Gigi Meroni
Gigi Meroni

Domenica 12 marzo 1967

È domenica, si gioca la settima di ritorno del campionato 66/67; a San Siro l' Inter del mago Herrera riceve il Torino.
I nerazzurri Campioni d'Italia sono in testa alla classifica con 37 punti, mentre il Toro è ottavo a quota 24; troppo forte l' Inter per avere paura dei granata e nella testa c'è ancora la vittoria a Madrid, in Coppa Campioni, che vale le semifinali del torneo.
Herrera lascia fuori Mazzola e Bedin, mentre Rocco ha tutti a disposizione.
La partita dovrebbe essere una formalità, ma il Toro è in giornata di grazia ed alla fine del primo tempo il punteggio dice: Inter 0, Torino 2, con Gigi Meroni e Puja a marcare le reti granata, Gigi a colpire il palo e Combin che costringe Sarti a compiere due grandi patate.
Nel secondo tempo, l' Inter attacca e dopo che Combin, in contropiede, sbaglia il 3-0, segna con Bicicli la rete del 2-1, punteggio con cui termina la partita.
Da ricordare la formazione granata: Vieri, Poletti, Fossati, Puja, Maldini, Cereser, Meroni, Ferrini, Combin, Moschino, Simoni; ma da ricordare è soprattutto la rete incredibile di Gigi Meroni, che con un pallonetto strabiliante lascia letteralmente di stucco Sarti e tutto lo stadio.
La rete è secondo Herrera, "fortunata", peccato che il mago abbia poca memoria, dato che il povero Gigi aveva già messo a segno reti molto simili, contro l'Atalanta ed in Nazionale contro l' Argentina.
Il Toro, quel Toro, è squadra strana, capace di tutto nel bene, ma pure il contrario, e la dimostrazione è l' 1-1 della settimana successiva, in casa contro il Lecco, che finirà ultimo in classifica con 17 punti, 21 meno del Torino.
Da: "40 ANNI DI TORO", La Cesenate editrice, prefazione di Eraldo Pecci

Maurizio Vigliani

Dedicato al suo papà che quel giorno compiva 41 anni ed oggi ne avrebbe 98

 

La Farfalla Granata

Gigi Meroni la Farfalla Granata

Quel lunedì mattina mi sveglio con ancora negli occhi la bella vittoria con la Sampdoria e mi preparo velocemente per andare a scuola al Sommeiller dove frequentavo la 1^ superiore; sono eccitato perché non vedo l’ora di commentare la partita con il mio amico Ciuffo, compagno di pomeriggi all’Agnelli passati a giocare a calcio, anziché sui libri di scuola. A quei tempi i ragazzi della mia età andavano a letto presto la sera e a me non era permesso guardare la Domenica Sportiva, che andava in onda alle 22.30 ed era l’unica forma di informazione sportiva. Si ragazzi, a voi sembrerà strano, ma noi non avevamo internet, alla radio “Tutto il calcio minuto per minuto” si collegava all’inizio del secondo tempo e non c’erano trasmissioni di approfondimento ad ogni ora della domenica e su ogni canale televisivo……ma siamo sicuri che fosse peggio allora?

Dunque, esco di casa correndo, con i libri che mi scivolano da sotto il braccio, perché, come ogni mattina, ho appuntamento per prendere l’autobus con zio Andrea, l’uomo che la domenica, da quando era morto il mio papà, mi portava a vedere il Toro per proseguire la tradizione di famiglia e che, purtroppo, anche lui vede, da troppi anni, le partite insieme agli invincibili.

Gli vado incontro e vedo che ha la faccia sconvolta e gli occhi lucidi, subito non capisco, ma lui apre il giornale che ha sotto il braccio e mi mostra il titolo in prima pagina: “E’ morto Meroni”!

Mi chiedo come sia possibile, ieri ha giocato una partita stupenda e la prima reazione e pensare di vivere un brutto sogno. Purtroppo è tutto vero, una macchina l’ha investito, c’era anche Poletti che è rimasto illeso, lui non ce l’ha fatta. Lui era il mio idolo, quando andavo allo stadio la prima cosa che controllavo, all’ingresso delle squadre, era se lui c’era e quando vedevo la figura esile con i calzettoni abbassati sulle caviglie, ero sicuro che la partita non sarebbe stata banale.

Ho provato un senso di vuoto e ho pensato di tornare a casa, poi ho deciso che era meglio andare a scuola per condividere con gli amici quel grande dolore.

Arrivato, il primo che incontro è proprio Ciuffo, mi corre incontro, mi abbraccia e insieme piangiamo inconsolabili per la perdita del nostro giocatore preferito ma, soprattutto, per la perdita di un ragazzo meraviglioso, originale e amato da tutti.

Il resto è storia, i funerali con il Presidentissimo Pianelli che piange la perdita di un giocatore che per lui era come un figlio; e poi il derby, la vittoria per 4 a 0 con l’ultimo gol segnato da Carelli con la maglia di Gigi.

Oggi, come tutti gli anni, andrò al monumento in onore della nostra Farfalla in Corso Re Umberto, segno di riconoscimento per un giovane straordinario che ha meritato un posto tra i nostri eroi indimenticabili.

Ciao Gigi, da lassù aiutaci a tornare la squadra di un tempo!

Sandro Mellano


💬 Commenti (17)

Cuoretoro.it è un portale web creato e gestito da tifosi granata. I nostri contenuti (articoli e foto) sono riproducibili citando la fonte www.cuoretoro.it

Powered by Slyvi