Aina in gruppo

3
422

Sharing is caring!

Allenamento pomeridiano per il Torino al Filadelfia. Dopo un iniziale lavoro in palestra, Ivan Juric ha diretto una seduta tecnico-tattica con esercitazioni sul possesso palla che poi si sono concluse con una partita a tempo e campo ridotti. In gruppo Aina, per il resto nessuna novità rispetto al report di ieri. Domani in calendario una sessione tecnica. (torinofc.it)

3 Commenti

  1. -E’ inutile nasconderlo ,almeno per me le preoccupazioni ed i timori per il derby sono accresciuti ,specialmente dopo che gli “innominabili” ieri sera hanno battuto il Chealsea, campione d’Europa, pur con una formazione rimaneggiata. Le mie apprensione maggiori sono date dalle incursioni di Quadrado sulla destra ,che già in passato ci avevano messo in serie difficoltà e lo stato di forma di Chiesa. Non riesco ad immaginare quali accorgimenti ,e con chi ,potrà adottare Juric per arginare le loro pericolose scorribande. Leggo da più parti che il nostro allenatore sa come sconfiggere i nostri rivali di sempre, ma non mi illudo più di tanto, temendo proprio che sia una semplice chimera.
    Sinceramente sottoscriverei per un pareggio; l’essenziale è affrontare l’incontro con il piglio e la mentalità giusta ed uscirne a testa alta. Se poi……
    FVCG (ora e per sempre).

  2. Condivido. Se ce la giocheremo a testa alta per tutti i novanta minuti il risultato sarà ” un di più”. Almeno per me. Infatti secondo me tutto quanto potrebbe arrivare dai match contro Milan, Inter, Napoli, Roma, Lazio e stercorari zebruti, sarà un extra. La legna che abbiamo a disposizione, ad eccezione dei nuovi arrivati che ancora devono confermare le nostre speranze, è quella che è. Quindi, almeno per ora, sono gli altri quelli da battere. Una sola cosa ancora: dovremmo guarire dalla sindrome di Manzoni, si, quella che riferendosi a Napoleone Bonaparte citava “… Tre volte nella polvere, tre volte sugli altar…” Infatti noi siamo un pò così: se qualcuno fa una buona partita diventa un dio salvo poi il dichiararlo ciofeca cronica se la partita dopo sbaglia un passaggio. Purtroppo riserviamo pure agli allenatori lo stesso trattamento. Ci manca un poco di coerenza. Infine domando a voi tutti:- Come ci si può rivolgere con insulti ferocissimi a quello che subito dopo definiremo ” fratello Granata?- Sono del parere che si possono criticare le scelte, le idee e le azioni, ma si deve rispetto per la persona alla quale appartengono.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui