La Lazio ruba un punto al Toro di Juric

1
1044
Marko Pjaca
Marko Pjaca

Sharing is caring!

La Lazio ruba un punto al Toro di Juric.

Bella grossa l’ha fatta la cazzata Djidji, ma dove cavolo deve andare l’attaccante della Lazio, dove????? Che se solo lo sfiori Muriqi vola come un fringuellino. Temporeggiare. Del resto Djidji il nostro bravo allenatore l’ha trasformato da uno dei peggiori della serie A in un buon difensore, ma non può far miracoli. Per il resto solo Toro, nostre le azioni pericolose del primo tempo, Sanabria ha esaltato Reina di testa. Primo tempo con le squadre guardinghe ma con il Toro decisamente a dettare il ritmo. Poi secondo tempo senza remore, gol di Pjaca, e occasioni per Ansaldi, Djidji di testa, possesso palla e tanto gioco. Intensità in ogni parte del campo, pure Aina sembra spingere non a cavolo ma con qualche idea costruttiva. Entrato poi Ansaldi la qualità è aumentata. Oggi con Praet là in mezzo la si vinceva sicuro. Praet non è Linetty, Sanabria non ha la potenza del Gallo. Finalmente questo scorcio di autunno di Juric ci sta facendo riscoprire la qualità. Con i giocatori bravi si possono fare il pressing, gli anticipi, i triangoli anche a Torino, incredibile ma vero. Marco Pjaca è entrato di nuovo molto carico, ha fatto un bel gol, e forse ha ecceduto solo un  po’ nel cercare di dribblare tutta la difesa romana. Bene anche Brekalo, che vorrei vedere vicino alla potenza di Belotti, negli spazi creati dal Gallo. È vero sprechiamo tante energie ma vedere finalmente quella maglia sudata è una gioia. Per due anni l’abbiamo messa via nemmeno stropicciata. Ora per fare il salto definitivo bisogna ridurre al minimo i singoli errori, davanti alla porta e nella nostra area. Questa partita era già vinta. E non si può dire nemmeno che il Toro abbia avuto paura, prima del rigore di Immobile solo occasioni per raddoppiare dei granata. Juric fa i cambi e la panchina risponde. Forse solo Mandragora è uscito troppo presto. Segno che la squadra è tutta unita. Segnalo solo che nel primo tempo l’arbitro Abisso regala due calci d’angolo ai laziali, non ne vede altrettanti nostri, ammonisce Brekalo per un fallo che non è fallo nemmeno nel softball, e non gli è sembrata vera la cazzata di Djidji. Poter omaggiare Mister Lotito di un rigorino. La Lazio non sembrava nemmeno una squadra di Sarri per come si è difesa per tutta la partita. Le ha provate tutte, da Luis Alberto a Savic, a Pedro. Risultato, un rigore gentil dono granata. Onore al Toro. Ora vincere a Venezia, e poi concentrarsi totalmente sulla “partita”.

Segnalo solo che alcuni utenti di dazn a Torino come a Roma, come a Firenze, mi comunicano che stasera sull’app dell’emittente al posto della partita c’era scritto: “dazn non trasmette nel tuo Paese siamo spiacenti.” Ma va? E in quale Paese lo trasmette il campionato di serie A?  

1 commento

  1. Vero diego io da Cuneo ho dovuto ripiegare su Sky perché su Dazn non riuscivo neanche ad accedere; comunque partita volitiva e di sostanza la nostra contro una squadra di grandi palleggiatori che avrebbe dovuto essere il nostro peggior incubo. Ho goduto veramente quando i cronisti, di parte more solito, hanno comunicato con mestizia stats che ci vedevano prevalere 16 a 3 nei tiri e 5 a 1 nei tiri nello specchio. Peccato per il finale ma con questo spirito cresceremo sicuramente.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui