Le pagelle di Torino-Verona

8
348
Le Pagelle
Le Pagelle - di Sandro Mellano

Sharing is caring!

Milinkovic Savic: pomeriggio no per il portiere serbo. Non aiuta mai la difesa con uscite alte, incerto sul gol, combina un pasticcio tentando un dribbling e, cosa insolita, è spesso impreciso con i piedi. (5)

Djidji: vince il ballottaggio con Zima e si rende protagonista di una gara positiva. Mai in difficoltà salva anche Milinkovic Savic che stava per fare un gran pasticcio. (6,5)

Schuurs: fatica molto contro i centimetri di Djuric che lo beffa in occasione del gol su calcio piazzato, tenta nanche qualche proiezione offensiva. (5,5)

Rodriguez: tutte le sue prestazioni sono in fotocopia, sbaglia quasi nulla ma non fa mai tanto oltre il compitino; oggi limita anche molto l’appoggio all’azione offensiva. (6)

Lazaro: tocca molti palloni ma, tranne in una incursione in area avversaria, non mette mai palloni interessanti. (5,5)

Lukic: conferma il flop del Mondiale e la prima parte di stagione deludente, non solo non è mai decisivo ma, nel primo tempo, sbaglia un passaggio facile facile che avrebbe messo Radonjic davanti al portiere e al 96’ si mangia di testa una occasione colossale. (5)

Ricci: difficile che sbagli un pallone ma la cattiva forma di troppi compagni non gli consente di far girare la squadra come sa fare. (6)

Vojvoda: anche lui come Lukic sta facendo una stagione molto deludente; oggi non riesce mai a fornire un cross decente e in qualche occasione si perde l’avversario. (5)

Miranchuk: fino alla perla del pareggio la sua era una gara anonima, mai un guizzo e sempre in ritardo sulle seconde palle. Però il gol è un gioiello che gli vale la sufficienza piena. (6,5)

Radonjic: è in una di quelle giornate che fanno capire perché è un giocatore sul quale è difficile fare affidamento per un intero campionato. Non salta quasi mai l’avversario e l’unico tiro in porta è una telefonata al portiere avversario. (5,5)

Vlasic: riproposto come falso nueve sbatte contro il fisico di Hien e raramente si fa valere, con l’ingesso di Sanabria torna nel suo ruolo naturale ma non riesce a mettere in campo la sua classe. (6)

Subentrati:

Sanabria per Radonjic (20’ s.t.) ingresso impalpabile, solite sponde ma mai un’occasione in cui tenti di creare un pericolo. (5,5)

Linetty per Ricci (44’ s.t.): entra con il piglio giusto ma su un contropiede da lui propiziato può  scegliere tra un tiro e un assist ai compagni liberi in area  e invece centra l’unico avversario presente. (5,5)

Juric: ancora una volta la scelta dei tre trequartisti non paga e la squadra fatica a creare occasioni da gol. Spero sia pretattica la dichiarazione che non servono attaccanti. (5,5)

Sandro Mellano

8 Commenti

  1. Una prestazione che legittima la politica societaria di non firmare i giocatori con 6 mesi e 1 anno di contratto.
    Il problema è che non avendo scouting e neanche ds, li sostituiremo con giocatori più scarsi ancora.

  2. Comunque rimango convinto che con un Arnautovic o un Milik qualsiasi avremmo almeno 10 punti in più…… purtroppo continuiamo ad avere Pellegri…….

  3. Vorrei far notare che Schuurs dopo il gol di Diuric ha smesso di marcarlo come, prima, evitando di saltare sulle palle alte per contrastarlo ma aspettando il centravanti avversario a qualche metro. Secondo me, se è successo volontariamente per direttiva tecnica, è stato un errore. Anche se l’avversario ti sovvrasta di 10-15 cm non lo si può lasciare libero di saltare indisturbato e girare la palla di testa ai compagni.

  4. D’accordo con Pietro.
    Non abbiamo un portiere vero e affidabile dai tempi del primo Sirigu, d’altronde il nano e’ colpevole e agisce in mala fede per tenerci suoi ostaggi e, se va bene, a meta’ classifica.
    M. Savic non e’ e non sara’ mai un portiere.
    Quanto al resto, tutti mediocri e uno, il solito, pessimo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui