Tra pochi giorni si ricomincia

5
116
Aleksej Mirančuk
Aleksej Mirančuk

Sharing is caring!

L’Argentina ha vinto il suo terzo Campionato del Mondo, dopo una partita entusiasmante e ricca di colpi di scena, terminata ai calci di rigore. La Francia, che aveva ripreso una partita che sembrava già compromessa sul 2 – 0 per gli argentini, ha fallito l’impresa, e cioè vincere due finali consecutivamente, a causa dei tanti errori commessi dal dischetto. In ambito sportivo, il 2022 è stato funestato dalla scomparsa di Sinisa Mihajlovic, già allenatore del Toro, che ha lottato con tutte le sue forze contro un male che, purtroppo, non gli ha dato scampo. Pochi giorni fa è mancato anche un grandissimo del calcio, Pelè  O REI,  campionissimo sia in campo, l’unico che ha vinto tre campionati del mondo con la  sua Nazionale, e sia nella vita privata. E’ scomparso anche un bravo giornalista, Mario Sconcerti, firma autorevole del “Corriere della Sera”. Inoltre, il mondo del calcio italiano è stato al centro dell’attenzione per due fatti negativi, che hanno riguardato, rispettivamente, l’AIA, con l’arresto del procuratore capo D’Onofrio, e le conseguenti dimissioni del Presidente dell’AIA, Trentalange, e la Juventus per l’inchiesta della Procura di Torino sulle plusvalenze e i bilanci della società bianconera. Ma tra pochi giorni, esattamente il prossimo 4 gennaio, si riprenderà a giocare, dopo la sosta per il Campionato del Mondo in Qatar; si ripartirà con la 16^ giornata, e con un incontro di cartello, Inter – Napoli. Sarà interessante vedere se la sosta prolungata avrà lasciato strascichi che possano influire sull’andamento del campionato, oppure se la cavalcata del Napoli proseguirà. Il Toro ospiterà l’Hellas Verona, partita che sulla carta sembra alla portata dei granata, specie dopo le buone prestazioni offerte nelle ultime amichevoli disputate dalla squadra, e dopo aver visto lo stato di forma di Vlasic, tornato a Torino dopo il terzo posto conquistato in Qatar con la sua Nazionale croata. Dopo vent’otto anni, il Toro è riuscito a portare un suo giocatore tra le prime tre classificate di un mondiale. L’ultimo, prima di Vlasic, era stato Mussi ad Usa 1994. In questo periodo tengono banco le trattative del calciomercato. Come al solito, sono tanti i nomi che circolano, poi magari si concretizza l’acquisto di un giocatore che non era mai stato nominato. Sono le strategie dei vari Direttori Sportivi, che lavorano sotto traccia. Il Toro deve, in primo luogo, cercare di soddisfare le richieste di Mister Juric per evitare che approdi in altri lidi; in effetti sembra che il tecnico croato sia molto ambìto. Ma l’obiettivo primario dovrebbe essere l’acquisto definitivo di quei giocatori che già vestono il granata, e che hanno dimostrato di possedere le qualità per far fare un salto di qualità al Toro, e su tutti, Vlasic. E poi, Radonjic, Miranchuk. Pellegri è sfortunato; si è infortunato di nuovo, e credo che il Toro stia cercando un giocatore in grado di andare in doppia cifra, per quanto riguarda il numero di gol realizzati. Nelle prime quindici giornate di campionato, il Toro ha fatto vedere cose interessanti, ma ci aspettiamo che in questa seconda parte della stagione, i granata possano fare ancora molto di più.

Franco Venchi

5 Commenti

  1. Forza toro
    Essenziale fare i 3 punti x non dare speranza al Verona e per mettere quei mattoncini che ci portino a quei 34-35 punti basilari per rimanere in A.
    Si vivacchia in attesa che la mela verde maturi e capisca di avere fatto il suo tempo …

  2. Qualcuno aveva dichiarato sul forum che nel periodo dei mondiali ci sarebbero state novità importanti riguardo la società.
    Non ricordo il nome del forumista ma,senza alcuna polemica da parte mia,potrebbe aggiornarci nel caso?

    • Si.
      Così mi era stato detto.
      Ora pare ci possano essere novità entro marzo.
      Mi è ormai chiaro che queste voci siano messe in giro ad arte da ambienti vicini al club se non proprio direttamente dal coso: si sposta sempre più in là, un mese, due, quattro, fine campionato, no, fine anno fiscale, in attesa di un giorno che poi non arriva mai.
      Il calcio è un gran bel business, se poi il governo ti fa pagare le tasse in ritardo con solo una sanzione al 3% invece che al 30% come sarebbe cosa buona e giusta, se non hai nemmeno il rischio di doverti rivolgere a una banca che magari ti strozza e ti porta via tutto come a cimminelli & sensi ma arriva mamma Sace, beh é chiaro che diventa una pacchia.
      Non investi nulla, una media di 1,7 milioni l’anno in sbilancio acquisti/cessioni, fai cacciare dallo stadio chi ti contesta, i giornali stanno muti nel peggiore dei casi oppure trovi i criscitielli che scrivono che Ferrero sia unica salvezza x la Samp, il presidente federale si impegna non a mandare via tutti gli imprenditori italiani mangioni sostituendoli con manager validi esteri, e quando mai ti schiodi dalla poltrona.
      La nostra unica fortuna e speranza è che il settore più sfigato, a più basso margine di utili x un imprenditore è il cinema ( Ferrero e de Laurentiis). Il secondo sono i media e i giornali. Speriamo.

  3. -Massima curiosità nel vedere come andrà l’andamento del mercato da domani al solito ultimo minuto del 31 gennaio. Chissà perché ma non mi sento granché ottimista.
    FVCG(ora e per sempre).

    8

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui