconde linee, le terze se ci sono. Un’altra sbandata è ormai certa. Se prendiamo altri 10 gol chi se ne frega. Abbiamo solo una partita che conta. Questa squadra ha vinto 9 partite in un campionato e mezzo, ma stavolta basta un pareggio. Io non ho visto impegno, serietà, non ho visto niente. Ho visto uomini imbarazzanti. Se qualcuno ha ancora una voce in quello spogliatoio, parli ora o mai più. Se poi va male andiamo in B senza rimpianti.

3 Commenti

  1. Il Benevento sa giocare a calcio, la cairese di merda no.
    Altro che pareggio.
    Questi oggi non sarebbero in grado di pareggiare manco con una neo-promossa in D!
    VERGOGNOSI!

  2. Branco di smidollati in miniera dovete andare a lavorare per guadagnarvi la pagnotta mangia pane a tradimento poi chiamano la figlia Vittoria ma per piacere va

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui