Belotti, ecco le parole d’addio al Toro

26
2622
Andrea Belotti
Andrea Belotti

Sharing is caring!

Di seguito le parole d’addio di Andrea Belotti, apparse poco fa sul suo profilo instagram:

Caro Toro, cari tifosi del Toro, è difficile per me spiegare quello che abbiamo vissuto insieme in questi 7 anni. Sono arrivato che ero poco più di un ragazzino e giorno dopo giorno sono cresciuto, basandomi sui valori che questa squadra rappresenta.
Ho cercato di tirare fuori tutto quello che avevo dentro, in ogni allenamento e in ogni partita, per provare a ripagare l’amore che mi avete dimostrato.
Abbiamo sofferto, gioito ed esultato insieme. Ci siete sempre stati, in ogni situazione. Voglio dirvi un enorme GRAZIE. 
Grazie per quello che avete fatto per me, grazie per come mi avete fatto sentire, perché, anche nei momenti più duri, io sapevo che voi c’eravate sempre e comunque. Il vostro affetto mi spingeva a dare sempre di più.
Non so se sono riuscito a ripagare tutto ciò che avete fatto per me, ma una cosa è certa, nel mio cuore ci sarete sempre.
So che il mio silenzio, in tutto questo tempo, vi potrebbe aver ferito e vi chiedo scusa per questo, ma ci sono state situazioni che mi hanno portato a fare così.
Il mio pensiero è stato sempre quello di proteggere questa maglia e questi colori.
Ringrazio tutte le persone che hanno fatto parte di questo lungo percorso, di ognuno ricordo qualcosa che è entrato nel mio bagaglio di vita e in un modo o nell’altro mi ha fatto crescere.
Auguro il meglio ad ognuno di voi.
Ci sono ricordi che rimarranno indelebili: la fascia di capitano, la magia del 4 maggio, la curva Maratona che urla il mio nome.
Ora, me ne vado da uomo, da padre di famiglia, consapevole di aver dato tutto me stesso in questi anni.
Non sarà mai un addio, perché per me Torino rimarrà sempre casa.
GRAZIE di TUTTO ❤️🐂

Andrea

26 Commenti

  1. Ciao capitano, dopo il Toro verrò sempre a vedere che cosa hai fatto e spero che tu possa segnare valanghe di gol in Europa , così come in fondo desideravi. Mostra all’inglesino come sono i veri centravanti italiani, quelli da 112 gol in serie A, quelli che segnano in rovesciata, di potenza, in spaccata, di destro e di sinistro, di testa e anche con i coast to coast.. Sei un gran bravo ragazzo e per questo tutti, compagni tecnici, staff ti vogliono bene e trovo le tue parole sul tuo silenzio piuttosto eloquenti… hai preferito prenderti gli insulti di qualche tiepido tifoso anzichè fare polemica contro quel qualcuno che già conosciamo. Meriti ogni bene, così come la tua famiglia. Ci mancherai, anzi ci sai già mancando!!

  2. Ciao Capitano ti auguro il meglio. Certi stronzi non ti hanno meritato e non ti meritano.

    Se ne va l’ultimo dei Granata.

  3. E chi lo vedrà più uno forte come te da queste parti
    Sei un campione.
    Se fosse rimasto saresti stato una leggenda.
    Per me hai fatto una scelta sbagliata.
    Ma ti ringrazio di tutte le emozioni che ci hai fatto vivere.
    Ora hai tutto quello che desideri: l’Europa una squadra forte un presidente americano che incarta il prosciutto con i bigliettini da 100 dollari. un titolare da rimpiazzare… Buona fortuna.
    Ricordati solamente che quello che ti abbiamo dato noi è quello che ancora ti avremmo dato… non potrai avere da nessun altro. In bocca alla 🐺 Lupa!

  4. Grazie Andrea per tutto quello che hai fatto per il Toro.
    Sei un ragazzo serio, schietto e sincero e ho compreso, da subito, il motivo del tuo lungo silenzio.
    Purtroppo, pur avendo tu fatto una piccola parte della Grande Storia Granata, hai avuto la sventura di convivere con un proprietario pessimo, e questo ha inciso sulla tua scelta di non terminare la carriera con noi.
    Chissa’ che in futuro non ci si ppssa reincontrare, magari con un Presidente Granata.
    Comunque, buona fortuna e buona vita!

  5. Ciao Andrea
    A me rimane impresso un gol bellissimo contro i piastrellisti nella porta della curva primavera, nella quale io di solito mi andavo a sistemare.
    Ti ricordo così e ti dico grazie di tutto, ma proprio per tutto, dal primo all’ultimo giorno della tua permanenza tra noi.
    In bocca al lupo.

  6. Ciao Gallo,grazie per avere dimostrato a tutti noi di quale grande cuore sei stato vestendo i nostri gloriosi colori. Sono uno degli ultimi che a visto il grande Toro. Tu,per me sei stato degno di loro fino all’ultimo.Buona fortuna Gallo.

  7. -Tanti anni trascorsi assieme, condividendo gioie e dolori ,non si possono scordare facilmente. Sei stato un buon capitano anche se abbastanza lontano da coloro che sono entrati nella leggenda come portatori della fascia al braccio della nostra gloriosa maglia. Comunque grazie ; i giocatori passano ma il nostro amato TORO rimarrà per sempre.
    FVCG (ora e per sempre).

  8. Siete incommentabili, e sì Dalla, chi scrive certe puttanate solo perché il Gallo doveva finire la carriera al Toro per forza (ma perché? Anche a me avrebbe fatto piacere, ovvio, ma non lo denigro e non gli sputo sopra perché ha preferito un contratto oltretutto più basso andando in una squadra ambiziosa e con un allenatore carismatico come Mourinho, piuttosto che continuare ad essere preso per il culo, e molti tifosi per il culo continuano a farsi prendere, dal re dei TDC… ), non è uno che ha un’opinione diversa, o è un decerebrato o è in chiara malafede, e gli insulti al Gallo, quelli si che sono da asilo.
    E doveva scrivere ai tifosi 2 minuti dopo la scadenza del suo contratto (anche lì, esilarante, un giocatore da sempre saluta i suoi tifosi dopo che ha firmato o o quando sta per firmare per una nuova squadra, no, non va bene, ma percheeeeeeé?) poi scrive il messaggio, non va bene, non è lui a scrivere, parole ipocrite (altra roba da sbellicarsi, conoscendo il gallo, non fosse scritto da tifosi granata o pseudo tali) ecc…
    E poi sono io che fa insulti asileschi, che non rispetta le opinioni, quando dal giorno dopo la scadenza del contratto avete vomitato le vostre frustrazioni sul Gallo solo perché doveva fare come avevate deciso voi?
    Ma piantatela!

  9. Questi ultimi giorni sono stati per me i più tristi e penosi da quando, quasi 60 anni fa, sono diventata del Toro.
    Sono incredula, nauseata, schifata.
    Leggere la marea di insulti di ogni genere a Andrea Belotti , le derisioni, gli auguri che la sua carriera sia finita, gli attacchi e gli insulti anche a sua moglie (ho appena letto un “ci hai portato via il Gallo, merda” a lei rivolto su Instagram), arrivando anche a sbandierare fatti loro privati (che schifo!!) , mi hanno definitivamente costretta a prendere atto che siamo una tifoseria finita, frustrata, gobbizzata.
    Vergognatevi.
    Il Gallo ci ha sempre rispettato, ha onorato la maglia, ha segnato, ha sempre dato tutto anche quando giocava con chi sul campo pascolava ed incassava 7 gol. Il Gallo ha fatto innamorare del Toro centinaia di bambini, unico baluardo al nostro futuro.
    Il Gallo voleva semplicemente quello che noi dovremmo PRETENDERE DA ANNI : una società strutturata ed una squadra ambiziosa e competitiva.
    E lo ha ribadito a cairo, in un incontro a quattr’occhi avvenuto a Milano, ancora prima degli Europei. E gli è stata indicata la porta. O ti adegui al nulla, al pressapochismo, alla mediocrità, al galleggiamento o tanti saluti.
    Il resto, tutto il resto, come sempre successo, è stato il solito teatrino mediatico messo in scena da chi VI sta turlupinando da 17 anni. Ve la siete presa con Rosina, con Ogbonna, con Cerci, con Immobile, ecc. ecc. e lui, il burattino/burattinaio di Masio incassava plusvalenze e comprava bolliti e bidoni.
    Eppure continuate a cascarci, i polli siete voi non il Gallo.
    Se non capite che L’UNICO MALE DEL TORO E’ CAIRO, se non capite che anche il caso Belotti serve a farci scannare fra di noi, se non capite che invece DOBBIAMO UNIRCI perché il Toro non sia più tenuto in ostaggio da un bieco speculatore in malafede, che ci sta scientemente e volutamente portando all’oblio, SIAMO FINITI.
    E’ stata indetta un’Assemblea per incontrarci, per cercare di ricompattarci, per unire le forze.
    Vi prego, fatemi vedere che c’è ancora speranza.
    Aderite : statigeneraligranata@gmail.com.
    Maria Gismondi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui