Vagnati: ‘Juric sa che alle parole devono seguire i fatti in campo. Belotti? Tiene molto al Torino’

28
1865

Sharing is caring!

Il direttore tecnico del TorinoDavide Vagnati, ha parlato oggi in conferenza stampa presentando i nuovi acquisti, Marko Pjaca e Tommaso Pobega. 

Pjaca è un giocatore di grande talento, è un ragazzo che mi piace molto perché ha giuste motivazioni. Per lui questa è una stagione molto importante perché finora la sua carriera è stata frenata da qualche infortunio ma già l’anno scorso ha giocato con continuità. Pobega è uno di quei ragazzi che si è guadagnato ogni soddisfazione con la voglia, il sudore, l’abnegazione. Merita di essere arrivato in una grande piazza. Avevamo bisogno di un giocatore con le sue caratteristiche, la sua fisicità, la sua capacità di inserirsi. Siamo molto contenti che sia qua. Avevamo trovato l’accordo ben prima che arrivasse, poi è arrivato con un po’ di ritardo”.

Vagnati ha poi parlato del rapporto con Juric: “Se Juric è soddisfatto del mercato? Il mister è una persona molto intelligente, molto umile. Sa benissimo che alle parole devono seguire i fatti in campo. Capisco che dal punto di vista mediatico è venuta fuori una comunicazione diversa da quella che veramente era. Io con Juric ho un attimo rapporto, un rapporto vero, vogliamo costruire qualcosa di importante per il Torino. Non ci possiamo permettere di fare una stagione come le ultime due, le cose o cambiano o cambiano. Lo abbiamo dimostrato anche con gli sforzi fatti nel mercato. Ora dobbiamo cercare di andare tutti dalla stessa parte, quando dico tutti intendo anche giornalisti e tifosi. I tifosi sono molto importanti per noi, dopo la partita contro l’Atalanta i giocatori sono rimasti colpiti dal calore nonostante la sconfitta e il fatto che non fossero molti. Un progetto si costruisce man mano, nel quotidiano”.

Vagnati ha poi fatto un appello ai tifosi: “Per cambiare l’inerzia delle ultime due stagioni ci serve l’aiuto della città intera, dei tifosi. Il messaggio che è stato mandato anche negli ultimi giorni di mercato credo sia chiaro. Abbiamo preso un allenatore importante, con un contratto lungo. Sono convinto che i tifosi si riavvicineranno”.

Sul futuro di Andrea Belotti, che è in scadenza di contratto: “Belotti è una persona che tiene molto a Torino. Io penso che i risultati di tutti saranno determinati per il suo futuro, siamo sereni perché lui è un grande professionista che tiene al suo futuro e a quello del Torino. Non ci sono isterismi perché il calcio è cambiato, sempre più spesso i giocatori andranno vicini alla scadenza del contratto. Noi dobbiamo fare il bene del Torino, cambiare l’inerzia. Voglio che passi questo messaggio perché non ci possiamo più permettere di fare campionati come gli ultimi due”.

Il direttore tecnico granata ha parlato poi del mercato appena concluso: “A me piace molto cucinare. Quando cucino, prima apparecchio poi mangio. Anche sul mercato ho iniziato ad apparecchiare prima, poi le circostanze per prendere i giocatori si sono verificati alla fine ma eravamo già avanti con tutto. Credo che siamo stati bravi anche a prendere piatti importanti per il presente e per il futuro”. “Quest’estate abbiamo visto anche le grandi società avere difficoltà sul mercato, noi siamo riusciti a prendere giocatori importanti e farli venire a Torino per fare una stagione in cui dobbiamo svoltare”.

Sugli acquisti mancati di Amrabat e Messias: “Amrabat? In mezzo al campo siamo tanti, per questo non era una priorità. Messias è un giocatore che abbiamo seguito, abbiamo più volte parlato con il Crotone ma ho sempre avuto la sensazione che non si potesse concludere. Penso che Praet sia un giocatore di grandissime qualità, di grande talento e, prima che Messias andasse al Milan abbiamo deciso di puntare su di lui

Vagnati ha parlato anche di Mustafi: “Mustafi non è mai stato una nostra priorità, non è mai stato così vicino. Abbiamo fatto in difesa un investimento su un ragazzo del 2000, Zima, e siamo a posto così. Ci sono 29 giocatori in rosa ma quest’anno dovevamo cambiare qualcosa”.

L’acquisto che l’ha reso più orgoglioso: “L’acquisto di cui vado più orgoglioso? Sono state tutte situazioni difficili, chiaro che abbiamo fatto un investimento su un ragazzo del 2000, Zima, a cui va da tempo ma che ha tutte le qualità per crescere. Ha la fortuna di avere un allenatore molto bravo a lavorare con i giovani e a farli migliorare”.

Infine, il direttore tecnico del Torino ha parlato dei tanti giocatori arrivati in prestito con diritto di riscatto: “Tanti giocatori sono arrivati in prestito con diritto di riscatto, è una cosa certamente positiva perché se ne varrà la pena avremo la possibilità di far rimanere con noi i giocatori”.

(fonte calciomercato.com)

28 Commenti

  1. Caro DS tu piu’ che fatti hai fatto cazzate, hai preso giocatori inutili e non hai venduto gli inguardabili presenti in ROSA.
    Adesso se le cose non andranno bene sara’ colpa del Mister?, cosi come Mazzarri, Longo ,IlMaestro triste, Nicola adesso Juric.
    sei un inutile parassita comandato dal peggio che ci potesse capitare nella storia del nostro Toro. Il nano Ci ha regalato solo figure di merda, ci ha diviso con il suo esperimento sociale e ci continua a prendere per il culo, come l’articolo uscito nel sito ufficiale della cairese.
    Il giorno che sparirete sara’ un giorno di festa e rimarra’ nella storia.
    CAIRO VATTENE
    FVCG

  2. Ci sono alcuni giocatori che il campo lo vedranno pochino, probabilmente a Gennaio saranno più accomodanti circa il trovarsi un’altra squadra. Se la bocciatura del mercato si sofferma sugli esuberi, non mi pare un problema insormontabile. Se invece si contesta l’utilità degli acquisti fatti, al solito risponderà il campo, ma non mi pare che i giocatori presi siano un salto nel buio.

  3. Infatti in maniera obiettiva, simpatie o antipatie sterilizzate, il mercato è stato valido e promettente. Non era fattibile fare di più con un bilancio in passivo forte. Gli esuberi son stati accantonati visto che non li si può obbligare ad andarsene. i giovani Millico Segre Rauti son andati a giocare titolari per dimostrare se valgono anche no. La pietosa primavera ha fatto innesti numerosi (dei quali valore non so) ma almeno ci sono volti nuovi ed è stato tenuto l’ottimo allenatore. Più di questo in un momento così difficile dell’economia e della vita mi pare non corretto chiedere. Ovvio è solo la mia opinione.

  4. Soprattutto, l’arrivo di questi giocatori potrebbe essere l’occasione per parlare un po’ più di calcio giocato, magari persino dare un taglio a tutto ciò che ne è al di fuori. Pura illusione, lo so, niente al mondo potrà mai strapparvi dal gusto di queste polemiche ed accuse trita-palle infinite, sempre uguali.
    In teoria saremmo tutti tifosi della stessa squadra, però a qualcuno interessa vederli giocare bene e magari raggiungere qualche risultato, ad altri non gliene può fregare di meno, anzi, meglio se vanno in B.
    Ciò che importa è solo scovare nemici fantasma da stigmatizzare.
    Il giorno che sarà capita questa piccola incongruenza sarà un bel passo avanti per l’umanità.

  5. Ok, io cmq non sono incline a litigi verbali, ma reputo che il sereno scambio di opinioni, anche divergenti, siano finalizzate alla risoluzione dei problemi o perlomeno a cercare soluzioni. Se ti ho irritato o provocato non era certo mia intenzione. Detto ciò reputo che in un momento così complicato della vita economica e non solo, meglio non fosse possibile fare. Ergo gli do un voto buono all’operato del mercato, che l’abbia fatto uno simpatico o meno non mi frega nulla. Buona serata

  6. Con tutti questi post eliminati (anzi, strano che i miei stavolta ci siano ancora) non si capisce più chi risponde a chi, si perde il filo del discorso. Comunque, Marck, se parlavi a me, nessuna irritazione.
    Il sereno scambio di opinioni diverse è merce rara qua dentro, o sei bianco o sei nero, si rifiutano tutte le sfumature. Non so neanche chi ha iniziato questa ridicola, annosa, stucchevole contrapposizione.
    E se incitassimo un po’ la squadra? Mica il nano o Vagnati, la squadra, cazzo, il Toro.

  7. Qui non ci si può distrarre un attimo che appaiono nuovi messaggi, ne scompaiono altri e quando sii ritorna a leggere non si capisce na mazza da un post all’altro🤣🤣🤦‍♂️.
    Ovviamente è sparito il mio commento in cui ero d’accordo con Topo e citavo due protagonisti… Dell’altro sito, e c’è un commento di Pietro che non so a cosa si riferisca. Mi fai un piccolo riassunto Pietro della serata, prometto che cliccherò continuamente il tasto aggiorna prima che rischi di sparire appena apparso😂

  8. C’è un bug nel server, che pare mangi e poi sputi e poi rimangi e poi risputi i messaggi: solo qui prima erano mi pare 20, poi 14 poi ora leggo 23 messaggi e comunque mancano almeno quello di Fabry, alcuni di Mariano e Andrea, almeno una risposta di Bertu e ancora quelli di Toro71 e Dalla che chiedevano del perché del cambio di nick a Bertu e poi rispondevano al suo post sul “tonto” e sul “finto tonto”. Credo di averne dimenticati alcuni e chiedo venia: la prossima telecronaca di post sarà più completa, server permettendo, un po’ come il Toro, prima manca il centrocampo, poi l’attacco, poi i laterali e poi la difesa e quando compare uno scompare l’altro. Si scherza sul.. server, per niente sul Toro.

  9. vero è che ci vorrebbero giornalisti che fanno domande vere … ma lui potrebbe partire con qualcosa di più sobrio e non mentire spudoratamente come invece ha fatto … “mercato importante” “sacrifici del presidente” …. ma come sacrifici, si è sacrificato ad intascarsi 6 mil di € ??? Ma come possono tutti quelli in sala stare in silenzio e lasciarlo sproloquiare così … e dai, un minimo di decenza

  10. -La curiosità di vedere all’opera i nuovi acquisti ed il tempo dei loro inserimento negli schemi di Juric è grande.
    Se tutto dovesse procedere come noi tutti auspichiamo penso che finalmente potremo toglierci qualche soddisfazione che manca ormai da troppo tempo . Non nascondo che dovrò tenere a freno l’impazienza nei prossimi incontri, nel constatare che qualcuno tarderà ad assimilare ed eseguire quanto l’allenatore chiede in sincronismo con il resto della squadra.
    Nutro qualche timore per i prossimi incontri ravvicinati in cui, anche per l’impegno delle rispettive nazionali, verrà a mancare il tempo necessario per una serie di allenamenti essenziali.. Presumo che difficilmente si potrà vedere presto in azione i nuovi arrivati se non per qualche spezzone di partita. Speriamo in positivo.
    FVCG (ora e per sempre).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui