Le pagelle di Torino-Roma

12
1034
Rolando Mandragora
Rolando Mandragora

Sharing is caring!

Milinkovic-Savic: anche lui rigenerato da Nicola. In tutte le precedenti esperienze in giro per l’Europa e anche in Italia aveva sempre deluso, forse, per poca convinzione dei suoi mezzi. Stasera gioca da libero aggiunto dando molta sicurezza nelle uscite fuori area. Incolpevole sul gol, si rende protagonista di una bella parata su tiro ravvicinato. (7)

Izzo: che bello rivedere il vero Armando, pulito e efficace negli interventi, l’ultimo dei quali cementa il vantaggio del Toro. (7)

Nkoulou: inizio così cosi, tentenna nell’azione del gol sbagliando il rinvio; poi cresce e diventa il centrale che siamo abituati a vedere, non sarebbe il caso di tentare il rinnovo contrattuale? (6,5)

Bremer: anche lui colpevole dell’inizio sbagliato del Toro, commette ancora una ingenuità ma si rende anche protagonista di due interventi difensivi eccezionali che trasforma in azioni di attacco. Nella ripresa va vicino al gol con un colpo di testa su corner (6,5)

Vojvoda: l’unica prestazione insufficiente della squadra, attacca ma conclude sempre con cross inutili, spesso saltato anche in fase difensiva. (5,5)

Lukic: nell’idea di Nicola doveva offrire più inserimenti offensivi di quelli forniti da Rincon, in effetti si trova alcune volte in area avversaria ma sbaglia due gol abbastanza semplici. Offre anche meno filtro del venezuelano. (6)

Mandragora: partita semplicemente sontuosa. Lotta davanti alla difesa, fornisce sempre una soluzione per i compagni, nel primo tempo si rende protagonista di un recupero miracoloso che sventa un contropiede della Roma, nella ripresa guida gli attacchi, conclude anche a rete in modo pericoloso e fornisce al Gallo un assist illuminante che porta al secondo gol. Grandissimo acquisto (8)

Verdi: nella nuova posizione è tornato un giocatore di calcio di buon livello, ma per giustificare l’investimento fatto deve ancora evitare errori banali, soprattutto nell’ultimo passaggio. Con i mezzi tecnici di cui è dotato non dovrebbe essere difficile, basta che l’allenatore e lui stesso continuino a lavorare sulla convinzione (6,5)

Ansaldi: quando raggiunge questo stato di forma atletica continua a fare la differenza, la classe è indubbia e lo dimostra con centinaia di cross, uno dei quali è una pennellata per la testa di Sanabria che segna il gol del pareggio (7)

Sanabria: partita ancora un po’ sottotono, però nel primo tempo sfiora il gol con una grande acrobazia e poi si trova all’appuntamento per trasformare in gol l’assist di Ansaldi, quinto gol da quando è al Toro; possiamo chiedere di più ad un attaccante? (6,5)

Belotti: è l’anima del Toro, oltre alla solita partita di grande sacrificio si rende pericoloso più volte nel primo tempo, nel secondo fa un movimento eccezionale per dettare il lancio di Mandragora per l’azione del 2-1 e nel recupero sradica un pallone dai piedi di Fazio per poi servire a Rincon un cioccolatino che il centrocampista trasforma nel gol della sicurezza (7,5)

Subentrati:

Singo per Vojvoda (18’ s.t.): qualche inserimento che dimostra la sua strapotenza fisica, bene anche in difesa. Il suo recupero sarà determinante per questo finale di campionato (6,5)

Rincon per Lukic (26’ s.t.): entra con la giusta determinazione, copre a centrocampo e si inserisce ripetutamente fino a trasformare l’assist di Belotti per il definitivo 3-1 (7)

Zaza per Sanabria: entra con una ferocia agonistica vista raramente, segna il gol del vantaggio e costringe Diawara a commettere il fallo che porta alla seconda ammonizione. Fosse sempre così….. (7)

Baselli per Verdi (37’ s.t.): ha troppo poco tempo per mettersi in mostra ma si guadagna un fallo molto importante per far respirare la squadra (S.V.)

Nicola: più vedo la squadra giocare e più mi convinco che questo allenatore non è solo grinta, ha trasformato un gruppo insicuro e impaurito in una unità coesa e determinata. Dopo due anni vediamo di nuovo il Toro giocare un buon calcio e, cosa non trascurabile, sa leggere molto bene le partite. Capisco che le decisioni vanno prese a, tocchiamo ferro, salvezza raggiunta però Nicola deve essere confermato a prescindere dalla media punti. (8)

Sandro Mellano

12 Commenti

  1. vado controcorrente, oggi il gallo non merita 7,5….si e’ dato da fare si ma spesso poco lucido , insomma non il miglior gallo…..poi basta con il voler battere le punizioni….un 6,5 per l ultima azione e’ gia’ tanto…voivoda non spinge mai..ancora acerbo sia lui che l’altro slavo Lukic…il 7 Sanabria lo merita tutto…quel pareggio scacciapaura troppo importante e solo lui poteva andare in cielo a prendere quel pallone

  2. Invece io la penso all’opposto su Belotti e Sanabria: il Gallo ha metà del merito su due dei tre gol, con il tiro ribadito in rete da Zaza e la palla conquistata da solo e offerta a Rincon con rara lucidità agonistica e altruismo, e per tutta la partita lotta su ogni pallone. Sanabria ha l’enorme merito di segnare il pareggio con uno stacco impetuoso ma a parte questo compie molti errori e in generale non ha giocato benissimo per me
    Sono d’accordissimo sulla pagella a Milinkovic, che io confermerei per le prossime partite, tanto Sirigu è già partito per altri lidi mentre forse troppo severa su Vojvoda e generosa su Lukic, che oggi non ne ha azzeccata una e si è divorato un gol fatto

  3. Belotti è stato straordinario al di là dei due gol. Vojvoda è vero che davanti ha combinato poco, ma Bruno Peres dalla sua parte non ha fatto nulla e non è vero che è stato superato con difficoltà.
    Sanabria anche è utile oltre al gol, crea spazi, attacca la profondità, dialoga con uno due
    Lukic ha sbagliato due palle gol ma tra le
    Linee è stato molto utile

  4. Indubbiamente l’inserimento di Sanabria e Mandragora insieme all’intuizione Verdi mezzala, ha aumentato il tasso tecnico e di conseguenza la qualita’ del palleggio nella zona nevralgica del campo.
    Pertanto si vedono azioni sviluppate dal basso e diventiamo piu’ pericolosi, costringendo gli avversari ad abbassare il loro baricentro e stare piu’ accorti.
    Se a tutto questo aggiungi la solidita’,l’autostima e la consapevolezza che Nicola e’ riuscito a trasmettere ai giocatori , ecco spiegato il motivo per cui si torna a fare punti e vincere.

  5. Intanto voglio fare un grande applauso a Verdi,anche se a volte sbaglia passaggi elementari si vede che è un giocatore rinato.
    Giuro mi sono detto: adesso quel pazzo di Nicola cambia Sanabria per Zaza ed il pelato ci regala la vittoria… Così è stato (anche se la consacrazione è avvenuta col gol di Rincon)!
    Se avessimo avuto questa squadra con Nicola sin dal principio avremmo parlato di tutt’altro campionato,ma tant’è.
    Grande mister,Non finirò mai di ringraziarti.

  6. Si parla troppo poco di Mandragora. A Parte l’immagine di cui sopra che già è indicativa del personaggio ma i suoi recuperi, i suoi lanci, i suoi tempi e la grinta mi hanno stupito. Giampaolo secondo me è inkazzato nero che con lui in mezzo e quindi Rincon al posto giusto con magari un cobra come Sanabria davanti, anche Giampaolo faceva piu bella figura seppure forse meno di Nicola.
    Il recupero di Mandragora su Pedro sul contropiede della Roma sullo 0-1 , credo mi rimarrà impresso per molto molto tempo. Io al posto di Cairo riscatterei Mandragora subito senza nemmeno pensarci, cosi come Sanabria. E dirò di più, per il prox anno credo che ad attaccanti siamo a posto , non toccherei nulla tantomeno Zaza che come vice punta si sta disimpegnando in modo egregio. Belotti, Sanabria, Zaza e non so perchè mi terrei pure Bonazzoli. Ha grinta e voglia il ragazzo , meriterebbe più spazio se solo non fosse legato ad una clausola per cui Nicola lo fa giocare poco ( Cairo avendo preso Sanabria , non vuole spendere altri 8 milioni per Bonazzoli)
    Dove il Toro ha bisogno di rinforzi è in difesa , dove perderemo NK e sulla fascia sx dove manca un vero vice Ansaldi . Rodriguez non lo è mentre Murru non ha la stessa tecnica per quanto abbia velocità.
    Poi magari spenderei per un trequartista che permetterebbe a Davide il prox anno di variare tatticamente più spesso. A centrocampo servirebbe un vice Mandragora e un altra mezzala di spessore.
    Inoltre partendo Sirigu serve un portiere . Da decidere se Milinkovic merita la titolarità o no. Se no prenderei Cragno . Ma già dimenticavo che il presidente è Cairo….

  7. il nostro mercato se ci sara’ dovra’ visto la certa permanenza di Cair o guardare le occasioni dalle retrocesse, 2 anni fa Benacer e Traore’ persi…l anno scorso Barak e Falco persi, quest’ anno penso che Kucka come trascinatore…tra l’altro 7 gol e parecchi assist al posto di Lukic-Rincon e il sempre mezzo rotto Baselli non sarebbe male, dal Cagliari Cragno………niente sogni alti..inutile sognare col nano..ma almeno miglioramenti….sulle fasce l ‘ultimo Ansaldi e’ tanta roba ma ormai lo sappiamo che non regge tutto il campionato e spesso e fuori rotto o non in forma..ne servono 2 decenti… io vorrei un ala vera a supporto delle 2 punte….uno veloce che salti l uomo….un nuovo Lentini…..con Sanabria dobbiamo arrivare a crossare di piu’ sulle fasce….do per scontato che il gallo se ne vada….e qui diventa duro trovare il degno sostituto a prezzi modici

  8. La cosa incredibile è che domenica sembravamo una squadra piena di tecnica.
    Il vero miracolo di Davide Nicola.
    Senza contare la cattiveria con cui si è andati regolarmente a strappare la palla dai piedi degli avversari in tutte le zone del campo. Ribadisco: Grande mossa la fiducia ad Ansaldi che in diversi frangenti, anziano o no, fa la differenza nei cross, Grande mossa, la posizione finalmente trovata a Verdi, STRE-PI-TO-SO l’acquisto di Mandragora e Sanabria. Ha ragione DJ, erano anni e anni che non si vedeva uno come Mandragora a centrocampo, è dovunque e fa sempre la cosa giusta, tra l’altro con un tiro da fuori potente e preciso che mette sempre in affanno il portiere avversario.
    Che Nicola vada stra-confermato, cascasse il mondo è la primissima cosa.

  9. Senza parlare del miracolo che sta facendo nel rivalutare giocatori che prima erano cadaveri, parlo di Zaza, Rincon, Ansaldi, Verdi e secondo me con Nicola anche Baselli e Lukic possono dare molto di più (il serbo comunque ha fatto un grande inizio di campionato pure con Giampaolo).
    Finisco con Milinkovic- Savic, io non so Vanja davvero cosa vi abbia fatto di male per continuare a denigrarlo, parere mio: Questo diventerà un grande portiere e complessivamente nelle occasioni in cui ha giocato quest’anno ha avuto un rendimento molto più continuo e persino più affidabile di Sirigu (almeno metà delle partite con grosse colpe). E comunque è unico, sono convinto che verrà ricordato a lungo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui