Longo: “Bremer può diventare uno dei top in serie A”

4
649
Moreno Longo
Moreno Longo

Sharing is caring!

Ai microfoni del canale ufficiale del Torino, l’allenatore piemontese Moreno Longo ha presentato la gara casalinga con la Roma di domani: “Non poter allenare nel quotidiano è di grande difficoltà, così come giocare a porte chiuse: è un handicap non poter contare sui tifosi, specialmente sulla nostra gente che è molto passionale. 10 partite in un mese? Me l’aspettavo così dura, la stanchezza fisica e mentale si accumula e mantenere alta la concentrazione è stato probante. La capacità di adattamento è stata di aiuto, alla fine chi si adattava meglio ne traeva i benefici più alti. Abbiamo lavorato nel modo migliore, faccio i complimenti allo staff e ai ragazzi. Hanno fatto una vita fuori dal campo rispettosa dei canoni. Dobbiamo affrontare le ultime due gare nel migliore dei modi, cercando di trarne il massimo come abbiamo sempre cercato di fare. Insisto sempre sulla professionalità, bisogna dare sempre il 110% e a maggior ragione con la maglia del Toro, che è da onorare ogni volta che si scende in campo, al di là di ogni smanceria”.

“C’è chi ha tratto benefici nel post-lockdown, la Roma è una di queste. Hanno cambiato modulo e hanno tanti giocatori da poter ruotare, sono tra i più in forma del campionato. La Roma è una squadra in salute, ma dobbiamo creare una mentalità vincente: dobbiamo cercare di meritarci sempre questa maglia e un posto in questa società. Formazione? Potrebbe esserci qualche cambio, anche se controlleremo bene dopo l’allenamento. Mi auguro di poter dare spazio a qualcuno ma mettendo in campo una squadra equilibrata e all’altezza. Lukicdomani sarà della partita, spendo parole positive per lui: ha grandi qualità sportive e umano. Ha sempre lavorato sodo, è un ragazzo che con più consapevolezza potrà far parlare ancora più di sé. Verdi? Non è da tutti assumersi responsabilità e fare autocritica, ma lui lo ha fatto. E’ un ragazzo con qualità importanti, che deve sbloccarsi nell’approccio alle partite: quando gestisce bene le pressioni, può essere decisivo. Mi auguro che il suo percorso sia più continuo. Bremer giocherà. Credo molto nel ragazzo, il Toro potrà affidarsi a lui perché ha grandi prospettive e margini di miglioramento. Può diventare un top del campionato”.

(fonte tuttosport.com)

4 Commenti

    • Ciao fratello excalibur: si forse top player è ancora presto ma di sicuro è stato una delle poche note liete di questo maledetto Girone di ritorno.
      E nel finale ci metto pure Verdi tra le note liete, è un ragazzo ormai recuperato; tardi per questo campionato ma perfetto per il prossimo

  1. concordo con Moreno e lo dicevo quando Bremer veniva contesta dai piu’….qualche errore e un po di sfiga sui rigori….ma se non ci fosse stato ??

  2. Anch’io penso che Bremer possa diventare un ottimo centrale difensivo,da qui a pensare che riesca ad essere un top Player però è ancora presto.
    Ad ogni modo è ancora giovane,discreta tecnica di base con entrambi i piedi,molto rapido nonostante la stazza,negli ultimi tempi é migliorato tantissimo anche in marcatura e infine ottimo anche in elevazione e anticipi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui