Il Toro è troppo ingenuo, Mazzoleni invece sa benissimo cosa fare

1
2107
Daniele Chiffi
Daniele Chiffi

Sharing is caring!

Il Toro è troppo ingenuo, Mazzoleni invece sa benissimo cosa fare.

Quel signore vestito di giallo che ha corricchiato per il campo nemmeno lo considero. Un pupazzo in mano a Mister Var Mazzoleni. Richiamato all’ordine l’omino in giallo ha buttato fuori Singo, cambiando la storia della partita. Non sto a giudicare sull’espulsione di Singo. Non è questo il problema. Ma il primo cartellino giallo ai toscani quando è stato esibito? Ma di cosa parliamo del resto Mazzoleni… Parte e protagonista di un sistema che tutti i tribunali italiani stanno scoperchiando, il campionato di calcio di serie A. Al confronto il campionato colombiano è la tombola di Natale di Sant’Ippolito. Poi certo la cazzata la fanno Singo e Zima, non si può prendere una ripartenza così sul due a zero. Pure Juric qualcosa deve raddrizzare, perchè un’azione così farebbe rabbrividire pure Zeman. Va bene lo spettacolo ma ogni tanto equilibrio. E poi attenzione, anche nei momenti di sconforto, assurdo prendere un gol subito dopo l’espulsione. Certo la prima mezz’ora non c’è stata partita. Dominio assoluto granata, dovevamo essere tre o quattro a zero. Nonostante i tanti infortunati. E soprattutto i pochi cambi in panchina dal momento che neanche Brekalo stava benissimo. Zaza e il suo ingresso ormai sono solo fonte di incazzatura e basta. L’Empoli ha preso campo quasi e solo per inerzia, bello il gol di La Mantia ma si poteva fare di più pure lì. Pobega sempre gran lottatore, alla fine se andiamo a vedere la miglior occasione del secondo tempo è del Toro col contropiede di Bremer. Pochi giri di parole con il Gallo in forma e in campo oggi si vinceva facile. Anche con Mazzoleni in tribuna. Si gioca tanto, si gioca troppo e il Toro continua a perdere pezzi. Altri pezzi invece come Zaza, Verdi e per motivi diversi Baselli e Rincon è come non averli. Punti persi e buttati al vento, peccato. Attenzione che la classifica non è delle più belle. Juric deve inculcare ai suoi ragazzi una mentalità che servirà nei prossimi anni. Ma non sottovalutiamo i risultati. Perché ora arrivano Cagliari e Bologna, guidati da ex granata. Mazzarri sta tentando di fortificare il Cagliari e il suo gioco, che conosciamo bene, è adattissimo a mettere in difficoltà uno come Juric. Poi Miha che sta volando col Bologna. Noi non siamo in salute, bisogna usare la testa. Se poi il Signor Presidente nelle sedi opportune vuole chiedere che Mazzoleni stia lontano dal Toro lo capiremmo.

Ps: dall’altra parte del fiume intanto di nuovo rapporti che spariscono, fatture gonfiate che finiscono in falò improvvisati. Consiglieri che non parlano, cugini contro, gente che non c’era e se c’era dormiva, insomma stile Juve.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui