Allenamenti individuali al Filadelfia

11
598

Sharing is caring!

Allenamenti individuali oggi pomeriggio per il Torino con l’esclusivo utilizzo degli spazi esterni dello stadio Filadelfia, come da indicazione dell’Autorità sanitaria locale competente. Davide Nicola e il suo staff hanno diretto un lavoro basato sulla parte atletica. Domani prevista una nuova sessione di tamponi molecolari. (torinofc.it)

11 Commenti

  1. Cagliari che vince a Crotone pessima notizia per noi. D’altronde i sardi, che i giocatori ce li hanno, non potevano continuare a perdere….
    Quanto alla Lazio, vergogna piu’ totale e decisione oscena se la partita dovesse davvero giocarsi.

  2. Ragazzi purtroppo il regolamento è chiaro..se i tamponi di domani daranno esito negativo l’attività potrà riprendere regolarmente..purtroppo la sfiga vuole che tutto questo accade proprio nella settimana del turno infrasettimanale e anche se il buon senso e la sportività farebbe propendere per un rinvio saremo costretti a giocare…vada come vada l’importante è farsi trovare pronti domenica per il Crotone

  3. “Il 23 febbraio abbiamo disposto una quarantena domiciliare per tutto il gruppo squadra del Torino di almeno sette giorni e ribadisco che la quarantena di quel gruppo durerà fino alla mezzanotte di martedì 2 marzo”. A raccontarlo alla Gazzetta è il dottor Roberto Testi, direttore del dipartimento di Prevenzione dell’Asl Città Torino. E sono parole fondamentali, perché di fronte a questa posizione dell’autorità sanitaria domani pomeriggio, alle 18.30, Lazio-Torino non si potrà giocare all’Olimpico di Roma.
    linea chiara—
    Commenta per primo

    In questa storia, sin dal primo giorno, l’Asl ha sempre avuto una linea molto chiara, improntata al rigore e alla prudenza assoluta per la tutela della salute pubblica. Una linea confermata anche in queste ore: “La quarantena si scioglierà da mercoledì solo se non ci saranno nuovi positivi per il secondo giro di tamponi consecutivo”, spiega Testi. Ieri mattina l’Asl ha comunicato al Torino che dai tamponi di sabato pomeriggio non sono emersi nuovi casi di coronavirus. Per i granata è stata la prima volta nell’ultima settimana. Questo pomeriggio ci sarà un secondo giro di tamponi e se, per la seconda volta di fila, il risultato sarà ancora senza ulteriori positività “da mercoledì mattina i componenti di questo gruppo squadra potranno riprendere a fare il loro mestiere e scioglieremo la quarantena”, aggiunge Testi che, poi, ci tiene a fare una precisazione: “Ci troviamo di fronte a un focolaio infettivo diverso, a causa della presenza della variante inglese, e l’incubazione di questa malattia può essere anche di dieci giorni. Per questo motivo, visto che il nostro unico scopo è la tutela della salute pubblica, devono essere prese tutte le misure di sicurezza necessarie”.
    LEGGI ANCHE
    Torino, anche Nkoulou positivo
    Serie A
    Lazio
    Lazio
    02/03
    18:30
    Torino
    Torino
    quarantena—

    Un concetto espresso anche dal direttore generale dell’Asl Città di Torino, il dottore Carlo Picco: “La variante inglese richiede una prudenza eccezionale e questo potrebbe portare, in futuro, anche a rivedere il protocollo adottato dal calcio. Adesso ci muoviamo per la tutela della salute pubblica”. Con queste premesse e con questa linea assunta e confermata dall’autorità sanitaria, è chiaramente impossibile che questa sera o domani mattina i giocatori, i componenti dello staff e i dirigenti del Torino possano uscire dalle proprie abitazioni, dove stanno svolgendo la quarantena da martedì scorso, per mettersi in viaggio verso Roma. Lazio-Torino non potrà disputarsi.
    Cosa accadrà?—

    Ieri dalla Lega Calcio di Serie A è partita una richiesta di chiarimenti nei confronti dell’autorità sanitaria. Due i possibili scenari su cui si sono confrontati dirigenti e avvocati su come regolarsi nel caso in cui l’Asl Città di Torino confermerà che i componenti del gruppo squadra del Torino non potranno uscire di casa fino alla mezzanotte di martedì, e di conseguenza non potranno intraprendere il viaggio per Roma. Il primo scenario è quello che prevede di replicare sostanzialmente la stessa procedura seguita in occasione di Juventus-Napoli del 4 ottobre 2020: la partita non sarà rinviata, il Torino non potrà presentarsi perché dovrà rispettare gli obblighi di legge imposti dall’Asl e avrà la partita persa a tavolino. Successivamente, il club granata presenterà un ricorso che sarà accolto dalla giustizia sportiva, come accadde per il Napoli contro la Juventus davanti al Collegio di garanzia del Coni, con l’effetto finale che Lazio-Torino dovrà giocarsi. Il secondo scenario, invece, contempla che la Lega Calcio acquisirà il precedente di Juventus-Napoli come un elemento che ha fatto, nel frattempo, giurisprudenza.
    la scelta della lega—

    Inoltre il caso del focolaio del Torino si configura molto più grave rispetto alla vicenda che coinvolse il Napoli: per il numero dei tesserati positivi molto più elevato, per l’intervento immediato e diretto di un’Asl e infine per la presenza della variante inglese che aumenta in maniera esponenziale i rischi della moltiplicazione del contagio. Se prevarrà questa linea, la Lega (ne ha la potestà il Presidente) potrebbe decidere di rinviare la partita di domani e quindi stabilire già nelle prossime ore la data del recupero di Lazio-Torino, evitando un inutile corollario nelle aule dei tribunali sportivi che porterebbe a un finale identico.

  4. Esatto, alla fine basta fare come ha fatto il Napoli (con la differenza che noi i protocolli li abbiamo rispettati). Perdiamo a tavolino, ricordo, e poi la rigiochiamo a data da destinarsi.
    Consapevoli di ciò non converrebbe rinviarla già adesso ed evitare inutili perdite di tempo e ricorsi?

  5. Il mercoledì di Champions in premier han recuperato man.city- everton.
    Ora la settimana che non ha giocato la Juve non si poteva fare juvenapoli?
    No.
    Per il semplice motivo che la lega non vuole decidere.
    Si aspetta fine campionato e poi si recupera partita, in modo che se sarà decisiva x Champions (come credo io) si manda un certo tipo arbitro.
    Esattamente come x torolazio e laziojuve che sono 2 partite da vittoria a tavolino.
    È uno schifo.
    Cairo comunque è un poveraccio, riuscirà a farci perdere 3-0 a tavolino a Roma e a non farci ridare i 3 punti dell’andata

  6. Non si può giocare. Punto. La decisione della asl è chiaramente una forza maggiore e la lega e’ scandalosa se si mette di traverso

  7. Letto l’estratto della gazzetta che non conoscevo in tutti i dettagli. La questione è molto chiara sino al 2 marzo sono in quarantena e questo renderebbe impossibile l’effetto azione della partita, la posizione asl e’ chiara. Quel che succederà dopo e’ un altro discorso.

  8. Ho letto che in caso di impossibilità per la prima squadra di presentarsi, potrebbe venire convocata la primavera. Lazio Lotito e Inzaghi fanno talmente schifo che accetterebbero di giocarla e si impegnerebbero pure, esultando per un bel 6 o 7 a 0 …magari 7-1 per concedere il gol della banidera ai ragazzini granata che oltre tutto giocano oggi col Bologna …
    In passato lo fece la Juve contro l’Inter che per protesta contro alcune decisioni arbitrali si presentò con la primavera, la Juve senza pietà ovviamente non ricordo se ne fece 7 oppure 8 di goal e incamerò i tre punti.
    La Lazio comne società è come la Juve se non peggio, e tra l’altro sempre la Lazio è stata sempre coinvolta in ogni scandalo del passato, da scommessopoli a calciopoli , da passaportopoli nel 2001 e adesso ….ho coniato Covidopoli.
    Che schifo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui