Sconfitta amarissima

0
410
Antonio Sanabria
Antonio Sanabria

Sharing is caring!

6^ GIORNATA DEL CAMPIONATO DI CALCIO – SERIE A -STAGIONE 2022/2023

SABATO, 10 SETTEMBRE 2022, ORE 18,00

INTER  –  TORINO:  1  –  0

MARCATORE: BROZOVIC all’89°.

INTER (3-5-2): HANDANOVIC (Cap.); SKRINIAR, DE VRIJ, DIMARCO (dal 31° s.t. BELLANOVA); DUMFRIES (dal 23° s.t. BASTONI), BARELLA, BROZOVIC, CALHANOGLU (dal 31° s.t. MICHITARYAN), DARMIAN (dal 40° s.t. GOSENS); DZECO (dal 23° s.t. CORREA), LAUTARO.

ALL.: S. INZAGHI

ESPULSI: NESSUNO

AMMONITI: BROZOVIC per gioco falloso.

CAMBI DI SISTEMA: NESSUNO.

TORINO (3-4-2-1): MILINKOVIC-SAVIC; DJIDJI, BUONGIORNO, RODRIGUEZ (Cap. – dal 31° s.t. ZIMA); LAZARO (dal 45° s.t. SINGO), LUKIC, LINETTY (dal 23° s.t. ILKHAN), VOJVODA; SECK (dal 23° s.t. RADONJIC), VLASIC; SANABRIA (dal 45° s.t. PELLEGRI).

ALL.: JURIC . IN PANCHINA: PARO.

ESPULSI: NESSUNO​

AMMONITI: AYROLDI di Molfetta. VAR: DI BELLO di Brindisi.

Il risultato finale sa di beffa, perché il Toro visto a San Siro contro l’Inter meritava almeno il pareggio. I granata hanno espresso un buon calcio, nel primo tempo sono stati nettamente superiori all’Inter, ma sono incorsi, ancora una volta, nell’errore che ha caratterizzato molto spesso le loro belle prestazioni, e cioè hanno subito il gol quasi al termine dell’incontro. Altro limite, si è dimostrata l’incapacità di mettere a frutto il bel gioco espresso, e cioè realizzare il gol come coronamento di efficaci azioni offensive. Handanovic, che in passato, anche recente, non è stato esente da colpe, conto il Toro ha sfoderato una serie di parate, risultando il migliore della sua squadra. Nel Toro, Vlasic, pur non essendo riuscito a segnare, ha disputato un’ottima partita, ed è ormai scontata la sua presenza come titolare fisso. E’ stato un ottimo acquisto, e la scuola di Juric, suo connazionale, non potrà che migliorarne ulteriormente le prestazioni. Un altro giocatore che è rinato con Juric è Linetty, completamente trasformato rispetto a prima, quando si stava profilando una sua cessione. Quanto il polacco è stato sostituito, il centrocampo del Toro ne ha risentito, e se la sua sostituzione non è stata dettata da problemi fisici, c’è da chiedersi perché sia avvenuta. Anche l’ingresso di Zima al posto del Capitano e sempre efficientissimo Rodriguez, che ha accusato un malanno muscolare, ha destato qualche perplessità, perché sembrava più opportuno lo spostamento di Buongiorno sulla fascia sinistra e l’inserimento al centro di Schuurs. Zima è entrato nel momento topico della partita, dopo essere stato assente dai campi per un lungo periodo, e quindi la sua forma non è ancora ottimale. Non si può dimenticare Buongiorno, che contro l’Inter ha sfoderato una prestazione eccellente. La cessione di Bremer non è stata vana, perché ha consentito alla Società d’introitare una bella somma, e al giovane cresciuto nelle giovanili granata di dimostrare le sue capacità che sono notevoli. Peccato la disattenzione del giovane Ilkhan, che ha rilevato il bravo Linetty; il turco non ha intercettato la palla che Barella ha indirizzato a Brozovic, il quale con un tocco ravvicinato, non  ha dato scampo a Milinkovic-Savic. Il Toro ha giocato una bella partita, ma è tornato da Milano a mani vuote; sono queste le situazioni che lasciano l’amaro in bocca, ma che, tuttavia, fanno ben sperare perché i granata hanno espresso un buon calcio; devono però cercare di concretizzare il bel gioco espresso, e non incorrere più nelle amnesie che vanificano le buone prestazioni messe in atto.

Franco Venchi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui